Marilyn Monroe: biografia, storia e la causa della morte

Marilyn Monroe: biografia, storia e la causa della morte A cura di Laura Morazzini.

Marilyn Monroe, biografia e storia di un mito. Com'era Norma Jeane? Film, fisico, carattere e il mistero della morte a soli 36 anni.

1L’infanzia di Marilyn Monroe

L'attrice Marilyn Monroe posa per un ritratto sdraiata sull'erba nel 1954 a Palm Springs, in California
L'attrice Marilyn Monroe posa per un ritratto sdraiata sull'erba nel 1954 a Palm Springs, in California — Fonte: getty-images

Marilyn Monroe è stata una delle più famose attrici di Hollywood, protagonista di numerose pellicole di successo negli anni '50 e icona di bellezza femminile

La madre Gladys Pearl Monroe, persa la custodia dei figli avuti dal primo matrimonio, si risposa nel 1924 con Martin Mortensen, un immigrato norvegese; allo stesso tempo, intreccia una relazione con il suo capo alla RKO Pictures, dove lavora nella post-produzione come addetta al montaggio

Dopo aver divorziato dal secondo marito scopre di essere incinta e alla nascita della bambina la registra come Norma Jeane Mortenson, storpiando il cognome dell'ex marito e dichiarando di non saperne l'attuale indirizzo. 

Norma Jeane Baker, in arte Marilyn Monroe (1926-1962), sulla spiaggia con sua madre Gladys Pearl Monroe, intorno al 1929
Norma Jeane Baker, in arte Marilyn Monroe (1926-1962), sulla spiaggia con sua madre Gladys Pearl Monroe, intorno al 1929 — Fonte: getty-images

La nonna materna Della la fa battezzare con il cognome Baker per nascondere la nascita illegittima ma l’inizio della vita di Norma Jeane rimane turbolento: viene affidata a una coppia di Hawthorne ad appena due settimane di vita

La madre ha numerosi attacchi psichici, probabile manifestazione di schizofrenia non ancora diagnosticata; questi attacchi la obbligano a entrare e uscire dagli istituti psichiatrici, ma negli anni visita regolarmente la figlia, con il benestare della famiglia affidataria. 

2Marilyn Monroe sposa a 16 anni

Marilyn Monroe e il suo primo marito Jim Dougherty, 1943 circa
Marilyn Monroe e il suo primo marito Jim Dougherty, 1943 circa — Fonte: getty-images

Grazie a un prestito, nel 1933 Gladys riesce ad acquistare una casa a Hollywood e ottiene anche l’affidamento della figlia, che lascia i Bolender e va a vivere con lei, ma già l'anno successivo ha un crollo psicologico: le viene diagnosticata la schizofrenia e viene ricoverata

Un'amica di famiglia, Grace Goddard si occupa dei suoi affari, compresa la gestione della bambina che viene collocata in diverse famiglie affidatarie, compresa una breve permanenza in orfanotrofio nel 1935

A 16 anni Norma è grande abbastanza e può scegliere se trascorrere in orfanotrofio gli ultimi anni fino alla maggiore età o sposarsi. Sceglie l'ultima opzione per sottrarsi al meccanismo dei servizi sociali, anche su consiglio della madrina e nel 1942 viene celebrato il matrimonio con Jim Dougherty, un ventenne del suo quartiere, che parte poco dopo come militare.

Mentre lavora come operaia in un'industria di paracaduti, la Radio Plane Company di Van Nuys in California, viene notata dalla squadra del fotografo André De Dienes che sta documentando l'impegno femminile nello sforzo bellico; André la convince a fare della sua bellezza una fonte di reddito.

3Gli inizi come fotomodella

L'attrice Marilyn Monroe posa in costume da bagno su un molo
L'attrice Marilyn Monroe posa in costume da bagno su un molo — Fonte: getty-images

Uno dei fotografi la mette in contatto con l’agenzia di modelle Emmeline Snively; segue un corso di tre mesi e all’inizio del suo lavoro come fotomodella corrisponde la fine del suo matrimonio con Dougherty, nel giugno del 1946.

Nel 1947 partecipa al concorso di bellezza Miss California Artichoke Queen, lo vince e partecipa al suo primo film The Shocking Miss Pilgrim, nel quale ha un ruolo esclusivamente vocale.

