Maturità 2022, tema di attualità sulla plastica e l'inquinamento del mare

Di Redazione Studenti.

Tema sulla plastica: spunti e approfondimenti per scrivere un tema di attualità per la maturità 2022 sulla plastica e il suo consumo

MATURITÀ 2022

Come scrivere un tema di attualità sulla plastica per la maturità 2022
Come scrivere un tema di attualità sulla plastica per la maturità 2022 — Fonte: getty-images

Una delle possibili tracce di maturità 2022 potrebbe riguardare le conseguenze dell'inquinamento dei mari e, più in generale, della Terra. Nello specifico, negli ultimi anni si sta largamente parlando di guerra alla plastica, una delle principali fonti di inquinamento del mondo, perché difficilmente smaltibile.

Per prepararsi al meglio alla prima prova 2022, quindi, meglio iniziare a prendere appunti sull'attualità: la traccia di tipologia C, infatti, è una delle più scelte di sempre dagli studenti, proprio perché non richiede capacità tecniche specifiche nello strutturare il discorso - se non una coerenza generale, una buona apertura e chiusura e l'utilizzo di fonti - rispetto alle altre due tracce, l'analisi del testo e il tema argomentativo.

Per prepararti in maniera generale sulla prova, puoi partire da questi spunti:

TEMA SULLA PLASTICA

L'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile al punto 14 parla della tutela della vita sott'acqua. Perché questo concetto è correlato allo smaltimento della plastica e all'inquinamento in genere? Perché ogni anno finiscono in mare dai 4 ai 12 milioni di tonnellate di plastica, compromettendo la vita delle creature marine e più in generale l'ecosistema marino.

La plastica è infatti un polimero artificiale: per rendersi conto dell'impatto ambientale di questo materiale, basti pensare che, se non biodegradabile, per smaltire un sacchetto di plastica possono servire dai 10 ai 30 anni.

Ascolta su Spreaker.

Il grande sviluppo della plastica, e dunque l'impennata nel suo utilizzo, risale agli anni '60, quando la produzione della plastica e il miglioramento della sua struttura per renderla un materiale meno infiammabile rispetto a prima, inizia ad arrivare in ogni settore della produzione, compresi moda e design.

Oggi la lotta è soprattutto alla plastica monouso, che troviamo nella vita quotidiana anche in situazioni nelle quali non sarebbe strettamente necessaria. Un esempio? Le confezioni di plastica che contengono la frutta o altri generi alimentari nei supermercati e nelle grandi catene della GDO.

Temi da consultare che possono esserti utili per trovare altri spunti:

Leggi anche:

  • Cos'è il Protocollo di Kyoto
    Il protocollo di Kyoto: cos'è? Scopri la spiegazione dettagliata del trattato sul riscaldamento globale, completa di storia, risultati e limiti dell'accordo.

PLASTICA E MICROPLASTICHE

Proprio quando la lotta alla plastica aveva iniziato a vedere i primi risultati - sono stati banditi ad esempio piatti, bicchieri e posate monouso in plastica, sostituiti da altri realizzati con materiali biodegradabili - con la pandemia si sono fatti moltissimi passi indietro. L'uso delle mascherine e il loro smaltimento spesso non corretto ha portato ad un aumento indiscriminato dell'inquinamento ambientale.

Ma non solo: le mascherine FFP2 sono per lo più realizzate in confezioni di plastica singole: lo sforzo per abbattere l'uso della plastica monouso, insomma, sembra essere stato vano. La Cop26 chiusa lo scorso anno, inoltre, non ha portato grandi risultati, dal momento che la maggior parte degli accordi in agenda non è stata raggiunta.

In questi giorni si sta inoltre parlando molto delle microplastiche. Non si tratta di un tema nato oggi, anzi: da diversi anni si cerca di studiare il modo in cui le minuscole particelle di plastica entrano in contatto col nostro corpo e ci restano, compromettendo la nostra salute.

Ma negli ultimi giorni ha fatto molto scalpore uno studio dell'Università di Hull, nel Regno Unito, che ha rilevato particelle di plastica in campioni polmonari anche nei tratti più profondi dell'apparato respiratorio. Questo ha dimostrato non solo che le micrplastiche entrano in effetti in contatto col nostro organismo molto più di quel che pensiamo, ma che l'inalazione sia una delle vie maestre per farlo. I polimeri che gli studiosi hanno trovato sono il polietilene, il polipropilene e alcune resine, tutti materiali che si trovano nei sacchetti di plastica, negli imballaggi, nelle vernici, nelle strade, negli pneumatici e nei vestiti realizzati con materiali sintetici.

TEMA DI ATTUALITÀ PER LA MATURITÀ 2022

Per scrivere un tema di attualità sulla plastica per la maturità 2022, ti consigliamo di seguire questi spunti:

  • Che rapporto c'è la tra plastica e l'inquinamento del mare?
  • Come si può ridurre l'impatto della plastica sull'ambiente?
  • Cosa sono le microplastiche e quali sono i loro effetti?
  • In che modo la pandemia ha bloccato il percorso verso l'obiettivo 14 dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile?
  • Cosa potremo fare in futuro?

Leggi anche: