Maturità 2020, come funzionerà il maxi colloquio: struttura, materiali, come sarà articolato

Di Redazione Studenti.

Come funzionerà la parte interdisciplinare del maxi orale della maturità 2020? Ecco i dettagli sui materiali che ti fornirà la commissione all'orale

Orale maturità 2020: come funziona la parte interdisciplinare

Come si svolgerà il maxi orale 2020
Come si svolgerà il maxi orale 2020 — Fonte: istock

Nell'ordinanza sugli esami di Stato comunicata dal Miur lo scorso 16 maggio, viene definito nel dettaglio come si dovrà svolgere l'orale e, all'interno di questo, come sarà la parte interdisciplinare.
Il maxi orale della maturità 2020 prenderà il via il 17 giugno e, per quella data, la sottocommissione dovrà predisporre i materiali che verranno forniti del corso dell'esame a ciascun candidato. Ovviamente, nella definizione dei materiali, si terrà conto del percorso didattico effettivamente svolto dallo studente. Sarà, insomma, materiale "personalizzato", tarato su quelle che sono state le esperienze fatte, i progetti realizzati, il programma effettivamente svolto.
Da cosa sarà composto il materiale che verrà fornito agli studenti?

  • Un testo
  • Un documento
  • Una esperienza
  • Un progetto
  • Un problema
Ascolta su Spreaker.

Come si svolgerà l'orale della maturità 2020

L'orale partirà il 17 giugno e si svolgerà in ordine alfabetico a partire dall'iniziale sorteggiata. Avrà una durata massima di un'ora e in ogni giornata saranno esaminati 5 studenti. Cosa accadrà, nel dettaglio, in quei 60 minuti? Ecco gli step che dovranno affrontare i maturandi:

  1. Discussione dell'elaborato sulle discipline di indirizzo. L'argomento è assegnato ai maturandi dai docenti, entro il 1° giugno e va inviato per posta elettronica ai componenti della sottocommissione entro il 13 giugno.
    Per gli studenti dei licei musicali e coreutici, se sarà possibile, questa fase sarà integrata da una performance della durata massima di 10 minuti.
    |Come fare il percorso per la maturità | Percorsi maturità 2020: idee per tutte le scuole.
  2. Discussione di un testo di italiano relativo ad un argomento del 5° anno affrontato in classe.
  3. Analisi del materiale scelto dalla commissione e, da questa, sottoposta ai candidati.
  4. Esposizione dell'esperienza di alternanza scuola-lavoro attraverso una relazione oppure un elaborato multimediale.
  5. Confronto su Cittadinanza e Costituzione. Ricordiamo che, su questo tema, la ministra Azzolina ha chiesto ai docenti (resta quindi una loro scelta) che le domande su questo tema vertano su come i maturandi hanno vissuto la quarantena.

Tra le novità di questo esame ricordiamo l'autocertificazione necessaria per i maturandi (scopri qui di cosa si tratta) l'help desk per le scuole che sarà attivo dal 28 maggio ed infine il piano B che scatterà qualora le condizioni epidemiologiche non consentissero l'esame in presenza.