Maturità 2023, prove suppletive dal 5 luglio

Dal 5 luglio al via le prove suppletive di maturità 2023 per gli studenti assenti allo scritto: come funzionano e cosa succede se non puoi partecipare

Maturità 2023, prove suppletive dal 5 luglio
getty-images

Maturità 2023

Prove suppletive maturità 2023
Fonte: getty-images

I maturandi che per impedimenti non hanno potuto sostenere le prove scritte il 21 e il 22 giugno possono partecipare alle prove suppletive della maturità 2023 a partire dal 5 luglio. Il calendario degli scritti è così distribuito:

  • 5 luglio, prima prova
  • 6 luglio, seconda prova
  • 11 luglio, terza prova per gli studenti interessati

Per gli istituti nei quali la seconda prova dura più giorni, il termine fissato è il 7 luglio.

Studenti interessati alle prove suppletive

Chi può svolgere le prove suppletive? In generale, tutti gli studenti che nei giorni delle prove scritte svolti nel corso della sessione ordinaria sono stati assenti per malattia o altro grave documentato motivo.

Per questi studenti, per i quali è stata fissata anche la data del colloquio, è possibile spostare l'orale a un giorno diverso, compreso nell'arco di tempo previsto per la chiusura dei lavori per l'esame.

Scrutini finali

Per tutta la classe della persona interessata alle date suppletive, gli scrutini si svolgeranno a esame concluso: questo significa che se nella classe c'è uno studente che svolgerà l'orale in ritardo rispetto alla data prevista, gli scrutini di tutto il resto della classe avverranno con qualche giorno di ritardo rispetto al previsto.

Cosa succede se non puoi partecipare alla sessione suppletiva

Se per ragioni gravi, e in casi assolutamente eccezionali, non puoi partecipare neppure alle prove della sessione suppletiva, puoi fare richiesta per la sessione straordinaria che si svolgerà successivamente.

In questo caso, dovrai produrre istanza al presidente entro il giorno successivo alla tua assenza.

Leggi anche:

Un consiglio in più