Orwell, biografia e riassunto delle opere principali | Video

Di Marta Ferrucci.

Chi era George Orwell? Quali sono i suoi libri principali? Il video-riassunto con la biografia e le opere del grande scrittore

GEORGE ORWELL, BIOGRAFIA

Fonte: Video Interni

George Orwell è uno degli autori più importanti del panorama della letteratura inglese, ed è anche uno degli autori su cui i professori solitamente interrogano di più.

Proprio per questo gli abbiamo dedicato alcuni video: uno che tratta nello specifico di una delle sue principali opere, La fattoria degli animali, e questo, dove ci occuperemo della sua vita, per conoscere un po’ meglio il suo scritto, il suo stile e la sua ideologia.

George Orwell nacque in India nel 1903. Dopo aver condotto i suoi studi in Inghilterra, tornò di nuovo in India, dove prese servizio nella guardia imperiale. Deluso dall'esperienza e spinto dalla voglia di capire meglio la situazione di vita delle classi più povere, trascorse un periodo della sua vita tra Londra e Parigi.

Durante questo periodo, nella sua attività di giornalista, che proseguì parallelamente a quella di scrittore di romanzi, descrisse in maniera vivida la situazione disperata dei disoccupati e delle classi più povere in genere.

Partecipò anche alla guerra civile spagnola, e questo gli consentì di completare nella sua mente un quadro abbastanza chiaro della situazione a lui contemporanea e sviluppare delle ideologie proprie molto ben definite.

Orwelle era infatti era contrario a ogni tipo di totalitarismo, ma soprattutto criticò in maniera dura sia il comunismo spagnolo che quello dell’Unione Sovietica. Questo emerge soprattutto in due delle sue opere più importanti, che sono La fattoria degli animali e 1984.

GEORGE ORWELL, 1984

1984 è un testo particolarmente degno di nota, perché qui Orwell descrive una società distopica, del tutto comandata da un’entità superiore detta Grande Fratello, che è l’applicazione estrema della summa dei totalitarismi davvero esistiti nella storia.

Il libro ha avuto un successo tale che “Grande Fratello” è diventato termine di uso comune per indicare una società dove si viene controllati, e ha dato addirittura il titolo al noto programma televisivo.

GEORGE ORWELL E LA FANTASCIENZA DISTOPICA

Cosa significa "società distorpica"? Cos'è la "fantascienza distopica"?

La fantascienza distopica è un particolare tipo di racconto della società in cui si prende in esame una società vicina al tempo che si sta vivendo e si estremizzano in maniera apocalittica tutte le sue problematiche. Il risultato è il mondo peggiore che possa realizzarsi, ed è per questo che è così straniante. Più è vicino al presente, inoltre, più crea questo effetto.

GEORGE ORWELL STILE

Orwell viene ritenuto ancora oggi uno dei maggiori esponenti di questo tipo di letteratura e del filone della critica alla società inglese. Le critiche di Orwell infatti non risparmiarono nemmeno il socialismo inglese.

Orwell riuscì per tutta la vita a mantenersi in equilibrio tra la sua appartenenza alla classe borghese e la sua vicinanza alle classi più povere. Questo lo si capisce anche dallo stile che utilizza: uno stile chiaro, comprensibile a tutti, al punto che ad una prima lettura La fattoria degli animali potrebbe quasi sembrare una favola.

Questo stile chiaro si basa su molte descrizioni e termini semplici. Orwell presta inoltre molta attenzione alla descrizione delle figure umane.