Viene notata da Howard Hughes della RKO, ma il primo contratto nel mondo del cinema è un accordo di un anno con la 20th Century Fox, che le offre 125$ alla settimana per i primi sei mesi e poi le dà un aumento di 25$ per altri sei; il team della Fox le suggerisce di trovarsi un nome d’arte e lei sceglie il cognome da nubile della madre, mentre il regista Ben Lyon le propone il nome Marilyn, da una sua collega di Broadway.

Nella primavera del 1948 ottiene un contratto semestrale con la Columbia Pictures per alcuni film di serie B e per una piccola parte in Orchidea Bionda, poi è una delle comparse in Ladies of the chorus del 1949.

Di nuovo senza lavoro riprende come fotomodella per alcuni mesi; recita senza essere accreditata in Giungla d'asfalto, ma è un piccolo ruolo in Tutto su mia madre che le procura nel 1950 un nuovo contratto.

4Marilyn Monroe, la bomba bionda

Marilyn Monroe e Cary Grant sul set del film "Monkey Business", 1952
Marilyn Monroe e Cary Grant sul set del film "Monkey Business", 1952 — Fonte: getty-images

La 20th Century Fox la riassume, questa volta con un contratto settennale, e recita in vari film, come il Magnifico scherzo di Howard Hawks, dove compare per la prima volta con i capelli biondo platino

Recita in Monkey business nel 1952 e nello stesso anno ottiene il primo ruolo da protagonista in La tua bocca brucia; nel 1953 recita in Niagara come sostituta di Anne Bancroft ma il suo stipendio rimane quello da contratto, come attrice stock. Ma poco male, tutti film girati nel 1953, Niagara, Gli uomini preferiscono le bionde e Come sposare un milionario, la lanciano come star.

Tom Ewell e Marilyn Monroe in una scena del film "The Seven Year Itch" (Quando la moglie è in vacanza)
Tom Ewell e Marilyn Monroe in una scena del film "The Seven Year Itch" (Quando la moglie è in vacanza) — Fonte: getty-images

L’anno dopo è protagonista de La magnifica preda e gira Quando la moglie è in vacanza, nel quale c’è la celebre scena del vestito sollevato dal vento della metropolitana; l’ultimo film le procura una candidatura ai BAFTA come miglior attrice straniera e il divorzio dal marito, il campione di baseball Joe Di Maggio, sposato neanche un anno prima.

5La ricerca di affermazione personale

Arthur Miller e Marilyn Monroe sul set del film "The Misfits", 1961
Arthur Miller e Marilyn Monroe sul set del film "The Misfits", 1961 — Fonte: getty-images

Dopo il divorzio, nel quale oltre alla incompatibilità caratteriale ha influito molto la sua professione di attrice, decide di dare una svolta alla carriera e si trasferisce a NY per studiare recitazione all'Actor's Studio di Lee Strasberg; nello stesso periodo segue i corsi di letteratura della UCLA e decide di affrontare le sue fragilità psicologiche iniziando un percorso di psicoanalisi.

Fermata d'autobus del 1956 segna un passo avanti importante dal punto di vista professionale e personale: grazie a questa pellicola riceve le lodi della critica e una nomination al Golden Globe, e il 1° luglio sposa il drammaturgo Arthur Miller, prima con rito civile e dopo due giorni con rito ebraico.

Nel 1957 fonda con il fotografo Milton Green una casa di produzione cinematografica la Marilyn Monroe Pictures con la quale produce Il principe e la ballerina, ma il rapporto con il coprotagonista Laurence Olivier è burrascoso e il film si rivela un fiasco ai botteghini.

Tuttavia, grazie al ruolo interpretato, vince il David di Donatello in Italia come miglior attrice straniera del 1958.

6Le fragilità di Marilyn Monroe, dipendente dalle relazioni

Marilyn Monroe sul set del film "Some Like It Hot" (A qualcuno piace caldo). Los Angeles, California. 1958
Marilyn Monroe sul set del film "Some Like It Hot" (A qualcuno piace caldo). Los Angeles, California. 1958 — Fonte: getty-images

Per circa un anno e mezzo sceglie di dedicarsi alla vita di coppia, cercando di avere figli, soffre però di endometriosi e subisce almeno due aborti; è probabile che a questo periodo risalga l’inizio della dipendenza da alcol e medicinali.

Recita nel 1959 in A qualcuno piace caldo, ancora per la regia di Billy Wilder nonostante il pessimo rapporto fra i due; anche in questa circostanza si dimostra inaffidabile con il regista, è spesso distratta e assente, ma con questa pellicola vince il primo Golden Globe come miglior attrice in una commedia.

