La notte prima dell'esame di maturità

Di Dott.ssa Anna Zanon.

I consigli della psicologa Zanon per affrontare al meglio la notte prima dell'esame di maturità, tra riposo ed esercizi contro l'ansia

Maturità 2022

Come trascorrere la notte prima degli esami di maturità
Come trascorrere la notte prima degli esami di maturità — Fonte: getty-images

La notte prima dell'esame di maturità può essere una "notte di lacrime e preghiere", come cantava Antonello Venditti in una famosa canzone. Ma per molti studenti la notte prima della maturità è soprattutto una notte insonne: in tanti la trascorrono rigirandosi nel letto in preda all'ansia e alla paura di non farcela.

Per altri studenti è invece una notte di "studio matto e disperatissimo", trascorsa a bere litri di caffé per restare svegli nello sforzo sovrumano di imprimersi nella mente le ultime nozioni. Sono relativamente pochi i fortunati che vanno a dormire sereni e tranquilli, svegliandosi freschi e riposati dopo otto o più ore di sonno filate.

Eppure tutti conoscono l'importanza di un buon sonno! La privazione di sonno influisce negativamente sulla memoria, sull'attenzione e la concentrazione. In altre parole, dopo una notte in bianco, il nostro cervello funziona in modo meno brillante e si verifica un globale peggioramento delle prestazioni cognitive. Proprio per questo è importante arrivare all'esame in buone condizioni psicofisiche!

Notte prima degli esami: cosa fare

Ecco alcuni consigli che possono tonarti utili per strutturare la tua notte prima dell'esame di maturità. Che tu decida di trascorrerla da solo a casa o con i tuoi amici, sono suggerimenti validi per non farti prendere dal panico!

Caffeina prima dell'esame

A partire dalle 15 del pomeriggio smetti di assumere caffé o altre bevande che contengono caffeina o altre sostanze stimolanti.

Anche se la tentazione è quella di restare vigile ed attivo in previsione dlel'esame - magari anche pder un ultimo ripasso - cerca comunque di non cedere. È risaputo che un eccesso di caffeina, unito all'eccitazione/agitazione per l'esame imminente, può interferire con la qualità del sonno. Insomma, un rischio da non correre assolutamente anche se non sei particolarmente sensibile a questa sostanza.

Alimentazione

L'ora migliore per cenare la sera prima dell'esame è tra le 19:30 e le 20:30. Cenare più tardi può affaticare la digestione e peggiorare la qualità del sonno.

La cena ideale è leggera: evita gli alimenti che appesantiscono la digestione come i cibi elaborati, speziati, salati o troppo grassi. Invece, preferisci pietanze facilmente digeribili e dall'effetto calmante.

Nell'elenco dei cibi che sembra possano favorire il sonno, compaiono: verdure (in particolare lattuga e sedano), banane, pesche e frutta dolce, pesce e pollo, riso e pasta (meglio se integrali), yogurt e miele.

Relax pre-esame

Dopo cena, idealmente dovesti chiudere i libri e dedicarti ad un attività rilassante. Va bene qualsiasi cosa: una chiacchierata con un amico o con il/la fidanzato/a, una passeggiata, ascoltare musica, guardare un film comico.

Invece, trascorrere tutta la notte sui libri è sconsigliato a meno che la tua situazione non sia veramente disperata. Ma anche se sei "messo male" dovresti sforzarti di non studiare tutta la notte e di riservare comunque almeno tre o quattro ore al sonno. 

Riposarsi prima della maturità: no ai sonniferi

Sono le 22:30, l'ora di andare a letto si avvicina ma ti senti ancora teso come una corda di violino? Non lasciarti tentare dal sonnifero!

Se ti senti in preda all'ansia, non chiedere a mamma e papà di prestarti il loro sonnifero o, peggio ancora, il loro ansiolitico. Se non sei abituato a prendere delle benzodiazepine, e spero per te che non tu non lo sia, potresti rischiare degli effetti collaterali spiacevoli: per esempio, quello di ritrovarti alla mattina annebbiato e intontito. Inoltre, c'è sempre il problema del dosaggio. Il dosaggio che va bene per i tuoi genitori potrebbe non andare bene per te.

