Maturità 2018, le eccezioni indicate dal Miur al plico telematico

Di Marta Ferrucci.

Nella gestione degli scritti della maturità 2018 il Miur ha indicato delle regole e poi le eccezioni. Ecco di cosa si tratta e quali maturandi sono coinvolti

MATURITA' 2018: REGOLE ED ECCEZIONI

Maturità 2018: le eccezioni al plico telematico
Maturità 2018: le eccezioni al plico telematico — Fonte: istock

Giovedì 31 maggio il Miur ha inviato una circolare con gli adempimenti tecnici che devono svolgersi in ogni scuola, le procedure e le tipologie di maturandi per cui sono previste delle eccezioni. Un passaggio obbligato per il Miur ma una delusione per i maturandi in attesa dei nomi dei commissari esterni.

Perché proprio oggi? Questa mattina si è svolta la Conferenza Nazionale dei Dirigenti Tecnici e dei componenti le task-force regionali che gestiranno tutte le fasi della Maturità e, in questa occasione, è stato emanato un vero e proprio vademecum con tutto quello che va fatto - e quello che invece va assolutamente evitato -  nell'organizzazione della maturità 2018.

Se per tutte le scuole è previsto che le tracce siano inviate con il plico telematico, fanno eccezione i candidati con disabilità visive e coloro che svolgono l’esame presso sezioni carcerarie od ospedaliere.
Eventuali esigenze speciali, ivi comprese le richieste di “plico cartaceo”, per candidati con disabilità visive, dovranno essere indirizzate alla Struttura tecnica esami di Stato dalle Istituzioni scolastiche o dalle Commissioni e saranno esaminate caso per caso, previo puntuale approfondimento tecnico con i richiedenti.
Per quanto riguarda i candidati che svolgono l’esame presso sezioni carcerarie od ospedaliere (ovvero presso il proprio domicilio), eventuali richieste di “plico cartaceo” saranno indirizzate, in via eccezionale, dai competenti Uffici scolastici mregionali o dalle loro Articolazioni territoriali alla Struttura tecnica esami di Stato.
ecco il piano di battaglia per la Maturità 2018 - 20 e 21 giugno, iniziamo alle 7.30
Le prove in formato Braille e le altre che non sarà comunque possibile inviare con la modalità del “plico telematico” dovranno essere ritirate nei locali dell’Amministrazione centrale con modalità che saranno successivamente rese note.