Mappa concettuale sulla satira

Di Redazione Studenti.

Mappa concettuale sulla satira, genere letterario nato nell'antica Roma con Lucilio e che è arrivato fino ai giorni nostri. Storia e caratteristiche

SATIRA

Satira
Satira — Fonte: getty-images

Social network, televisioni e giornali ci tengono in contatto col mondo della satira (scarica qui la Mappa concettuale) quotidianamente.

Fare satira significa fare polemica con sarcasmo, ironia e spesso anche con comicità attraverso uno spettacolo, una vignetta, un’opera letteraria.

La satira ha un intento moraleggiante. Chiama in causa una serie di meccanismi profondi che vanno dall’etica agli artifici retorici necessari per suscitare straniamento e riso e implica una conoscenza profonda della realtà contemporanea.

SATIRA NELL'ANTICA GRECIA

Nell’Antica Grecia non esiste un vero e proprio genere che possa essere definito “satira”.

È possibile rintracciare in altri generi letterari, come le diatribe, alcuni elementi tipici di quello che sarà il genere letterario vero e proprio.

SATIRA NELL'ANTICA ROMA

Quintiliano, nel suo libro 'Institutio oratoria', afferma «satura tota nostra est», la satira è tutta nostra, è un’invenzione nostra.

Il termine 'satura' da cui il nome del genere ha origine, fa riferimento all’espressione lanx satura che indica dei piatti colmi di varie offerte donati alle divinità.

La satira, quindi, era un “miscuglio” di argomenti diversi che potevano essere esposti sia in poesia che in prosa.

Si sviluppano diverse tipologie di satira:

  • drammatica, destinata al teatro
  • letteraria, destinata a componimenti scritti sia in prosa che in versi.

GAIO LUCILIO

Con Gaio Lucilio, II secolo a.C., la satira viene codificata come genere letterario.

Lucilio scrive trenta libri di satire utilizzando il metro esametro (un verso composto da sei piedi) che da questo momento diviene il metro standard della satira, e assegna a questo genere esclusivamente gli scritti di tipo polemico.

SATIRA MENIPPEA

Dal II secolo a. C. si afferma anche la satira menippea.

Questo componimento prende il nome dal suo ideatore, Menippo di Gadàra, che conosciamo solo attraverso fonti indirette.

Sappiamo che le sue satire erano in prosimetro, cioè parte in prosa e parte in versi, l’argomentazione prevedeva che la storia si articolasse su tre piani diversi (terra, inferi e cielo) e lo stile era grottesco, comico, popolareggiante.

Ne è un esempio l'Apokolokynthosis di Seneca.

SATIRA NEL MEDIOEVO

Nel Medioevo non ci sono dei componimenti definiti satire, come avveniva nella letteratura latina dove la satira era un genere autonomo. Abbiamo componimenti di varia natura dentro cui si inserisce un discorso satirico e polemico, per esempio nel romanzo allegorico.

L’allegoria è una figura retorica che consiste nella rappresentazione di un significato nascosto ravvisabile sotto il significato letterale del testo.

Esempio di racconto satirico è il romanzo allegorico Roman de Renart (XII -XIII secolo).

In Italia troviamo esempi di discorso satirico in Dante, Petrarca, Boccaccio, ma anche in tanti altri poeti minori.

Fuori dall’Italia è importante la danse macabre francese.

SATIRA MODERNA

Nel Cinquecento la satira torna ad essere un genere letterario autonomo.

Le Pasquinate sono delle satire che si diffondono a Roma dal Cinquecento all’Ottocento.

Si tratta di piccoli manifesti con intento tutto satirico che venivano affissi sotto la statua di Pasquino e che potevano essere composti da chiunque del popolo romano con l’intento di attaccare i papi.

Tra il 1517 e il 1525 Ariosto scrive delle satire in terzine che fungono da modello per tutte le satire successive.

Nel Settecento la satira serve per esprimere polemica contro gli stati italiani e per diffondere gli ideali del Risorgimento.

