Patente B: dove e come iniziare la procedura per la patente, costi e tempi di attesa per il rilascio

Come iniziare la procedura per conseguire la patente B: i costi da sostenere, i documenti da presentare e i tempi di attesa

Patente B: dove e come iniziare la procedura per la patente, costi e tempi di attesa per il rilascio
getty-images

Pantente B: dove e come iniziare la procedura per la patente, costi e tempi di attesa per il rilascio

Fonte: getty-images

Tutte le info necessarie su dove e come iniziare la procedura per il conseguimento della patente B, la licenza di guida che consente di mettersi al volante delle comuni autovetture: quali sono i documenti da presentare per l'iter burocratico, quali sono i costi da sostenere, come si svolgono gli esami di teoria e di pratica e quali sono i tempi di attesa.

Come conseguire la patente B

La patente B è la più conosciuta tra le licenze di guida: si può conseguire a partire dal compimento dei 18 anni di età e consente di guidare le comuni autovetture. Per ottenere la patente B bisogna iscriversi in un'autoscuola oppure presso la Motorizzazione Civile, superare l'esame di teoria e successivamente la prova pratica.

Con la patente B si possono guidare:

  • Autoveicoli per trasporti di persone e cose con un massimo di 9 posti totali compreso il conducente e una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate
  • Motoveicoli (tricicli, quadricicli e motocicli, questi ultimi fino a 125 cm3 e 11 kW ma solamente in Italia)
  • Macchine agricole anche eccezionali
  • Macchine operatrici a eccezione di quelle eccezionali
  • Messi adibiti al servizio di emergenza con una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate

Documenti per patente B

L'iter per ottenere la patente B passa da una serie di documenti da presentare insieme alla domanda: se il candidato si rivolge a un'autoscuola, sarà questa a sbrigare la maggior parte delle pratiche burocratiche, mentre se si sceglie di andare direttamente alla Motorizzazione Civile, bisognerà presentare i documenti in maniera autonoma.

Per prima cosa bisogna compilare la domanda sul modello TT 2112 disponibile agli sportelli degli uffici della Motorizzazione Civile oppure online sul sito web del Portale dell'Automobilista. Alla domanda va allegata la ricevuta di pagamento di un bollettino da 26,40 euro per la tariffa dei diritti e un bollo da 16 euro per l'esame di teoria: la tariffa va pagata anche dai candidati che sono già in possesso di una patente di un'altra categoria e devono sostenere solo la prova pratica.

Insieme alla domanda e ai bollettini vanno presentati anche diversi documenti, a partire da un documento di identità in corso (carta d'identità o passaporto) in visione e relativa fotocopia integrale. Come succede per ogni licenza di guida, è necessario presentare la fotocopia della ricevuta della visita di idoneità psicofisica rilasciata da un medico abilitato. Oltre al certificato medico serve anche la fotocopia del codice fiscale oppure la tessera sanitaria attestante il suddetto codice fiscale del candidato, e due foto in formato fototessera.

Come si prenota l'esame per la patente B

L'esame di teoria per la patente B si prenota presso la Motorizzazione Civile, in maniera autonoma, oppure tramite un'autoscuola. Per prenotarsi serve compilare la relativa domanda disponibile anche sul Portale dell'Automobilista insieme al documento d'identità, al certificato medico, ai vari bollettini da pagare e a una fotocopia del codice fiscale o della tessera sanitaria.

La prova di teoria, una volta superata, consente l'accesso alla prova pratica. L'esame di teoria consiste nella risoluzione di 30 quiz a risposta multipla. Ogni candidato ha a disposizione un tempo non superiore a 20 minuti per poter rispondere a tutte le domande.

La soglia massima di errori consentiti per il conseguimento dell'idoneità è 3: con 4 errori bisognerà ripetere l'esame.

Quanto costa la patente B

I costi da sostenere per conseguire la patente B si dividono in spese fisse e spese variabili: le spese fisse riguardano i vari bollettini da pagare per inoltrare la domanda alla Motorizzazione Civile, mentre le spese variabili comprendono i costi per il rilascio del certificato medico e quelli per le guide obbligatorie da sostenere prima dell'esame pratico.

Le spese fisse per la patente B da privatista, con tutta la relativa documentazione da presentare presso gli uffici della Motorizzazione, comprendono: 16 euro per il bollo da apporre sul certificato medico, il versamento di 26,40 euro per la tariffa dei diritti e altri 16 euro da versare per l'esame di guida.

Generalmente tra tasse di iscrizione, certificato medico, fototessere e guide obbligatorie, la patente B da privatista costa all'incirca 400 euro. La spesa sale rivolgendosi presso un'autoscuola, con il prezzo finale che può arrivare a cifre tra gli 800 e i 1.200 euro. Bisogna tenere a mente che si hanno a disposizione due tentativi per superare la prova di teoria: qualora il candidato dovesse essere bocciato per due volte all'esame, dovrà ripetere nuovamente l'iscrizione.

Quanto passa prima di avere la patente B

Non esistono dei tempi fissi per conseguire la patente B, ma generalmente dall'iscrizione all'esame di pratica passano circa 3 mesi. L'iscrizione, presso un'autoscuola oppure alla Motorizzazione Civile, può essere presentata solo dopo aver compiuto i 18 anni di età. Una volta completata l'iscrizione il candidato ha 6 mesi di tempo per ottenere la patente dopo aver superato l'esame di teoria e quello di pratica. In caso di bocciatura al primo tentativo della prova teorica, bisogna attendere un mese prima di effettuare il secondo tentativo.

Dopo aver superato la prova di teoria il candidato richiede e ottiene il foglio rosa che ha la durata di un anno. Il primo tentativo utile per superare l'esame di pratica avviene non prima di un mese dal rilascio del foglio rosa. I tempi si accorciano, di poco, per chi è già in possesso della patente A1 che si può prendere a 16 anni e consente di guidare motocicli di cilindrata massima non superiore a 125 cm3, tricicli fino a 15 kW di potenza e macchine agricole che non superano i limiti di sagoma dei motoveicoli.

L'esame di teoria della patente A1, infatti, è lo stesso della patente B: i possessori della patente A1 possono iscriversi direttamente all'esame di pratica della B una volta compiuti i 18 anni di età. In questo caso si accorciano leggermente i tempi, ma bisogna comunque attendere almeno un mese dal rilascio del foglio rosa prima di sostenere l'esame di guida.

Ci sono delle limitazioni di velocità e di guida per i primi tre anni dalla data di superamento dell'esame di pratica: i neopatentati, cioè quelli che hanno conseguito la patente B da meno di tre anni, non possono andare oltre i 100 km/h in autostrada e non possono superare i 90 km/h sulle strade extraurbane principali. Se si commettono infrazioni durante i primi tre anni di patente, inoltre, la decurtazione dei punti sulla patente verrà raddoppiata.

Il rinnovo della patente B avviene ogni 10 anni fino al compimento dei 50 anni di età, successivamente ogni 5 anni per chi ha un'età compresa tra i 50 e i 70 anni e poi ogni tre anni a partire dai 70 anni di età.

Altri contenuti utili su patentino e patente di guida

Patente, ciclomotori, auto e minicar: prodotti che potrebbero interessarti

Libri di quiz per prendere la patente o gadget per il tuo motociclo, minicar o auto.

Contenuto sponsorizzato: Studenti.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Studenti.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati

Un consiglio in più