Maturità 2022, la dieta del cervello

Di Redazione Studenti.

Quali sono i cibi che aiutano a studiare e memorizzare meglio i concetti per la maturità 2022? Vediamo come aiutare il cervello con la giusta dieta

MATURITÀ 2022

Cosa mangiare per allenare il cervello prima di uno sforzo? Vediamolo!
Cosa mangiare per allenare il cervello prima di uno sforzo? Vediamolo! — Fonte: getty-images

Inizia ad avvicinarsi la maturità 2022: l'esame di Stato, tornato quest'anno alla sua forma (quasi) originaria prenderà ufficialmente il via il 22 giugno con la prima delle due prove scritte, per la quale abbiamo già stilato una lista di possibili autori per la prima prova. Subito dopo, ci saranno gli orali, che come gli scorsi anni non prevedono tesina, ma una struttura in più fasi, che inizierà con la discussione multidisciplinare di un argomento presente nella lista dei materiali preparati dalla commissione.

Difficile? Forse. Ma, come sempre, si può arrivare preparati iniziando a pensare in anticipo a una tabella di marcia...e alla dieta.

COSA MANGIARE PER LA MATURITÀ 2022

Niente paura: non stiamo parlando di ristrettezze alimentari o diete ferree con le qauali dimagrire rapidamente per arrivare in forma al giorno dell'esame. Quella che stiamo per proporvi è una dieta del cervello, ovvero una serie di alimenti (e comportamenti alimentari) che possono risultare degli ottimi alleati nello studio e nella memorizzazione.

Naturalmente, va da sé che nessuno di questi alimenti preso da solo può avere la funzione prodigiosa che ci piacerebbe attribuirgli. ma introducendo una serie di nutrienti nella tua dieta per un periodo di tempo sufficiente ad abituare il tuo organismo, ti assicuriamo che otterrai risultati certi: più concentrazione, meno stanchezza, più capacità di memorizzare le cose in vista dell'esame.

Ascolta su Spreaker.

MATURITÀ 2022, LA DIETA DEL CERVELLO

Quali sono quindi gli alimenti che bisognerebbe introdurre nella propria dieta per avere più concentrazione?

  • Cereali integrali
    Per avere concentrazione, serve energia. E il modo migliore per ottenerla è trasformare i cereali in glucosio. I cereali integrali - non raffinati, quindi - possono essere introdotti nel corspo sotto forma di riso, pasta, fatto, orzo, pane. Insomma: un bel piatto di pasta integrale prima di studiare potrebbe essere la chiave per mangiare in modo soddisfacente e restare concentrati per tutto il pomeriggio.
  • Pesce azzurro
    Lo si dice da sempre: il pesce azzurro è un balsamo per la mente: fornisce tutti quegli acidi grassi essenziali che il corpo non può produrre da solo, e che quindi ha bisogno di prendere da fonti esterne. Sì quindi a salmone, trota, sgombro, aringa e sardine, che favoriscono il buon funzionamento della memoria e aiutano il buonumore (provare per credere!).
  • Pomodori
    I benefici dei pomodori risiedono nel licopene, un potente antiossidante che combatte i radicali liberi e previene l'atrofia cerebrale. I radicali liberi sono infatti quelle sostenze responsabili dell'invecchiamento e della perdita di memoria, e i pomodori sono degli ottimi alleati nel combatterle.
  • Arance e agrumi in genere
    Sicuramente avrai sentito dire mille volte quando la vitamina C sia importante per il sistema immunitario. Forse non sai, però, che è una preziosa alleata anche nella gestione dello stress e dell'ansia. In previsione della maturità, quindi, mai farsi mancare un buon succo di frutta.
  • Uova
    Come i pomodori, anche loro prevengono l'atrofia cerebrale. Il composto che lavora al loro interno, però, non è il licopene, ma la Vitamina B. È lei la più grande alleata per combattere i livelli di omocisteina nel sangue, insieme ad altri cibi come il pollo, il pesce e le verdure a foglia verde.
  • Spezie
    Per migliorare la memoria, niente di meglio delle spezie! Largo quindi a curry, curcuma, peperoncino, ma anche alle erbe aromatiche secche o fresche: rosmarino, salvia, timo, basilico e tante altre erbe non saranno solo un gustoso complemento dei piatti ma anche una fonte di energia per la mente.

Ora non ti resta che metterti ai fornelli e preparare il menu. Ovviamente, continuando a studiare!

Scopri le nostre guide per l'esame di Stato: