Maturità 2020, come sarà il colloquio orale

Di Veronica Adriani.

Esame orale diviso in cinque parti e di durata di un'ora. Ecco tutto quello che sappiamo finora sul colloquio orale della maturità 2020

ORALE MATURITÀ 2020

Orale maturità 2020: ecco cosa sappiamo
Orale maturità 2020: ecco cosa sappiamo — Fonte: istock

Il MIUR ha anticipato che è pronta l'ordinanza ministeriale che definisce nel dettaglio l'orale della maturità 2020, unica prova dell'anno scolastico corrente. Secondo le anticipazioni, l'orale sarà svolto in presenza - con tutte le misure di sicurezza del caso. Sarà della durata indicativa di un'ora e sarà valutato massimo 40 punti, che andranno a sommarsi al massimo 60 dei punti di credito

Che l'orale fosse in presenza era ormai cosa nota: il tutto, a meno di una ripresa molto forte dell'epidemia:

Solo nel caso in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo richiedano, i lavori delle commissioni e le prove d’esame potranno svolgersi in videoconferenza o con altra modalità telematica sincrona - ha dichiarato il Ministero.

La prova a distanza potrà essere presa in considerazione unicamente per:

  • studenti con disabilità
  • studenti immunodepressi
  • studenti che sono andati all’estero
Ascolta su Spreaker.

COLLOQUIO MATURITÀ: COME SI SVOLGE

Il colloquio si svolgerà in cinque fasi:

  1. Discussione di un elaborato sulle discipline di indirizzo, quelle della seconda prova. A tale proposito la bozza dice che:
    L’argomento è assegnato a ciascun candidato su indicazione dei docenti delle discipline di indirizzo medesime entro il 1° di giugno. L’elaborato è trasmesso dal candidato ai docenti componenti la sottocommissione per posta elettronica entro il 13 giugno. Per gli studenti dei licei musicali e coreutici, la discussione è integrata da una parte performativa individuale, a scelta del candidato, della durata massima di 10 minuti. Per i licei coreutici, il consiglio di classe, sentito lo studente, valuta l’opportunità di far svolgere la prova performativa individuale, ove ricorrano le condizioni di sicurezza e di forma fisica dei candidati;
  2. Discussione di un breve testo di lingua e letteratura italiana studiato nel corso del quinto anno, ricompreso nel documento del consiglio di classe;
  3. Analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla commissione;
  4. Esposizione delle esperienze svolte nell’ambito del PCTO, attraverso breve relazione ovvero un elaborato multimediale;
  5. Accertamento delle conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione”.

Si aggiunge inoltre che:

Per quanto concerne le conoscenze e le competenze della disciplina non linguistica (DNL) veicolata in lingua straniera attraverso la metodologia CLIL, il colloquio può accertarle qualora il docente della disciplina coinvolta faccia parte della Commissione di esame.

COLLOQUIO MATURITÀ: QUANTO DURA

Il colloquio durerà al massimo 60 minuti, e la data scelta per l'inizio delle prove sarà quella in cui si sarebbe dovuta tenere la prova di Italiano, ovvero il 17 giugno.

La prova orale potrà valere fino a 40 punti, mentre i crediti complessivi ne varranno al massimo 60. Consulta la bozza delle tabelle di conversione dei crediti.

ORALE MATURITÀ: TESINA SÌ O NO

Al momento non si parla esattamente del ritorno di una tesina, ma gli studenti dovranno presentare un breve elaborato sulle materie di indirizzo e i professori presenteranno dei materiali da cui partire per sviluppare argomentazioni più ampie sul programma dell'ultimo anno. Per questa ragione abbiamo pensato ad alcuni possibili percorsi, temi e collegamenti tra le materie:

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: TESINA

Torna anche quest'anno la relazione (o l'elaborato multimediale) sull'alternanza scuola-lavoro. Ecco tutti i nostri suggerimenti per farne una partendo da zero:

Leggi tutte le novità: