100 giorni maturità 2018: come raccogliere i fondi per i festeggiamenti

Di Marta Ferrucci.

Ecco com’è nata la tradizione dei 100 giorni alla maturità e come si può organizzare una raccolta fondi per finanziare i festeggiamenti

100 giorni maturità 2018

Ebbene sì, cari maturandi, secondo i nostri calcoli, lunedì 12 marzo, mancheranno esattamente 100 giorni alla maturità. 100: una cifra tonda tonda che, diamocelo, fa una certa impressione, perché rende chiaro che ormai il tempo a disposizione prima dell’inizio dell’esame inizia a diminuire in modo inquietante e anche perché simboleggia il voto che tutti si augurano di raggiungere.
Proprio per questa loro connotazione da “rito di passaggio” i 100 giorni sono diventati da molti anni un vero e proprio evento, che viene celebrato in modi diversi nelle varie zone d’Italia.
Ma quale origine ha questa tradizione? Quanti maturandi la festeggiano? E quali modi ci sono per trovare i soldi per finanziare la vostra festa?

Iscriviti al gruppo Facebook Maturità per rimanere aggiornato su tutte le news e ricevere consigli sulla tesina!

100 giorni prima degli esami 2018

100 giorni alla maturità: come organizzare le raccolte fondi
100 giorni alla maturità: come organizzare le raccolte fondi

A dare tutte le risposte a queste domande è la coloratissima infografica #100giorni alla maturità creata dall’Università Niccolò Cusano in occasione dell’avvicinarsi di questo momento molto importante.
Da quello che emerge dall’infografica, la tradizione dei 100 giorni ha le sue origini addirittura nel lontano 1840 e si ripete ogni anno con successo, tanto che oggi 2 maturandi su 3 celebrano questa giornata.
Come? Alcuni con cene, altri con viaggi fuori porta e altri ancora con riti religiosi o con feste che, come succede spesso, vengono finanziate tramite la raccolta di soldi in giro per le città.

Volete scoprire tutte le curiosità sui 100 giorni alla maturità e volete trovare un modo originale per raccimolare quanto vi occorre per organizzare la vostra festa?
Allora non perdere l’infografica dell’Università Niccolò Cusano che trovate qui sotto e, in formato più grande, a questo link.