News dal Miur, come finisce l'anno scolastico: valutazioni, voti, esame di terza media

Di Redazione Studenti.

Esame terza media e valutazioni: le ultime news dal MIUR sulla fine dell'anno scolastico, la ripresa a settembre e i voti

ESAME TERZA MEDIA

Esame terza media 2020
Esame terza media 2020 — Fonte: istock

Cosa sappiamo e cosa non sappiamo sull'esame di terza media e il rientro a scuola? L'ordinanza del MIUR che sta per essere pubblicata - e di cui il Ministero ha già dato un sunto - spiega tutti i dettagli che ci interessano per il momento. Facciamo quindi un breve recap della situazione esami e della valutazione con cui a settembre gli studenti faranno i conti.

  • FINE ANNO 2020: COME FUNZIONA PER BOCCIATURE E VALUTAZIONI - ORDINANZA DEFINITIVA MIUR

ESAME TERZA MEDIA: COME SARÀ

Il comunicato diffuso dal MIUR fa sapere che:

In linea con quanto previsto dal decreto scuola di aprile, studentesse e studenti saranno valutati attraverso lo scrutinio finale che terrà anche conto anche di un elaborato da consegnare entro il prossimo 30 maggio. L’argomento dell’elaborato sarà concordato con i docenti, valorizzando il percorso fatto da ciascuno studente. Sarà presentato oralmente, in modalità telematica, davanti al Consiglio di classe, prima dello scrutinio finale e sarà valutato sulla base dell’originalità, della coerenza con l’argomento assegnato, della chiarezza espositiva.

VALUTAZIONE E RIENTRO A SCUOLA A SETTEMBRE

La valutazione avverrà sulla base di quanto effettivamente svolto, fa sapere il Ministero.

Gli alunni potranno essere ammessi alla classe successiva anche in presenza di voti inferiori a 6 decimi, in una o più discipline. Ma attenzione: non si tratterà di un ‘6 politico’. Le insufficienze compariranno, infatti, nel documento di valutazione.Per tutti gli studenti che dovessero quindi arrivare a settembre con una o più insufficienze, i professori predisporranno un piano adeguato per il recupero delle materie da svolgersi nella prima parte di settembre.

Se gli studenti dovessero, fin dal primo periodo scolastico, dimostrare di essere del tutto insufficienti, l'ammissione all'anno successivo non è garantita.

In ultimo, il Ministero parla degli alunni BES:

L’Ordinanza tiene conto degli studenti con Bisogni Educativi Speciali (BES). L’attività didattica del prossimo anno scolastico sarà riprogettata per recuperare contenuti non svolti durante quest’anno.