Se ti senti nervoso, ricorri pure a dei rimedi naturali (in erboristeria ne puoi trovare un ampia scelta) ma anche qui, rispetta le dosi! Per quanto possano essere dei prodotti a base di erbe hanno sempre dei principi attivi, quindi limitati al dosaggio consigliato.

Maturità: cibi rilassanti

In alternativa alla solita tisana potresti bere un bicchiere di latte tiepido con il miele oppure, se sei allergico ai latticini, una camomilla dolcificata con il miele.

Sono tutti rimedi "soft" che possono conciliare il sonno.

Esame di stato: strategie di relax

Le elevate temperature estive non consentono un bagno caldo, ma anche un bagno tiepido prima di andare a letto ha un potere rilassante.

Se è possibile, sciogli nell'acqua del bagno degli oli essenziali che agiscono sul sistema nervoso centrale inducendo il rilassamento. Il migliore in assoluto è l'olio di camomilla che ha una bassa tossicità. Bastano 15 gocce sciolte nell'acqua del bagno per ottenere un effetto rilassante.

N.B.: è importante sapere che gli oli essenziali non vanno mai applicati direttamente sulla pelle!

Maturità: esercizi di respirazione e visualizzazione

Quando siamo ansiosi o preoccupati, la nostra respirazione cambia diventando meno profonda e più affrettata. Tuttavia, con una respirazione più profonda e più lenta possiamo ritrovare la calma perduta.

Un esercizio di respirazione facile e alla portata di tutti è il seguente: inspira lentamente, trattieni il respiro per qualche istante ed espira, soffiando fuori l'aria. L'espirazione deve essere molto lenta e profonda, come se volessi svuotare completamente i polmoni.

Continua a respirare così fino a quando non ti senti più calmo.

Se hai una fantasia molto sviluppata, in particolare non fai nient'altro che pensare a come ti lascerai prendere dal panico il giorno dell'esame, prova con la visualizzazione.

Prova ad immaginare nel dettaglio il giorno dell'esame ma, invece, di immaginarti farfugliante e tremante, immagina di essere sicuro di te. Immagina di essere disinvolto, di guardare i tuoi professori negli occhi, di rimanere concentrato anche di fronte ad una domanda trabocchetto e di esprimerti con scioltezza.

Se l'ansia non ti passa, puoi ricorrere ad una visualizzazione un po' "cattivella": immagina quel professore che ti mette in soggezione in una situazione ridicola o incresciosa. Immaginalo, per esempio, in mutande o mentre sta andando in bagno. Tutto questo ti aiuterà a capire che i tuoi professori sono prima di tutto degli essere umani piuttosto che delle autorità pronte a giudicarti.

Esame di Stato: come combattere la paura

Non riesci ad addormentarti e continui a tormentarti, pensando alle cose che non sai e alla pessima prova che, te lo senti, farai domani? Alzati da letto e prendi carta e penna. Scrivi in modo dettagliato tutte le tue paure da quella che esca un compito su un argomento che non sai, alla paura di fare scena muta.

Scoprirai che il mettere i tuoi timori nero su bianco ti aiuta a ridimensionarli. Ma oltre ad elencare le tue paure, elenca anche tutti i tuoi punti di forza e gli elementi che sono a tuo favore.

Non ne vedi nessuno? Sforzati! Ti darò un piccolo aiuto. In fondo l'esame di maturità non è nient'altro che una grande interrogazione. E visto che sei riuscito a superare cinque anni di interrogazioni e compiti in classe, riuscirai a superare anche la maturità.

Esamina poi le tue ansie da una prospettiva razionale, ovvero prova a chiederti qual è la cosa peggiore che ti possa succedere.

Rispondo io per te: la cosa peggiore che ti potrebbe succedere all'esame di maturità è quello di essere bocciato e di deludere le aspettative dei tuoi genitori. Indubbiamente non è una prospettiva molto allettante ma non è nemmeno una tragedia.

Nel peggiore dei casi, ripeterai un anno di liceo (con i svantaggi ma anche con i vantaggi del caso) e i tuoi genitori, superata la delusione iniziale, se ne faranno una ragione. Ma se valuti razionalmente la tua situazione, la possibilità di essere bocciato all'esame sono abbastanza scarse.. Insomma se rifletti un po' sulle tue paure, riuscirai a ridimensionarle e ad acquistare una visione meno catastrofica della tua situazione.

Maturità 2022, cosa sapere

I link utili per l'esame di Stato: