Maturità: Platone e Aristotele negli incubi dei maturandi classici per la seconda prova 2018

Di Maddalena Balacco.

Versione della seconda prova, chi sarà il "nemico" degli studenti classici per la maturità del 2018? Scopriamo i più temuti

Aristotele, Plutarco e Platone, il trio da incubo dei maturandi classici

La versione di greco (o latino a seconda della materia scelta) degli esami è uno degli scogli più temuti dagli studenti classici, che per questa maturità 2018 dovranno vedersela con i classici ellenici, già di per sé ritenuti più ositici - a torto o ragione - dei colleghi latini. Come ogni anno, anche per la seconda prova di domani ci sono dei nomi che provocano i brividi ai maturandi, e se sei curioso di scoprire chi sono gli autori più temuti per la versione di greco del 2018, continua a leggerci per scoprirlo.

"Se escono questi due mi alzo e me ne vado!": una seconda prova tranquilla

"Considerando che per greco i pronostici sono Tucidide e Platone, se escono davvero mi alzo e me ne vado". Possiamo riassumere così le posizioni dei neo maturandi su alcuni dei nomi che circolano come autori della versione proposta durante la seconda prova della maturità, il cui vero nome scopriremo ovviamente solo domattina a plichi aperti.

"Come imparare a tradurre il greco in una giornata" si chiede qualcuno, quasi a interrogare Aranzulla o Google pur di essere salvato dal compito dell'indomani. Ma perché Platone e Aristotele fanno tanta paura agli studenti del classico? Innanzitutto tradurre un filosofo può essere sempre difficile per gli studenti, soprattutto se non si conosce il suo pensiero e quindi le sue parole tecniche specifiche o frasi possono trarre in inganno o rendere difficoltoso il cammino del traduttore.

In più la vasta produzione degli autori rende quasi impossibile l'eventualità che lo studente abbia già tradotto o studiato la versione proposta, e quindi trovi più facile approcciarsi al lavoro della seconda prova di greco 2018.

Cosa fare se l'autore della seconda prova è difficile?

Niente panico, ce la farete. Se l'autore della versione proposta per la seconda prova 2018 non dovesse essere quello che speravate, non c'è bisogno di disperarsi. Fate un bel respiro, leggete la versione più volte cercando via via di dare un senso alle frasi che riuscite a comprendere e aiutatevi con il vocabolario, alla ricerca di costruzioni simili che possano darvi una mano con la traduzione.