Mappa concettuale sulla peste

Di Redazione Studenti.

Tipi di peste, causa e significato della parola. Una carrellata delle epidemie nella storia e spiegazione sulla malattia narrata nei Promessi Sposi

COS'È LA PESTE

Peste a Milano: l'epidemia più famosa è quella del 1629
Peste a Milano: l'epidemia più famosa è quella del 1629 — Fonte: ansa

La peste è una malattia infettiva e contagiosa, ad alta mortalità, dovuta al batterio Yersinia pestis, trasmesso all’uomo dalle pulci, ospitate da animali come ratti e topi (scarica qui la Mappa concettuale). 

La malattia si manifesta, dopo una breve incubazione di 2-7 giorni, con febbre alta, dolori al capo e alla colonna vertebrale, vertigini, delirio e altri disturbi.

PESTE: COSA SIGNIFICA

Il termine peste viene dal latino pestis e significa «distruzione, rovina, epidemia».

Il temine è utilizzato anche in senso figurato per indicare:

  • cosa, fatto, fenomeno ritenuti dannosi, dolorosi, capaci di infauste conseguenze, per esempio: «l’ambizione e la corruzione dei costumi sono la peste della società»;
  • una persona, più spesso un ragazzo o bambino, che per il suo carattere e il suo comportamento rappresenta un fastidio, una grave noia per gli altri: «quel ragazzo è una peste

LA PESTE NELL'ANTICHITÀ

Nell'antichità si sono registrati alcuni casi importanti di peste:

  • Atene nel 430-429 a.C.
    La prima vera epidemia di peste descritta con cura fu quella che colpì Atene nel 430-429 a.C. Lo storico greco Tucidide descrisse con attenzione i sintomi e gli effetti della malattia cercando di analizzare le motivazioni e le conseguenze dell'epidemia.
  • Roma nel 166 d. C. e nel 260 -270 d. C.
    Nel 166 d.C., terminate le campagne militari orientali contro i Parti, le armate romane vincitrici portarono nei territori dell'Impero un'epidemia di peste che decimò di un quarto o di un terzo la popolazione e che forse causò nel 180 d.C. anche la morte dell'imperatore Marco Aurelio.
    Tra 260 e 270 d.C. altre due pestilenze si propagarono tra le fila dell'esercito romano degli imperatori Valeriano e Claudio II in lotta contro le popolazioni barbare che premevano sui confini dell'impero.

LA PESTE NEL MEDIOEVO

Quella degli anni 1347- 1351 è stata l'epidemia peggiore e più famosa della storia e causò la morte di 75-80 milioni di persone, un terzo della popolazione europea. Fu chiamata anche "Morte Nera" o peste bubbonica.

  • Cause
    Diffusione attraverso le rotte commerciali con l'Oriente
    Nacque probabilmente negli anni venti del XIV secolo nel Deserto del Gobi, in Asia orientale. Le navi genovesi di ritorno in Europa dai commerci con l'Oriente trasportarono la peste prima nel porto di Costantinopoli e poi a Messina. Genova rifiutò di accogliere le proprie navi infette, che ripiegarono su Marsiglia, spargendo il contagio in tutti i porti principali del Mar Mediterraneo.
  • Carestie
    Sempre nel XIV secolo un abbassamento improvviso delle temperature colpì l'Europa, ciò causò numerose carestie. La conseguente malnutrizione portò a un calo demografico e a un indebolimento delle difese immunitarie delle persone, che insieme alle scarse condizioni igieniche determinò la rapida diffusione dell'epidemia.
  • False credenze
    Agli occhi degli uomini del XIV secolo le cause erano da imputare all'ira di Dio, il quale voleva punire l'umanità per i suoi peccati. Per questo nel 1348 papa Clemente VI indisse un pellegrinaggio straordinario a Roma, mentre nelle città d'Europa si moltiplicarono le preghiere collettive e le processioni per placare l'ira divina: tutti modi straordinariamente efficaci per propagare il contagio.
    Ne troviamo testimonianza nel Decameron di Giovanni Boccaccio in cui un gruppo di giovani e ragazze di Firenze si allontanò in un giardino per difendersi dalla morte che colpiva il mondo circostante.

LA PESTE DEL 1629

La peste del 1629 è probabilmente l'epidemia che più di tutte le altre è entrata nell'immaginario collettivo. Il perché è semplice: è stata infatti raccontata da Alessandro Manzoni che ne descrisse nel dettaglio la propagazione a Milano ne I promessi sposi.

  • Cause della peste
    Nel 1629 la peste fu portata nel Nord Italia, controllato dal Sacro Romano Impero, dai Lanzichenecchi scesi dalla Germania per sedare i tumulti generati dai mendicanti e dai vagabondi, che avevano preso d'assalto le città per cercare condizioni migliori rispetto alle campagne colpite da una carestia.
  • Conseguenze della peste
    La diffusione in tutto il Nord nel corso del 1630 fu velocissima e oltre a causare ingenti danni all'economia, stravolse tutto il sistema socio-familiare: spesso i parenti malati o morti venivano abbandonati.
    Gli untori, coloro che erano accusati di spargere il contagio, vennero puniti.
    I ricchi erano curati a casa, mentre la maggior parte delle persone malate veniva trasferita nel lazzaretto, luogo di confinamento e d'isolamento.
    Le autorità vietarono feste e viaggi e con delle ronde si controllarono i punti di accesso alla città in modo da non far entrare persone contagiate.
  • False credenze sulla peste
    I medici, non avendo idea delle vere cause dell'epidemia, credevano che la malattia fosse dovuta all'aria calda e umida che alterava gli umori del corpo umano, che venivano modificati facendo salassi e purghe, oppure alla posizione dei corpi celesti, la cui influenza avrebbe fatto salire in superficie esalazioni malsane dall'interno della Terra, che venivano cambiate accendendo falò con sostanze aromatiche per le strade.

