Maturità 2021: quello che devi sapere sugli esami preliminari in presenza

Di Redazione Studenti.

Tutto quello che c'è da sapere sugli esami preliminari in presenza per la maturità 2021. Cosa dicono le FAQ del ministero

MATURITÀ 2021

Esami preliminari in presenza. Questa è una delle certezze della maturità 2021, che in questi gironi stanno èpian piano emergendo grazie alle FAQ rese note dal Ministero dell'Istruzione.

Tra le altre novità, anche il ruolo dell'educazione civica all'esame, parte fondamentale del nuovo orale.

MATURITÀ 2021: ESAMI PRELIMINARI

Cosa sappiamo quindi sugli esami preliminari? Ci viene in aiuto la FAQ del ministero dedicata all'argomento.

È obbligatorio che i candidati esterni sostengano gli esami preliminari in presenza?

Sì, è obbligatorio. Si sottolinea che gli esami preliminari, che accertano la preparazione dei candidati esterni sulle discipline previste dal piano di studi dell’anno o degli anni per i quali non siano in possesso della promozione o dell’idoneità alla classe successiva, nonché su quelle previste dal piano di studi dell’ultimo anno, prevedono la stessa tipologia di prove degli esami di idoneità, di cui all’articolo 6 comma 5 del DM 8 febbraio 2021, n. 5.

Gli esami preliminari consistono perciò in prove scritte, grafiche, scritto-grafiche, compositivo/esecutive musicali e coreutiche, pratiche e orali, idonee ad accertare la preparazione dei candidati esterni nelle discipline oggetto di verifica. Tali esami devono svolgersi dunque in presenza.

I candidati esterni dovranno perciò sostenere l'esame preliminare in presenza.

Le ultime novità sull'esame di Stato 2021:

Fonte: istock