Materie seconda prova, per le associazioni studentesche maturità 2019 come una roulette russa

Di Marta Ferrucci.

Seconda prova maturità 2019, per la Rete Studenti Medi le novità annunciate oggi sono sperimentazioni maldestre sulla pelle degli studenti

MATERIE SECONDA PROVA MATURITA' 2019, STUDENTI CONTRARI ALLE NOVITA'

proteste contro le novità della maturità 2019
proteste contro le novità della maturità 2019 — Fonte: ufficio-stampa

Insieme alle materie della seconda prova 2019 è anche arrivata la protesta di studenti e associazioni studentesche contro le novità visto che hanno fatto il loro ingresso ufficiale le prove miste. Per tutti gli aggiornamenti iscriviti al gruppo FB maturità 2019.

Secondo la Rete degli Studenti Medi, la nuova maturità si fa sempre più vicina e terrorizza sempre più studenti. In particolare venerdì 18 gennaio, giorno in cui si è ufficializzato il già annunciato incubo della “doppia materia” in seconda prova. Matematica e fisica allo scientifico, greco e latino al classico. Ma a maggior ragione ora che si ha la certezza che gli esercizi di Fisica proposti nella traccia mista per lo scientifico dal Miur sono stati copiati da un manuale di Fisica russo per universitari. Sei esercizi degli otto proposti arriverebbero direttamente da un manuale per corsi universitari di Fisica avanzati.

Questa impostazione maldestra e raffazzonata dell’esame di stato è l’ennesima conferma: sperimentano sulla pelle degli studenti.” Dichiara Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi. “Ogni anno si annuncia un cambiamento diverso di questo esame che non ha alcun senso di esistere: serve solo per coronare 5 anni di dannosa valutazione numerica e a dare una scusa alle università per ridurre le possibilità di accesso.”
La doppia materia in seconda prova confonde gli studenti e ne limita la preparazione. L’orale, se possibile, è ancora più ridicolo. Eliminata la tesina, unico momento di libera espressione e allenamento alla ricerca, il candidato dovrà pescare una tra tre buste con degli “spunti” da cui iniziare il colloquio. Questa maturità sembra più una roulette russa che una prova dotata di un qualche senso. Va abolita una volta per tutte, insieme ai voti numerici. Oggi per questo manifestiamo davanti agli Uffici Scolastici Regionali!” ha concluso Manfreda.

la novità, quest'anno, è anche l'istituzione di 4 giornate nazionali per la simulazione degli scritti. Quattro mini esami di Stato a tutti gli effetti che si svolgeranno a febbraio e marzo. Qui le date.