Maturità 2020, candidati esterni: quando prepararsi all'esame è un percorso a ostacoli

Di Veronica Adriani.

Tanti i candidati esterni che per la Maturità 2020 stanno iniziando a prepararsi per l'esame. Ma non tutto è semplice: tanti i dubbi sui programmi e sul PCTO

MATURITÀ 2020 CANDIDATI ESTERNI

Maturità 2020: come si stanno preparando i candidati esterni
Maturità 2020: come si stanno preparando i candidati esterni — Fonte: istock

Come ogni anno, dopo il 30 novembre i candidati privatisti entrano nel pieno della preparazione per la maturità. Qualcuno approfitterà ancora della domanda tardiva - da inviare entro il 31 gennaio - o farà domanda per l'ammissione direttamente entro il 20 marzo, nel caso in cui entro il 15 marzo stia ancora frequentando la scuola. A proposito: Qui trovi le regole per l'ammissione dei candidati esterni all'Esame di Stato, se ancora hai dubbi.

Ma per chi ha già iniziato a studiare, le cose non sono così semplici. Le assegnazioni alle classi avverranno infatti solo a gennaio, e solo allora la maggior parte dei candidati potrà approfittare dei consigli dei professori per capire dove orientare lo studio. Nel frattempo, si va avanti basandosi sui programmi ministeriali: "prima di essere assegnati ad una classe e poter avere a che fare con i professori per avere indicazioni su cosa focalizzare l'attenzione, devo aspettare fine anno...giugno è dietro l'angolo e mi sembra surreale dover prendere in mano programmi completi sapendo che normalmente in classe si fanno forse i due terzi del programma indicato", fa notare un candidato sul Gruppo Facebook Maturità 2020.

Ma capita anche che la scuola si riveli criptica nelle informazioni. C'è chi racconta la sua esperienza al secondo diploma, quello in scienze umane: "Qualcuno mi sa aiutare ad elaborare i programmi? A scuola non aiutano: mi hanno detto di guardare sul sito e personalizzare, ma... in che senso?" Chiede una ragazza. E spiega: "Non so cosa volesse dire la vicepreside con 'devi personalizzarli'. Ho chiesto più volte, poi ho ringraziato e sono andata a chiedere in segreteria. Ma anche lì mi hanno detto che dovevo fare io. Mi hanno anche detto che NON devo parlare con i professori. Sono nello sconforto. Non sono più giovanissima. Sembra non vogliano farmi prendere questo diploma".

MATURITÀ 2020, SCUOLE DI PREPARAZIONE

La sensazione di sconforto è tale che in alcuni casi c'è chi rinuncia e prova l'anno seguente. O anche chi si affida a scuole di preparazione, senza ottenere però quello che cercava. Un ragazzo racconta la sua esperienza con una di queste scuole: "Mi iscrivo a una scuola di preparazione mista online e fisica in cui faccio due giornate fisiche mentre il resto a casa. Mi iscrivo con le promesse di un tutor, lezioni fisiche per due giorni a scuola, lezioni online tramite piattaforma, pdf con tutto il programma. Mi promettono anche che ad iscrivermi alla maturità da privatista avrebbero pensato loro, perché avevano già i contatti con una scuola. Di fatto il tutor non si è mai visto, le lezioni online sono dei pdf pieni di errori di battitura e non seguono nemmeno il programma delle lezioni fisiche. E all'iscrizione alla maturità devo pensare io, perché saremmo troppi privatisti in quella scuola e di conseguenza non verremmo presi tutti".

A qualcuno invece va meglio, ma solo dopo diversi tentativi: "Quest'anno prenderò, o almeno  proverò, a prendere la maturità da privatista. Ci ho provato per diversi anni, ma quando mi rivolgevo alle varie scuole, invece di sciogliere i miei dubbi a riguardo, questi si moltiplicavano: presidi e vicepresidi mi hanno sempre scoraggiato" racconta uno studente. "Una volta ho mandato comunque la domanda cercando di studiare dai programmi ministeriali. Il provveditorato mi aveva detto che la scuola mi avrebbe assegnato un tutor che mi avrebbe dato una mano, ma la sua chiamata è arrivata a maggio, poche settimane prima della maturità, quando avevo già rinunciato" spiega. "Per fortuna la scuola giusta alla fine arriva". Nella scuola in cui si trova ora, un professionale, ottiene programmi dettagliati e argomenti specifici per ogni materia. Non potendo seguire le lezioni, prenderà la maturità completamente da privatista, seguendo l'iter attraverso il provveditorato. Una professoressa lo segue e lo consiglia.  "Con vari dubbi, continuo a studiare e a sperare finalmente di farcela per il prossimo giugno" spiega "ma onestamente devo ringraziare la disponibilità della scuola, che in un paese normale sarebbe solamente un servizio adeguato, ma in questo paese particolare è un'eccezione".

