Mappa concettuale sul Sacco di Roma del 410

Di Redazione Studenti.

Il Sacco di Roma è stato compiuto dai Visigoti nel 410 d.C. nel pieno delle invasioni barbariche. Storia e cronologia dell'assedio e del saccheggio

IL SACCO DI ROMA DEL 410

Il Sacco di Roma, 410
Il Sacco di Roma, 410 — Fonte: getty-images

Il 22 agosto del 410, per la prima volta in 800 anni, Roma veniva brutalmente saccheggiata da un esercito di Visigoti al comando del generale Alarico. È stato uno degli eventi più traumatici della storia antica che decretò il crollo del mito dell'inviolabilità di Roma.

Da un punto di vista politico, il sacco di Roma testimonia che la struttura dell’impero occidentale era ormai irrimediabilmente minata, infatti poco più di mezzo secolo più tardi, nel 476 avviene la caduta definitiva dell'impero romano d'Occidente.

I VISIGOTI: CHI SONO

I Visigoti erano una popolazione di Germani orientali, appartenenti alla gente dei Goti. A partire dal IV secolo tra i Visigoti si diffuse il cristianesimo, accolto nella forma dell'arianesimo.

Sotto la pressione degli Unni i Visigoti abbandonarono le terre in cui si erano stabiliti e, ottenuta l’autorizzazione dell'imperatore romano Valente ad abitare in territorio romano, passarono il Danubio (376), con l’obbligo di difendere la Tracia da future invasioni.

I Visigoti erano dunque dei veri e propri rifugiati, pertanto ricevevano dai romani aiuti umanitari.

Alcuni funzionari romani si appropriarono degli aiuti umanitari destinati ai Visigoti che pertanto si ribellarono, riportando una vittoria sofferta ma decisiva a Marcianopoli (377) contro l’esercito romano.

Nel 378, presso Adrianopoli, riportarono un’altra vittoria, ancora più schiacciante: per la prima volta un imperatore romano, Valente, perse la vita in battaglia contro un popolo ribelle.

Allora l'imperatore Teodosio, successore di Valente, scende a patti con i Visigoti, che diventano formalmente federati dell’Impero.

L'IMPERO ROMANO

Nel 395, alla morte di Teodosio, l’Impero Romano era stato territorialmente diviso in due parti tra i due figli dell’Imperatore:

  • ad Arcadio toccò l’Oriente
  • ad Onorio l’Occidente.

Ciascun imperatore aveva la propria corte, la propria amministrazione ed il proprio esercito, in reciproca autonomia.

Mentre l’Oriente era minacciato in particolar modo dai Persiani, l’Occidente era seriamente minacciato dalle continue incursioni barbariche.

Alla morte di Teodosio (395), il generale di origine vandala Stilicone (che inizialmente esercitava 'de facto' la reggenza della parte occidentale dell'impero per via della giovane età di Onorio) si rifiutò di concedere al generale Alarico gli onori della carriera militare romana, provocando così una nuova rottura.

I Visigoti, ancora privi di una patria e costretti a vagare per i territori dell’Impero, saccheggiarono così la Tracia, la Macedonia, la Tessaglia, arrivando ad espugnare Atene.

Ascolta su Spreaker.

VISIGOTI IN ITALIA

Mentre il generale Stilicone era impegnato a fronteggiare nuove invasioni di altri popoli, i Visigoti approfittarono della situazione di debolezza e penetrarono in Italia. Nel 401 assediano Milano, a quel tempo capitale dell'impero occidentale.

Nel 402 Stilicone sconfigge i Visigoti presso Pollenzo. Ma negli anni successivi nuove invasioni di varie popolazioni barbariche costringono Stilicone a venire a patti con i Visigoti. A questo punto la corte Occidentale, che nel frattempo da Milano si era stabilita nella più sicura Ravenna, era ormai schierata nettamente contro Stilicone, perché accusato di complicità con i barbari anche per via delle sue origini.

Così il generale fu messo a morte nel 408 d. C. per ordine di Onorio.

