Nasce Frammenti, e gli studenti diventano registi

Di Veronica Adriani.

A Roma girano, a Palermo sottotitolano (anche nella lingua dei segni). Nasce Frammenti, che racconta l'incontro-scontro delle periferie

FRAMMENTI: NASCE UN FILM DALL'ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

I sei registi impegnati nella produzione di Frammenti
I sei registi impegnati nella produzione di Frammenti — Fonte: ufficio-stampa

Si tratta di un vero e proprio film che andrà nei festival, nelle sale e sul web. Registi (e non solo) sono studenti ed ex studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Via Sarandì” di Roma, guidati dal regista Paolo Bianchini di Alveare Cinema e dallo sceneggiatore Alessandro Rossetti dell’associazione nazionale autori cinematografici (A.N.A.C.).

Un'idea che nasce da un progetto di alternanza scuola-lavoro decisamente sui generis e che coinvolge, oltre al Via Sarandì, anche un altro istituto, questa volta palermitano. Saranno infatti i ragazzi del liceo “Ninnì Cassarà” di Palermo che sottotitoleranno il film nelle lingue che studiano a scuola, lingua dei segni compresa, e creeranno un'audio-guida per i non vedenti.

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SArandi CassaRÀ un film si chiama il progetto, che prende il nome proprio dalle due scuole coinvolte. Frammenti invece il titolo del documentario, girato a partire dalla primavera 2019 nel quartiere popolare del Tufello di Roma. Il tutto nasce dal bando congiunto Miur Mibact ed ha come partner ANAC, Roma Capitale municipio III e Alveare per il sociale.

Ma di cosa parlerà Frammenti? Di periferie, dialogo, incontro: "sarà un lungometraggio a episodi, un ritratto di vari personaggi che vivono in questa periferia e la animano" racconta Giorgio, uno dei sei registi insieme a Caterina, Claudia, Gabriele, Sebastian e Simone. "Il quartiere vive grazie a loro, agli emarginati che il centro tende a rigettare verso l’esterno, senza capire che sono parti integranti della vita romana". Il film, una serie di episodi concatenati fra loro, narra la storia di un'esistenza quotidiana in cui gli emarginati hanno tanto da raccontare, e in cui l'incomunicabilità può essere abbattuta facilmente facendo i conti con la semplicità e la realtà, riflettendo e facendo autocritica.

Il progetto sarà presentato alla Casa del Cinema di Roma il 12 marzo alle 17. Ad introdurre l’evento saranno la Dirigente Scolastica Daniela Crestini, il regista Paolo Bianchini e lo sceneggiatore Alessandro Rossetti. Ma sono tante le personalità che già hanno dato la loro adesione al progetto e che porteranno la loro esperienza e la loro testimonianza agli studenti: tra questi, il pluripremiato direttore della fotografia Luca Bigazzi.