MAPPA CONCETTUALE SULLA SATIRA

Scarica qui la mappa concettuale sulla satira in formato PDF

SCARICA QUI: Mappa concettuale sulla satira

Mappa concettuale sulla satira
Mappa concettuale sulla satira — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali

Storia, filosofia e storia dell'arte

Statuto Albertino | Benito Mussolini  | Feudalesimo | Karl Marx | Gli Etruschi | Homo Sapiens | Guerre puniche | Illuminismo | Medioevo | Longobardi | La ShoahPena di morte | Storia di Roma dalla Fondazione a Cesare | Storia di Roma da Augusto al crollo dell'Impero | Festa della donna | 25 aprile Festa della Liberazione | Imperialismo europeo | Guerra dei Trent'anni | Stoicismo | Federico II di Svevia | Cause della I Guerra mondiale | Preistoria | Cause della Seconda guerra mondiale | Scoperta dell'America | Alessandro Magno | Riforma e Controriforma | Guerra dei 100 anni | Età comunale in Italia | Seconda guerra mondiale | La peste | Il sacco di Roma | I vichinghi | Impero romano d'OccidenteImpero romano d'Oriente | L'Uomo medievale | Federico Barbarossa | I Normanni | Il pellegrino nel Medioevo | L'anno Mille | La lotta per le investiture | Il Primo Maggio | Giornata della Terra | Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime della mafia | Espressionismo | Partenone | Niccolò Machiavelli | Movimenti artistici del '700 | Movimenti artistici dell'800 | Movimenti artistici del '900 (prima parte) | Movimenti artistici del '900 (seconda parte) | Le pandemie nella storia | Le Repubbliche marinare | Grecia classica e pòlis | Terrasanta tra mito e realtà | Chiesa, monarchia e imperoRe cattolici | Papato di Avignone | Invenzione della stampa | Imperi coloniali del '500 | Colonizzazione spagnola e conquistadores | Enrico VIII | Elisabetta I | I Borgia | L'Italia fra '300 e '400 | Le signorie Italiane del '400 | Leonardo da Vinci | I Medici | Nascita della filosofia | Erodoto | Aristotele 1 e 2 | Seneca | Socrate | Parmenide | Giordano Bruno | Erasmo da RotterdamSant'Agostino

Letteratura

Alessandro Manzoni | Luigi Pirandello  Giuseppe Ungaretti | Come scrivere un testo argomentativo | Il Decameron | Giacomo Leopardi  Dante Alighieri | Gabriele D'Annunzio | A Zacinto  | Eugenio Montale | Umberto Saba | Salvatore Quasimodo | La scuola siciliana | Carlo Emilio Gadda | Pier Paolo Pasolini | Letteratura medievale | Cesare Pavese | Decadentismo | Ermetismo | Neoclassicismo e Romanticismo | Realismo, naturalismo, verismo | Letteratura nel Seicento | Poesia del Novecento | Romanzo borghese | Letteratura religiosa | Letteratura nel Settecento | Romanzo moderno | Frankenstein di Mary Shelley | Il grande Gatsby | La coscienza di Zeno | La ragazza di Bube | Madame Bovary | Uno, nessuno e centomila | Dieci piccoli indiani | Robinson Crusoe | Poema epico-cavalleresco | Carlo Goldoni | Letteratura umanistico-rinascimentale | Francesco Guicciardini | Orlando Furioso | Romanzo di formazione | Romanzo storico | Romanzo gotico  | Il cavaliere inesistente | Marcovaldo | Cesare Beccaria | Giosuè Carducci | Ciàula scopre la luna | La lupa | La roba | Cime tempestose | La fattoria degli animali | Il piccolo principe | Ludovico Ariosto | Torquato Tasso | Teatro del Seicento | Letteratura mistica femminile | Pietro Metastasio | Baldassarre Castiglione | Italo Calvino | Crepuscolarismo | Benedetto Croce | Vincenzo Monti | Satira