Maturità 2022, l'appello per ripristinare la seconda prova

Di Maria Carola Pisano.

Maturità 2022, più di cento docenti firmano un nuovo appello rivolto al Ministero dell'Istruzione per chiedere di ripristinare la seconda prova nelle materie d'indirizzo

MATURITÀ 2022

Continuano a non esserci sviluppi sulla maturità 2022: entro gennaio gli studenti avrebbero dovuto scoprire le modalità di svolgimento dell'esame di giugno, ma le novità potrebbero ulteriormente slittare a causa delle lezioni attualmente in corso. In questo clima di incertezza si aggiunge un nuovo appello dei docenti per ripristinare la seconda prova scritta.

BOZZA ORDINANZA PRONTA: Tornano la prima e la seconda prova, ecco come sarà la maturità 2022

Stando alle anticipazioni l'ordinanza della maturità 2022 sarebbe ormai pronta e le stesse rivelano che quest'anno ci sarà una tesi di diploma, la prima prova d'italiano e un orale che prenderà avvio proprio dalla tesi. Ma, e la domanda nasce spontanea, se ci sono gli estremi per svolgere lo scritto d'italiano in presenza, perché non si può fare anche la seconda prova?

APPELLO PER LA SECONDA PROVA DI MATURITÀ

Si inserisce in questo dibattito un gruppo di oltre 100 docenti e ricercatori che hanno firmato una lettera diretta al Ministero dell'Istruzione per ripristinare la seconda prova di maturità. La lettera, ripresa dal Corriere della Sera, sottolinea l'importanza dello scritto nelle materie d'indirizzo e pone l'accento sulle criticità di un esame solo orale.  

Aggiornamento: sono state spoilerate tutte le materie della seconda prova: ecco l'elenco per Licei, Tecnici e Professionali

La prova di matematica, proseguono i firmatari dell'appello, è fondamentale per gli studenti che vogliono proseguire gli studi: "In particolare per le scuole secondarie di ambito scientifico, pensiamo che l’esistenza di una prova scritta delle materie di indirizzo orienti la preparazione degli studenti (e non solo dell’ultimo anno) verso le discipline STEM. Ad oggi i corsi di laurea concernenti dette discipline sono quelle che garantiscono le maggiori opportunità lavorative. Nonostante queste reali opportunità, il numero di studenti che decide di intraprenderle è relativamente esiguo.

"

Continuano elencando i difetti della prova dell'anno scorso (un maxi orale con elaborato):

  • la non omogeneità delle prove, la cui difficoltà dipendeva direttamente dai docenti;
  • l'importanza delle materie d'indirizzo: nell'elaborato il ruolo delle discipline d'indirizzo era marginale;
  • gli argomenti dell'elaborato venivano assegnati prima della fine dell'anno scolastico e quindi del completamento dell'intero programma.

Per capire come sarà, se e quali scritti verranno ripristinati, non resta che aspettare le decisioni del MI.

Fonte: getty-images

Leggi le ultime news sull'esame di maturità: