Maturità 2018, cosa fanno gli studenti la notte prima degli esami?

Di Veronica Adriani.

Notte prima dell'Esame di Stato: cosa fare il giorno prima della maturità 2018? Lo abbiamo chiesto agli studenti, ed ecco le risposte

MATURITÀ 2018

Come affronterai la notte prima degli esami? Lo abbiamo chiesto ai maturandi, ed ecco cosa hanno risposto
Come affronterai la notte prima degli esami? Lo abbiamo chiesto ai maturandi, ed ecco cosa hanno risposto — Fonte: ansa

Ci siamo quasi: la prima prova 2018 è dietro l'angolo e gli studenti sono pronti a trascorrere la loro ultima notte prima degli esami di maturità, da soli o in compagnia. Ma cosa hanno in programma i maturandi? Folli serate alcoliche, proiezioni cinematografiche collettive o studio matto e disperatissimo? Un po' di tutto, sembra, ma a modo loro.

NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI

Notte di lacrime e preghiere, cantava Antonello Venditti: e per qualcuno è davvero così. Se gli chiedi come hanno intenzione di trascorrere la serata che precede l'Esame di Stato, sono in tantissimi a rispondere in modo melodrammatico: "piango", "mi dispero", "Mi strafogo di gelato mentre piango sui libri","prego i santi" (ma non tutti, solo quelli giusti!) sono le risposte più frequenti. Qualcuno propone una fuga in Burundi, altri di inscenare un finto suicidio per poi farsi chiamare Adriano Meis, altri ancora di disperarsi fino a svenire.

E poi c'è chi non può fare a meno dell'omonimo film di Fausto Brizzi, e chi al contrario proprio non ne vuole sentir parlare. C'è anche chi, finalmente, prende una decisione importante: "inizieremo a studiare!", e chi aspetterà mezzanotte per festeggiare il compleanno più ansiogeno della sua vita.

Propositi lussuriosi per qualcuno, che per stemperare la tensione ha trovato un modo tutto suo: "mi cercherò un'amante per passare la notte", e svaghi alcolici per qualcun altro, che tra il serio e il faceto si augura di dimenticare l'ansia da maturità bevendoci su. Qualcun altro, invece, tenterà il tutto per tutto con un super ripasso: "ma il film è d'obbligo!" lamenta Valentina. "Te lo guardi dopo" le fa eco l'amica Carlotta. Studio intenso anche per Veronika: "Ripasso tutto il programma e vado a dormire. Appena finisco gli esami festeggio con mia mamma e il mio fidanzato".

Ma c'è anche chi non festeggia: "Sinceramente vorrei viverla in modo normale, perché se la vivo in modo speciale la faccio diventare una cosa anormale e più dura" spiega Valerio, e aggiunge: "non mi piace molto bere, le feste, 'ste cose qua, mi mandano in agitazione". Lo stesso vale per Francesca: "Non farò niente di che, se si viene ammessi si viene promossi al 99%". C'è poi Giovanni: "Ripenso a quando ho cominciato la scuola e ripercorro tutti gli anni che ho vissuto e le cose che ho fatto". Bei ricordi? "I primi due anni sì, gli altri non molto...".

Infine, ci sono le classi che la notte prima degli esami scelgono di ritrovarsi insieme per stemperare la tensione. Così Martina: "Da me la notte prima degli esami ci vediamo con tutti i ragazzi di quinta fuori da scuola a fare un po' di casino e apriamo una bottiglia di spumante. Qualche lacrima, qualche ansia e il giorno dopo con qualche santino nelle mani". "È in programma una serata con i compagni di classe" per Claudia, mentre da Salvatore "si stappa una bottiglia di spumante davanti la scuola".

COME AFFRONTARE LA NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI: LA GUIDA

Tutti modi leciti per affrontare l'ansia pre-esame, ma per svegliarsi riposati e tranquilli in previsione delle sei ore di prova scritta di Italiano da affrontare il 20 giugno, sarebbe meglio porsi qualche limite temporale.

Che decidiate di trascorrere la serata con gli amici, ad ascoltare musica o guardare un film, o dedicarvi all'ultimo ripasso, badate bene di staccare la spina dalle 20:30 in poi e seguire questi consigli. Ci sarà tutto il tempo per festeggiare dopo l'orale, nella vacanza più bella e lunga della vostra vita.