"Abbiamo dato più soldi alla scuola"

Di Tommaso Caldarelli.

"Continueremo nel 2014": gli auguri di buon anno della ministro Maria Chiara Carrozza

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

Il punto della situazione sui risultati portati a casa e gli impegni per il 2014: tutto questo è nel messaggio augurale per la fine del 2013 che la ministro Maria Chiara Carrozza indirizza agli studenti e agli operatori della scuola. Un messaggio in cui vengono evidenziate le lotte che la titolare di viale Trastevere sente di aver combattuto per invertire la rotta rispetto al mondo della scuola, che secondo la sua opinione è stato funestato da tagli e da riforme al ribasso negli ultimi anni.

MINISTRO CARROZZA, TUTTO SU DI LEI

PIU' SOLDI NEL 2013 - Più soldi per la scuola. Ecco quello che la ministro sente di poter rivendicare alla fine del 2013. Più soldi per l'edilizia scolastica, più soldi per il sistema dell'istruzione.

Per l'edilizia scolastica:450 milioni di euro con il Decreto del Fare, ai quali si è aggiunta la possibilità per le Regioni di stipulare mutui agevolati ed infine, nell'ultimo Consiglio dei ministri, altre risorse provenienti dai fondi struttural

Ancora, grazie al decreto Istruzione: 450 milioni di euro a regime per il "diritto allo studio universitario, l wireless nelle scuole, agevolazioni per i trasporti, il comodato d'uso per i libri, l'assunzione di più d 26mila insegnanti di sostegno, l'orientamento" e tanto altro ancora.

DECRETO ISTRUZIONE, TUTTE LE INFO

GLI IMPEGNI PER IL 2014 - Ma nel 2014, scrive il ministro, altro si farà per migliorare il nostro sistema scolastico: arriva la Costituente della Scuola, un grande evento in cui tutte le anime del sistema nazionale dell'istruzione, della scuola e dell'università potranno avere la parola per impostare le riforme del futuro. Altri appuntamenti, scrive la Carrozza, sono "la revisione del sistema di finanziamento dell'università e il piano nazionale della Ricerca" che punterà, scrivono dal ministero, "sopratutto sui giovani ricercatori".