Maturità 2017 prima prova: l'ansia degli studenti sui social

Di Anastasia Meloni.

L'ansia degli studenti nel mattino della prima prova dell'esame di maturità si esprime soprattutto sui social

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

Ansia da esame di maturità sui social

La mattina di apertura della prima prova della maturità 2017 si apre all'insegna dell'ansia, come accade del resto da generazioni. Solo che l'ansia degli studenti millenial la possiamo leggere interamente sui social network, Facebook e soprattutto Twitter.

Agli "in bocca al lupo" generalizzati, che ovviamente non rassicurano nessuno, si accostano manifestazioni di ansia profonda capaci di creare inquietudine anche in chi ha fatto la maturità 20 anni fa.

Ansia studenti social maturità
Ansia studenti social maturità — Fonte: shutterstock

Nonostante la prima prova scritta sia in teoria quella che richiede minore preparazione, l'ansia è al massimo proprio per via dell'inizio dell'Esame di Stato. Le paure più diffuse sono ovviamente collegate al fatto di non riuscire a trovare nulla da scrivere, non avere idee originali, o ritrovarsi con tracce relative ad argomenti su cui non si è abbastanza preparati. Ma serve davvero studiare o ripassare per la prima prova? In questo momento improvvisamente tutti i toto-tracce e le previsioni sembrano inutili, per non parlare della remota possibilità di conoscere le tracce in anticipo: non c'è niente da fare, è davvero impossibile.

Insomma temutissimo è il blocco dello studente, quell'ansia che cancella la capacità di scrivere anche due righe nonostante magari si fosse sempre preparatissimi. Il blocco però di solito dopo un po' passa perchè a un certo punto è ora di gettarsi nella mischia.

Discreta ansia anche per la questione climatica, da non sottovalutare: non dimentichiamo che in questi giorni il termometro sta toccando temperature ragguardevoli in tutta la penisola, e stare chiusi in un'aula per sei ore con 40 gradi, per lo più vestiti in maniera decente (quindi non in costume da bagno) è a sua volta una prova.

Non stentiamo a immaginare che nel giro di poco il proverbiale blocco e gli attacchi di ansia passeranno per lasciar posto al rimboccarsi le maniche: in bocca al lupo a tutti!