IL SECONDO ASSEDIO E IL SACCO DI ROMA

Ma Onorio continua a negare le terre ai Visigoti e il riconoscimento ad Alarico quindi avviene un secondo assedio che si conclude con la nomina di un imperatore fantoccio, Prisco Attalo, un rappresentante dell’aristocrazia senatoria in conflitto con l’imperatore legittimo.

Un ultimo tentativo di negoziazione, all’inizio del 410, si conclude con un attacco a tradimento delle truppe romane di Onorio ai danni di Alarico.

A questo punto Alarico decide di espugnare definitivamente Roma e la notte del 24 agosto del 410 penetra nella città eterna attraverso la Porta Salaria.

I Visigoti entrarono immediatamente in una delle zone più ricche della città, saccheggiando gli immensi tesori custoditi negli Orti Sallustiani. Si recarono poi verso il centro, i Fori, e le smisurate ville dei senatori, che conservavano ancora un certo potere, situate sull’Aventino e sul Celio.

Alarico, da cristiano e militare, non puntava alla distruzione di Roma e infatti abbandonò la città dopo tre giorni. Prese in ostaggio Galla Placidia, sorella dell'imperatore Onorio e si diresse verso il sud Italia, alla fine del 410 morì in Calabria.

SACCO DI ROMA, MAPPA CONCETTUALE

Scarica il file in formato PDF con la mappa concettuale sul Sacco di Roma

SCARICA QUI: Mappa concettuale sul Sacco di Roma

Mappa concettuale sul Sacco di Roma
Mappa concettuale sul Sacco di Roma — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali

Statuto Albertino | Benito Mussolini | Cesare Beccaria | Feudalesimo | Giosuè Carducci | Alessandro Manzoni | Luigi Pirandello | Karl Marx | Giuseppe Ungaretti | Come scrivere un testo argomentativo | Gli Etruschi | Il Decameron | Giacomo Leopardi | Homo Sapiens | Guerre puniche | Illuminismo | Medioevo | Longobardi | La Shoah | Dante Alighieri | Pena di morte | Storia di Roma dalla Fondazione a Cesare | Storia di Roma da Augusto al crollo dell'Impero | Festa della donna | 25 aprile Festa della Liberazione | Imperialismo europeo | Espressionismo | Partenone | Guerra dei Trent'anni | Stoicismo | Federico II di Svevia | Gabriele D'Annunzio | Cause della I Guerra mondiale | Preistoria | A Zacinto | Cause della Seconda guerra mondiale | Scoperta dell'America | Alessandro Magno | Riforma e Controriforma | Guerra dei 100 anniEugenio Montale | Umberto Saba | Salvatore Quasimodo | La scuola siciliana | Carlo Emilio Gadda | Pier Paolo Pasolini | Letteratura medievale | Cesare Pavese | Decadentismo | Età comunale in Italia | Ermetismo | Neoclassicismo e Romanticismo | Realismo, naturalismo, verismo | Letteratura nel Seicento | Poesia del Novecento | Romanzo borghese | Letteratura religiosa | Letteratura nel Settecento | Romanzo moderno | Seconda guerra mondiale | Frankenstein di Mary Shelley | Il grande gatsby | La coscienza di Zeno | La ragazza di Bube | Madame Bovary | Uno, nessuno e centomila | Dieci piccoli indiani | Robinson Crusoe | Poema epico-cavalleresco | Carlo Goldoni | Letteratura umanistico-rinascimentale | Francesco Guicciardini | Niccolò Machiavelli | Orlando Furioso | Romanzo di formazione | Romanzo storico | Romanzo gotico | La peste | Storia del Cristianesimo | Il cavaliere inesistente | Cristo si è fermato ad Eboli | MarcovaldoI vichinghi | Impero romano d'OccidenteImpero romano d'Oriente | L'Uomo medievale | Federico Barbarossa | I Normanni | Il pellegrino nel Medioevo | L'anno Mille | La lotta per le investiture | Il Primo Maggio | Giornata della Terra | Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime della mafia