Come diventare personal shopper

Di Marta Ferrucci.

Come si diventa personal shopper? Corsi per iniziare, come funziona la professione e altre indicazioni utili

COME DIVENTARE PERSONAL SHOPPER

Come diventare personal shopper
Come diventare personal shopper — Fonte: istock

Dopo il personal trainer, l'istruttore che viene a casa tua e fa lezioni personalizzate o che ti segue nei parchi e nelle palestre con allenamenti mirati per il tuo fisico, arriva anche il personal shopper, l'istruttore personale di... shopping!

PERSONAL SHOPPER COME FUNZIONA

Il personal shopper deve essere in grado di individuare negozi, prodotti e tendenze secondo i gusti del proprio cliente. Il personal shopper può lavorare anche all'interno di centri commerciali, hotel, agenzie di viaggi, altre strutture di lusso.

Esistono persone benestanti, per non dire ricche o ricchissime, italiane ma soprattutto straniere, che vengono nel nostro paese qualche giorno l'anno non a visitare musei ma a fare shopping e che, per razionalizzare al massimo il loro tempo, hanno bisogno di qualcuno che conosca bene il territorio in cui muoversi. È così che è nata questa nuova figura professionale che promette di essere un'ottima occasione per chi vorrà e saprà affermarsi in questo settore. Il personal shopper, infatti, è già diventato un "must" per chi ama distinguersi ed ha i mezzi per farlo.

PERSONAL SHOPPER: COME INIZIARE

Se vuoi fare dello shopping altrui i tuo mestiere, leggi attentamente quanto segue:

  • Il personal shopper accompagna persone di un certo livello sociale. È quindi indispensabile avere una buona cultura, modi gentili, essere affabili e simpatici;
  • Indispensabile è l'ottima conoscenza della lingua inglese e preferibilmente di un'altra lingua. I clienti, infatti, saranno soprattutto stranieri;
  • Il personal shopper deve avere una conoscenza perfetta del territorio su cui si muove: negozi, piccole botteghe artigiane (molto amate dagli americani ma non solo!), attività commerciali particolari anche se fuori dalle rotte più conosciute. Deve saper portare a colpo sicuro i propri clienti a seconda di cosa devono acquistare;
  • Il personal shopper deve avere anche gusto. In molti casi, infatti, si troverà a dover dare consulenze sul look, dare consigli sugli acquisti;
  • Dovrà dare una disponibilità di orari piuttosto vasta. Anche se il cliente è in città per pochi giorni, è probabile che chieda di avere compagnia anche per pranzare o cenare.

CORSI DI FORMAZIONE PER DIVENTARE PERSONAL SHOPPER

Quello del personal shopper è un mestiere come un altro: non ci si può affidare all'improvvisazione ed è necessario iniziare con una formazione ad hoc. Esistono molti corsi di formazione per diventare personal shopper in tutta Italia, ecco i più conosciuti:

  • L'Istituto Europeo di Design propone un corso di personal shopper: consulta il sito per maggiori informazioni.
  • Anche l'Accademia del Lusso ha inserito un corso di personal shopper tra le sue proposte formative. Consulta il sito ufficiale.
  • L'ESR, Ecole Supérieure de Relooking, scuola di consulenza di immagine, offre corsi per diventare personal shopper completi di certificazione. Consulta il sito ufficiale.

Per iniziare, per chi non ha la fortuna di avere nel proprio giro di amici e conoscenti persone altolocate che facciano conoscere l'aspirante personal shopper con il passa parola, potrà crearsi un proprio sito internet, con versione in italiano e inglese, ed i contatti. Via mail o telefonicamente i potenziali clienti potranno così prenotare pomeriggi di acquisti folli. Un'altra possibilità è quella di rivolgersi a società che hanno già avviato questo tipo di attività, specializzate in pubbliche relazioni e comunicazione, con sedi nelle principali città italiane e straniere. Insomma, per molti potrebbe essere il lavoro che hanno sempre sognato: divertente, redditizio, autonomo. Cosa cercate di più?

Sai cosa vorresti diventare ma non sai come? Dai un'occhiata alle nostre guide: