Commissari esterni Maturità 2015: gli insegnanti che hanno detto sì

Di Valeria Roscioni.

Maturità 2015: i commissari esterni devono restare. Il parere della Gilda degli insegnanti sulle commissioni dell’Esame di Stato

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

COMMISSARI ESTERNI MATURITA’ 2015: GLI INSEGNANTI CHE HANNO DETTO SI’. Le commissioni della Maturità 2015 non devono cambiare. A dirlo, a pochi giorni dalla scadenza del termine per annunciare le materie affidate ai commissari esterni, sono i 753 docenti che hanno partecipato ad un sondaggio ad hoc della Gilda degli Insegnanti. I membri esterni della commissione non devono scomparire secondo l’ l'85,66% dei partecipanti.

Da non perdere: Maturità 2015: le materie della seconda prova

COMMISSIONI MATURITA’ 2015: I COMMISSARI ESTERNI SONO UNA GARANZIA. Stando a quanto riportata da Orizzonte Scuola, l'83% dei docenti che hanno affermato di voler “salvare” i commissari esterni è dell’idea che l’introduzione della commissione interna potrebbe creare “disparità di valutazione tra i maturandi delle scuole statali e quelli degli istituti parificati”. Non solo: il 79,81% dei partecipanti, invece, ritiene che le commissioni della Maturità 2015 debbano essere composte esattamente come è accaduto negli anni precedenti perché così è possibile giudicare i candidati in modo equilibrato prendendo in considerazione anche, ma non solamente, il loro percorso di studi nell’arco dei cinque anni di scuola superiore. Tra le motivazioni per cui l’abolizione dei commissari esterni non piace agli insegnanti, infine, c’è anche il fatto che questo cambiamento potrebbe eventualmente aprire la strada verso l’abolizione del valore legale dell’Esame di Maturità.

Tutti gli aggiornamenti: Maturità 2015: news su seconda prova, commissari esterni e date

MATURITA' 2015, COMMISSARI ESTERNI: LA DECISIONE E' VICINA. Insomma, la commissione interna, stando agli insegnanti stessi, non s’ha da fare. Una conclusione che, per una volta, vede prof e una parte dei maturandi schierarsi dalla stessa parte. Cosa ne pensa però il Ministero? Il Miur ha tempo fino al 31 gennaio per prendere una decisione ufficiale. Quel giorno tutti sapranno quali saranno le materie affidate ai commissari esterni per la Maturità 2015 oppure se, almeno per quest’anno, non sarà necessario stabilire alcuna spartizione.