Riforma Gelmini: i nuovi istituti professionali

Di Barbara Leone.

Dall'anno scolastico 2010/2011 gli istituti professionali italiani sono suddivisi in due settori e 6 indirizzi specifici ed offrono una formazione diretta non solo al mondo del lavoro, ma anche agli studi universitari

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

Con l'entrata in vigore della riforma della scuola del Ministro Gelmini, dall'anno scolastico 2010/2011, i nuovi istituti professionali sono divisi in due settori: "Servizi" ed "Industria ed Artigianato". Gli istituti professionali sono considerati come percorsi quinquennali che offrono una solida base di istruzione generale e tecnico professionale per acquisire la cultura del settore produttivo di riferimento in una visione sistemica. Nello specifico i nuovi istituti offrono più saperi e competenze coerenti con le esigenze formative delle filiere di riferimento (produzione di beni e/o servizi); più capacità di rispondere alle richieste di personalizzazione dei prodotti e dei servizi; più competenze nell'uso di tecnologie e metodologie innovative in contesti applicativi.

Si distinguono dagli istituti tecnici perché sono strettamente legati a filiere produttive di rilevanza nazionale. Gli istituti professionali si caratterizzano infatti per un tipo di istruzione che consente agli studenti di sviluppare i saperi e le competenze necessari per rispondere alle esigenze formative del settore produttivo di riferimento. Gli istituti professionali durano 5 anni e sono suddivisi in due bienni e un quinto anno, al termine del quale gli studenti conseguono il diploma di istruzione professionale, utile anche ai fini della continuazione degli studi in qualsiasi facoltà universitaria. Il quinto anno è inoltre finalizzato ad un migliore raccordo tra scuola e istruzione superiore e alla preparazione all’inserimento nella vita lavorativa. Sono previste 1056 ore annuali, pari a circa 32 ore settimanali.

L'organizzazione didattica degli istituti professionali passa da 5 settori e 27 indirizzi a 2 settori e 6 indirizzi:
- Settore dei servizi:
Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale;
Servizi socio-sanitari;
Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera;
Servizi commerciali;
- Settore industria e artigianato:
Produzioni industriali e artigianali;
Manutenzione e assistenza tecnica.

I laboratori e le tecnologie applicate assumono un ruolo centrale nella didattica. L’orario scende a 32 ore settimanali, della durata di 60 minuti. Gli istituti professionali potranno rilasciare qualifiche al terzo anno e diplomi professionali al quarto anno, sulla base di specifici accordi stipulati dal MIUR con le singole Regioni. I nuovi istituti professionali costituiranno un punto di incontro tra il sistema di istruzione e il sistema di istruzione e formazione professionale. Gli istituti professionali per il settore industria ed artigianato, in particolare, saranno dotati di un Ufficio tecnico con il compito di sostenere la migliore organizzazione e funzionalità dei laboratori a fini didattici e il loro adeguamento alle esigenze dell’innovazione tecnologica e della sicurezza delle persone e dell’ambiente.

Dopo il completamento degli studi secondari anche i diplomati degli istituti professionali avranno ulteriori opportunità oltre all’inserimento nel mondo del lavoro e all’iscrizione all’università:
– iscrizione a percorsi brevi di 800/1000 ore per conseguire una specializzazione tecnica superiore (IFTS) per rispondere ai fabbisogni formativi del territorio;
– iscrizione a percorsi biennali per conseguire un diploma di tecnico superiore nelle aree tecnologiche più avanzate presso gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), in via di costituzione.

Scopri i nuovi licei
Scopri i nuovi istituti tecnici