Mappa concettuale su Pietro Bembo

Di Redazione Studenti.

mappa concettuale su Pietro Bembo e la questione della lingua italiana nel Rinascimento. Le regole che trasformarono il toscano da dialetto a lingua

PIETRO BEMBO

Pietro Bembo
Pietro Bembo — Fonte: getty-images

Pietro Bembo (scarica qui la Mappa concettuale) nasce a Venezia da famiglia nobile. Il padre, un umanista, lo inizia allo studio delle lettere.

Nel 1503 collabora con Aldo Manuzio e nel 1505 scrive gli 'Asolani'. Nel 1506 si trasferisce alla corte di Urbino dove inizia la scrittura delle 'Prose della volgar lingua'. Dopo aver preso la tonsura nel 1508 si trasferisce a Roma per proseguire la carriera ecclesiastica.

Compie diverse missioni per conto del papa e nel 1539 viene nominato cardinale, poi muore nel 1547.

LA QUESTIONE DELL'ITALIANO

Nel Quattrocento cresce l'urgenza e la necessità di definire un volgare d'uso che rispecchi la nuova società italiana.

Il dibattito sulla lingua, che vede contrapporsi la proposta cortigiana e quella fiorentina, si complica ulteriormente a inizio Cinquecento con la perdita dell’equilibrio politico nella Penisola.

Le Prose della volgar lingua (1525) sono un dialogo di stampo umanista che ha come oggetto il linguaggio in cui si confrontano Giuliano de' Medici, Ercole Strozzi e Federico Fregoso, ciascuno sostenitore rispettivamente del primato del fiorentino, di quello del latino mentre il Fregoso si fa portavoce delle idee dell'autore insieme a suo fratello Carlo Bembo.

Bembo propone un modello letterario per il volgare basato sui modelli letterari del fiorentino trecentesco, in particolare Petrarca per la poesia e Boccaccio per la prosa.

GLI ASOLANI E LE RIME

Ricoprono un'importanza particolare nell'opera bembiana non tanto per il loro intrinseco valore letterario, quanto per il loro valore formale, per essere state la messa in pratica delle idee letterarie del loro autore.

  • Gli Asolani (1505) è un dialogo di stampo umanista sul tema d’amore, e la sua importanza è data dalla messa in prosa che riprende Boccaccio.
  • Nelle Rime (1530) Bembo mette in pratica quanto teorizzato nelle Prose, scrivendo una serie di liriche che riprendono, attualizzandola, la lirica petrarchesca.

PIETRO BEMBO: MAPPA CONCETTUALE

Scarica la mappa concettuale su Pietro Bembo in formato PDF

SCARICA QUI: Mappa concettuale su Pietro Bembo

Mappa concettuale su Pietro Bembo
Mappa concettuale su Pietro Bembo — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali di Letteratura

Alessandro Manzoni | Luigi Pirandello  Giuseppe Ungaretti | Come scrivere un testo argomentativo | Il Decameron | Giacomo Leopardi  Dante Alighieri | Gabriele D'Annunzio | A Zacinto  | Eugenio Montale | Umberto Saba | Salvatore Quasimodo | La scuola siciliana | Carlo Emilio Gadda | Pier Paolo Pasolini | Letteratura medievale | Cesare Pavese | Decadentismo | Ermetismo | Neoclassicismo e Romanticismo | Realismo, naturalismo, verismo | Letteratura nel Seicento | Poesia del Novecento | Romanzo borghese | Letteratura religiosa | Letteratura nel Settecento | Romanzo moderno | Frankenstein di Mary Shelley | Il grande Gatsby | La coscienza di Zeno | La ragazza di Bube | Madame Bovary | Uno, nessuno e centomila | Dieci piccoli indiani | Robinson Crusoe | Poema epico-cavalleresco | Carlo Goldoni | Letteratura umanistico-rinascimentale | Francesco Guicciardini | Orlando Furioso | Romanzo di formazione | Romanzo storico | Romanzo gotico  | Il cavaliere inesistente | Marcovaldo | Cesare Beccaria | Giosuè Carducci | Ciàula scopre la luna | La lupa | La roba | Cime tempestose | La fattoria degli animali | Il piccolo principe | Ludovico Ariosto | Torquato Tasso | Teatro del Seicento | Letteratura mistica femminile | Pietro Metastasio | Baldassarre Castiglione | Italo Calvino | Crepuscolarismo | Benedetto Croce | Vincenzo Monti | Satira