PESTE, CURIOSITÀ

Sharon DeWitte, antropologa dell'Università della Carolina del Sud, confrontando le tibie e i canini di donne morte prima e dopo la peste rilevò che, dopo l’epidemia, le ossa femminili sono diventate più corte e di conseguenze le donne più basse.

Sebbene la peste non sia una malattia comune nel XXI secolo, è comunque una patologia che non deve essere sottovalutata. Nel 1994 a Surat, in India, si sviluppò una ristretta epidemia che causò 50 morti ma che comportò una perdita per la nazione di circa 600 milioni di dollari a causa delle ripercussioni sul turismo e sul commercio.

PESTE, MAPPA CONCETTUALE

Scarica il file in formato PDF con la mappa concettuale sulla peste

SCARICA QUI: Mappa concettuale sulla peste

Mappa concettuale sulla peste
Mappa concettuale sulla peste — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali

Storia, filosofia e storia dell'arte

Statuto Albertino | Benito Mussolini  | Feudalesimo | Karl Marx | Gli Etruschi | Homo Sapiens | Guerre puniche | Illuminismo | Medioevo | Longobardi | La ShoahPena di morte | Storia di Roma dalla Fondazione a Cesare | Storia di Roma da Augusto al crollo dell'Impero | Festa della donna | 25 aprile Festa della Liberazione | Imperialismo europeo | Guerra dei Trent'anni | Stoicismo | Federico II di Svevia | Cause della I Guerra mondiale | Preistoria | Cause della Seconda guerra mondiale | Scoperta dell'America | Alessandro Magno | Riforma e Controriforma | Guerra dei 100 anni | Età comunale in Italia | Seconda guerra mondiale | La peste | Il sacco di Roma | I vichinghi | Impero romano d'OccidenteImpero romano d'Oriente | L'Uomo medievale | Federico Barbarossa | I Normanni | Il pellegrino nel Medioevo | L'anno Mille | La lotta per le investiture | Il Primo Maggio | Giornata della Terra | Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime della mafia | Espressionismo | Partenone | Niccolò Machiavelli | Movimenti artistici del '700 | Movimenti artistici dell'800 | Movimenti artistici del '900 (prima parte) | Movimenti artistici del '900 (seconda parte) | Le pandemie nella storia | Le Repubbliche marinare | Grecia classica e pòlis | Terrasanta tra mito e realtà | Chiesa, monarchia e imperoRe cattolici | Papato di Avignone | Invenzione della stampa | Imperi coloniali del '500 | Colonizzazione spagnola e conquistadores | Enrico VIII | Elisabetta I | I Borgia | L'Italia fra '300 e '400 | Le signorie Italiane del '400 | Leonardo da Vinci | I Medici | Nascita della filosofia | Erodoto | Aristotele 1 e 2 | Seneca | Socrate | Parmenide | Giordano Bruno | Erasmo da RotterdamSant'Agostino

Letteratura

Alessandro Manzoni | Luigi Pirandello  Giuseppe Ungaretti | Come scrivere un testo argomentativo | Il Decameron | Giacomo Leopardi  Dante Alighieri | Gabriele D'Annunzio | A Zacinto  | Eugenio Montale | Umberto Saba | Salvatore Quasimodo | La scuola siciliana | Carlo Emilio Gadda | Pier Paolo Pasolini | Letteratura medievale | Cesare Pavese | Decadentismo | Ermetismo | Neoclassicismo e Romanticismo | Realismo, naturalismo, verismo | Letteratura nel Seicento | Poesia del Novecento | Romanzo borghese | Letteratura religiosa | Letteratura nel Settecento | Romanzo moderno | Frankenstein di Mary Shelley | Il grande Gatsby | La coscienza di Zeno | La ragazza di Bube | Madame Bovary | Uno, nessuno e centomila | Dieci piccoli indiani | Robinson Crusoe | Poema epico-cavalleresco | Carlo Goldoni | Letteratura umanistico-rinascimentale | Francesco Guicciardini | Orlando Furioso | Romanzo di formazione | Romanzo storico | Romanzo gotico  | Il cavaliere inesistente | Marcovaldo | Cesare Beccaria | Giosuè Carducci | Ciàula scopre la luna | La lupa | La roba | Cime tempestose | La fattoria degli animali | Il piccolo principe | Ludovico Ariosto | Torquato Tasso | Teatro del Seicento | Letteratura mistica femminile | Pietro Metastasio | Baldassarre Castiglione | Italo Calvino | Crepuscolarismo | Benedetto Croce | Vincenzo Monti | Satira

GUARDA IL VIDEO SULLA PESTE