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO CANDIDATI ESTERNI

Ma il dubbio maggiore per molti candidati riguarda le novità della maturità di quest'anno: l'obbligo per l'ammissione all'esame di Stato 2020 di sostenere le prove Invalsi e soprattutto di portare a termine le ore di alternanza scuola lavoro. "Quest’anno l’alternanza è obbligatoria per poter accedere all’esame, ma diciamo che noi privatisti siamo un po’ penalizzati nel poterla svolgere. Avrei voluto farla in una farmacia, ma purtroppo vi è la necessità di una “convenzione” con la scuola, impossibile da fare" spiega una ragazza.

"Ho 29 anni e nel 2020 sosterrò la maturità per il diploma in chimica e materiali come candidato privatista presso l'istituto tecnico della mia città" racconta un altro studente. "Mi è stato detto che dovrò possedere 400h di alternanza scuola lavoro nel settore di indirizzo (aziende chimiche, farmaceutiche, galvaniche ecc). Lavoro da anni con un contratto part time, ma non vale ai fini dell'alternanza e mi è stato detto che la scuola non può propormi i suoi tirocini".

L'alternanza scuola-lavoro, che fino allo scorso anno non era obbligatoria per l'ammissione all'esame, da quest'anno è infatti tornata ad esserlo, poiché il differimento previsto dal Ministro Bussetti della normativa del 2017 non è stato rinnovato anche per l'anno in corso: in poche parole, fa fede quanto previsto dalla riforma dell'Esame di Stato con il Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62. Qui la circolare MIUR che lo conferma.

Ma in cosa consiste quindi l'alternanza scuola lavoro, anche per i candidati privatisti? Richiamiamo qui sotto i chiarimenti pubblicati dal MIUR nel Marzo 2017:

Ecco la descrizione dettagliata delle aree in cui rientra l'attività di alternanza scuola-lavoro - oggi PCTO - per i candidati all'esame, interni ed esterni

Scarica il documento: Chiarimenti ASL marzo 2017

È possibile quindi farsi certificare come attività di alternanza le ore effettuate al lavoro? Sì, ma sempre tenendo conto che la valutazione dell'idoneità di quelle ore con il percorso resta comunque in mano alla commissione. Si legge infatti nel documento che:

La Commissione d’esame valuterà la rispondenza – anche in termini di competenze acquisite – delle esperienze lavorative, di tirocinio, apprendistato o alternanza scuola lavoro esibite dal candidato, a quelle previste nel percorso formativo personalizzato che l’aspirante produce all’atto della presentazione della domanda di ammissione all’esame, con un parere da comunicare al candidato almeno dieci giorni prima dell’inizio dell’esame preliminare, ovvero della prima prova d’esame.

CANDIDATI PRIVATISTI: LA RELAZIONE SULL'ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Uno dei candidati esterni intervenuto sul tema nel gruppo Facebook dei maturandi ha avuto fortuna ed è stato indirizzato correttamente dalla sua scuola: "La responsabile del corso serale mi ha spiegato che di solito l'alternanza scuola lavoro la si può supplire con delle esperienza professionali che abbiano a che fare con l'indirizzo scolastico. Nel mio caso la scuola ha un indirizzo socio-sanitario e avendo fatto io servizio civile, attività associativa e dei mesi di Garanzia giovani in una libreria, questo è sufficiente".

Qualcuno supplisce alle ore con il volontariato, ma anche qui è necessario informarsi: alcune scuole infatti considerano quelle ore come credito formativo e non come alternanza scuola-lavoro, generalmente in base all'attinenza con il percorso di studi.

Per quel che riguarda la relazione finale, qui trovi tutto quello che ti serve sapere, compresa la possibilità di elaborare il documento sulla base del tuo progetto di vita o lavoro: Relazione sull'alternanza per i privatisti: spunti

MATURITÀ 2020 NOVITÀ

Cosa sapere sull'esame di Stato: