Maturità 2019: alternanza non obbligatoria ma rimane all'orale

Di Maria Carola Pisano.

Orale maturità 2019: secondo la circolare del nuovo esame di Stato l'alternanza scuola lavoro non sparirà dall'esame

MATURITÀ 2019: NOVITÀ

Maturità 2019: i dubbi sull'orale
Maturità 2019: i dubbi sull'orale — Fonte: istock

La circolare in cui il Miur fornisce maggiori dettagli sulla maturità 2019 è stata resa pubblica il 4 ottobre. Gli studenti hanno potuto aggiungere dei tasselli, dopo mesi di attesa, al quadro del nuovo esame di Stato. Cosa sappiamo, con certezza, ora?

ESAME DI STATO 2019: ORALE

A rimanere un'incognita sembrerebbe lo svolgimento dell'orale di maturità: rimarrà la tesina? Sarà sostituita dalla presentazione della relazione dell'alternanza scuola lavoro? Gli studenti, chiarite le modalità di svolgimento delle altre prove, attendono di conoscere i dettagli dell'ultima prova della nuova maturità 2019. A tal proposito, durante il mese di settembre, il Ministro dell'Istruzione Bussetti ha affermato che l'alternanza avrebbe perso centralità nel nuovo esame di Stato. In seguito alla circolare del 4 ottobre 2018, però, sembra che la relazione sull'alternanza non scomparirà dal colloquio.

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO MATURITÀ 2019

Nella circolare sul nuovo esame di maturità 2019, nella parte intitolata "Le prove di esame e il punteggio finale complessivo" (trovate qui il testo completo), il Miur comunica che:
"L’art. 17 del d.lgs. n. 62/2017 disciplina le prove di esame, che risultano articolate come di seguito:
[...] Il colloquio, anch’esso finalizzato ad accertare il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale degli studenti, che si svolge secondo quanto previsto dal comma 9."

Riprendiamo il comma 9 dell'art. 17 del d.lgs. n. 62/2017 (qui per il testo integrale): 
"9. Il colloquio ha la finalita' di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale della studentessa o dello studente. A tal fine la commissione, tenendo conto anche di quanto previsto dall'articolo 1, comma 30, della legge 13 luglio 18
2015, n. 107, propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi per verificare l'acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, la capacita' di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle per argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera. Nell'ambito del colloquio il candidato  espone, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, l'esperienza di alternanza scuola-lavoro svolta nel percorso di studi." 

La relazione sull'alternanza non dovrebbe quindi sparire dalla maturità 2019 e potrebbe non sparire anche l'elaborato che fino ad ora è stato centrale nel colloquio di maturità, la tesina. Perché la tesina non dovrebbe sparire? Lo spieghiamo qui. Il Miur ha assicurato che fornirà i dettagli del colloquio entro il mese di gennaio, lasciando così poco tempo ai ragazzi per prepararsi.

TESINA MATURITÀ 2019: SI FARÀ O NO?

È possibile, forse, che il Miur non chiarisca esattamente le modalità dell'orale e che lasci alle scuole un po' di autonomia? Se così fosse, come potrebbero gli studenti scoprire quale elaborato preparare - quello sull'alternanza, la tesina o la mappa concettuale - visto e considerato che spesso gli studenti dell'ultimo anno cominciano a raccogliere informazioni per produrre la tesina proprio a partire dall'inizio dell'anno scolastico? Noi vi consigliamo di cominciare a dare uno sguardo a qualche idea originale sulle tesine, in modo da non farvi trovare impreparati.

Tutte le novità annunciate dal Miur sull'esame di Stato 2019: