Maturità 2021, i casi in cui rischi di non essere ammesso

Di Redazione Studenti.

Maturità 2021, quest'anno sarà il consiglio di classe a decidere chi ammettere e chi no all'esame di Stato

MATURITA' 2021

Sono pochi i cambiamenti della maturità 2021 rispetto all'esame dell'anno scorso, ma tra questi c'è sicuramente il rischio della non ammissione. Nel 2020 tutti gli studenti venivano automaticamente ammessi all'esame di Stato, cosa che quest'anno verrà meno. Ecco cosa sappiamo dall'ordinanza attualmente al vaglio del CSPI (che ha già proposto di spostare in avanti la consegna dell'elaborato)

AMMISSIONE MATURITà 2021

Nel comunicato stampa con il quale il Ministero dell'Istruzione anticipa le ordinanze della maturità e dell'esame di terza media - al momento inviate al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione - si legge che "L’ammissione all’Esame sarà deliberata dal Consiglio di classe". Inotre:

"Come per gli esami conclusivi del primo ciclo, la partecipazione alle prove nazionali Invalsi, che comunque si terranno, non sarà requisito di accesso, e saranno le istituzioni scolastiche a stabilire eventuali deroghe al requisito della frequenza, previsto per i tre quarti dell’orario individuale. Si deroga anche al monte orario previsto per i Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, che non rappresenta un requisito di accesso."

Riassumento: prove Invalsi e completamento delle ore PCTO non saranno requisiti d'ammissione alla maturità 2021. La stessa dipenderà solo dal giudizio del consiglio di classe che, secondo le anticipazioni dovrebbe ammettere l'alunno in presenza di un giudizio complessivamente positivo. Anche le eventuali assenze oltre i tre quarti dell'orario verranno valutate caso per caso, pertanto i casi in cui si rischia la non ammissione riguarderanno situazioni particolarmente gravi. Per saperne di più dovremmo attendere la pubblicazione ufficiale dell'ordinanza ministeriale. 

Fonte: istock