Prima prova Maturità 2015 – Giannini: quest’anno meno materiale di supporto

Di Valeria Roscioni.

Maturità 2015, prima prova: le tracce avranno meno materiale di supporto. Il Ministro Giannini vuole sapere cosa pensano gli studenti

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

PRIMA PROVA MATURITA’ 2015 – GIANNINI: QUEST’ANNO MENO MATERIALE DI SUPPORTO. Come saranno le tracce della prima prova della Maturità 2015? Anche se mancano poche ore all’apertura del plico i maturandi non rinunciano a tentare di indovinare. A buttare benzina sul fuoco in queste ore che precedono l’inizio degli Esami di Stato c’è Stefania Giannini che, nel corso del suo intervento a Radio 24, ha dichiarato: “Esistono due tipi di esame, uno per capire quello che uno sa e uno per capire quello che uno non sa. La Maturità è un esame che sintetizza la fine di un percorso, per questo c’è una commissione anche interna, è una prova in cui si deve dimostrare capacità di riflessione. I ragazzi devono passare questa serata con la testa libera. Questo non è un esame che va solo a vedere competenze specifiche. Per questo abbiamo scelto di dare meno materiale nelle tracce, per permettere agli studenti di riflettere.”

TRACCE PRIMA PROVA MATURITA’ 2015: IL MINISTRO FA L’IN BOCCA AL LUPO AGLI STUDENTI. Questi gli unici indizi che la Giannini ha dato ai maturandi sulla prima prova della Maturità 2015: per saperne di più sulle tracce dovranno aspettare domani. Il Ministro, che ha detto di capire benissimo l’ansia degli studenti per l’Esame di Stato perché anche lei dal 22 gennaio dell’anno scorso si trova “sotto una maturità costante” ha poi concluso l’intervento facendo il suo in bocca al lupo agli studenti. Speriamo che porti davvero fortuna!