Nel 1960 gira Facciamo l'amore di George Cukor con Yves Montand, con cui intreccia una relazione, e nel 1961 interpreta Roslyn Taber in Gli spostati di Houston; questo film è l'ultimo scritto dall’ormai ex marito Arthur Miller per lei. Divorziano nel gennaio del 1961 e Miller si risposa appena tre mesi dopo, scatenando una reazione auto distruttiva in Marilyn: aumenta ancora l'uso di alcol e calmanti per lavorare e comparire agli eventi pubblici.

7L'ultimo film incompiuto

L'attrice Marilyn Monroe canta "Happy Birthday" al presidente John F. Kennedy al Madison Square Garden, per il suo 45esimo compleanno
L'attrice Marilyn Monroe canta "Happy Birthday" al presidente John F. Kennedy al Madison Square Garden, per il suo 45esimo compleanno — Fonte: getty-images

Nel 1962 vince un secondo Golden Globe come migliore attrice e intreccia una relazione con John Fitzgerald Kennedy, il presidente degli Stati Uniti, che incontra regolarmente all'Hotel Roosevelt di Los Angeles; al termine del loro rapporto, forse ne intreccia un altro con il fratello Robert Kennedy, ministro della giustizia.

Nel frattempo le riprese di Something's got to give di Cukor vanno malissimo, quando l'attrice non è assente dal set, arriva in ritardo e spesso in stato quasi confusionale; in una scena ambientata in piscina, che prende diverse ore di lavoro, Marilyn si ammala e rimane a casa diversi giorni.

La 20th Century Fox è stanca dei ritardi e la licenzia, ma l’attore Dean Martin non accetta una sostituta come coprotagonista, rifiutando di lavorare senza di lei e bloccando la lavorazione. 

La casa di produzione le intenta causa per danni ma poi ci ripensa, sposta le riprese del film in autunno e le rinnovano il contratto scritturandola per altri due film, purché si impegni a disintossicarsi. 

8La morte di Marilyn Monroe

Una foto di Marilyn Monroe
Una foto di Marilyn Monroe — Fonte: getty-images

Chiusa nella sua casa di Brentwood al numero 12305 di Fifth Helena Drive, Marilyn si ritira a vita privata per qualche tempo, collegata al mondo solo con il telefono, al quale trascorre intere giornate. Nella giornata del 4 agosto scambia una serie di telefonate, fra le altre con il suo medico curante: è molto avvilita e la voce sembra farfugliante, strascicata, come se avesse assunto troppi tranquillanti.

La mattina dopo la cameriera vede la luce accesa sotto la porta, ma bussando non ottiene risposta e non riesce a entrare perché la porta è inchiavata dall’interno. Avvisato il medico, questo arriva subito ed è costretto ad entrare dalla finestra: il corpo è riverso sul letto, senza vestiti, con la cornetta del telefono ancora in una mano. L’autopsia riporta come causa del decesso un avvelenamento da barbiturici (e alcol) avvenuto fra le 20 e 23 della sera precedente. 

Marilyn Monroe lascia in eredità 1.600.000 dollari, dei quali il 75% viene destinato per sua volontà alla scuola di recitazione di Lee Strasberg e il restante 25% alla sua psicanalista, oltre a un fondo annuo di 5.000 dollari per il mantenimento della madre presso degli istituti di cura.

Viene seppellita al Westwood Memorial Park di Los Angeles. L’ex marito Joe Di Maggio farà portare rose rosse sulla sua tomba per i vent'anni successivi alla morte in occasione del compleanno.

9Filmografia

  • 1949: Orchidea bionda.
  • 1950 Una notte sui tetti, Lo spaccone vagabondo, Giungla d'asfalto, Eva contro Eva.
  • 1951: Mia moglie si sposa, Le memorie di un Don Giovanni, L'affascinante bugiardo.
  • 1952: Matrimoni a sorpresa, La tua bocca brucia, La giostra umana, La confessione della signora Doyle, Il magnifico scherzo.
  • 1953: Niagara, Gli uomini preferiscono le bionde, Come sposare un milionario.
  • 1954: La magnifica preda, Follie dell'anno.
  • 1955: Quando la moglie è in vacanza.
  • 1956: Fermata d'autobus.
  • 1957: Il principe e la ballerina.
  • 1959: A qualcuno piace caldo.
  • 1960: Facciamo l'amore.
  • 1961: Gli spostati.