Mappa concettuale su Cicerone

Di Redazione Studenti.

Mappa concettuale su Cicerone: biografia, opere e pensiero di uno dei più importanti politici, filosofi e scrittori dell'antica Roma

CICERONE

Cicerone
Cicerone — Fonte: getty-images

Marco Tullio Cicerone (scarica qui la Mappa concettuale) nacque nel 106 a. C. ad Arpino. Studiò retorica e filosofia.

Dopo un viaggio di studi in Grecia nel 77 a. C. , nel 75 a. C. divenne questore in Sicilia. Nel 63 a. C. da console represse la congiura di Catilina.

Nel 58 a. C. venne esiliato con l'accusa di aver condannato a morte i catilinari senza processo. Nella guerra civile si schierò in favore di Pompeo. Dopo la sconfitta di Pompeo venne perdonato da Cesare.

Dopo il 44 a. C. ritornò all'attività politica con la lotta contro Antonio (Filippiche) schierandosi a favore di Ottaviano. Venne ucciso da dei sicari di Antonio nel 43 a. C.

CICERONE, ORAZIONI

Ecco le principali orazioni scritte da Cicerone:

  • Pro Roscio Amerino
    Difesa di Roscio Amerino accusato ingiustamente di parricidio dagli assassini del padre.
  • Verrine (70 a. C. )
    Contro l'ex governatore Verre che aveva sfruttato la provincia con grande avidità. Verre venne schiacciato dalle accuse di Cicerone e fu condannato in contumacia. La vittoria contro il difensore di Verre, Ortensio, fu di grande prestigio politico.
  • Catilinarie (63 a. C. )
    Da console soffocò la congiura che Catilina voleva ordire per il suo colpo di Stato. In quattro orazioni Cicerone svelò le trame sovversive dell'accusato. Catilina fu costretto a fuggire da Roma.
  • Pro Sestio (56 a. C. )
    Sestio fu un tribuno accusato da Clodio di atti di violenza.  Cicerone in questa orazione ribadì il concetto di concordia ordinum, ovvero l'unione di intenti tra nobiltà e ceto equestre.
    Ma aggiunse il concetto di consensus omnium bonorum, cioè la concordia tra tutte le persone agiate e possidenti, amanti dell'ordine pubblico e sociale.
  • Orazioni cesariane
    Ricche di elogi nei confronti di Cesare. Sono: la Pro Marcello, Pro Quinto Ligario, Pro lege Deiotario.
  • Filippiche (44 a. C. )
    Orazioni pronunciate contro Antonio per farlo dichiarare nemico pubblico dal senato.
    Si distinguono per i toni molto accesi e violenti.

CICERONE, OPERE RETORICHE

Ecco invece le principali opere retoriche:

  • De inventione
    Cicerone credeva fosse necessario per un oratore possedere una sintesi tra eloquentia e sapientia. Ovvero si dovevano padroneggiare sia le tecniche retoriche che la cultura filosofica.
  • De oratore
    Protagonisti:
    - Licinio Crasso: Sosteneva la necessità per un oratore di una vasta formazione culturale.
    - Marco Antonio: Preferiva un oratore più istintivo e autodidatta, dove l'arte oratoria doveva essere data da doti naturali.
  • Brutus
    Cicerone affrontò la storia dell'eloquenza dibattendo delle polemiche di stile. Storia dei più grandi oratori sia romani che greci.

CICERONE, OPERE POLITICHE

Ecco quali sono le opere politiche:

  • De Republica
    Cicerone cercava di individuare la migliore forma di Stato. Venivano riproposte tre forme possibili di governo e le loro degenerazioni:
    - Monarchia- tirannide
    - Aristocrazia - oligarchia
    - Democrazia - olocrazia
    La costituzione romana veniva vista come la miglior sintesi tra le tre forme di governo:
    - Monarchia - consoli
    - Aristocrazia - senato
    - Democrazia - comizi
  • De legibus
    Dialogo sulle leggi tra Cicerone, il fratello Quinto e l'amico Attico. La legge non nacque per convenzione ma da Dio.

CICERONE, FILOSOFIA

Per Cicerone la filosofia era una consolatio al dolore della vita. Tuttavia credeva fosse necessario impegnarsi al livello civile.

La felicità poteva essere raggiunta attraverso il disprezzo della morte, la sopportazione del dolore e il riconoscimento dell'importanza della virtù.

Opere filosofiche:

  • De finibus
    Dedicato a Bruto, trattava questioni etiche come il sommo bene e il sommo male.
  • Tusculanae disputationes
    Testo che avvicinava Cicerone allo stoicismo, in forma di dialogo tra l'autore ed un interlocutore anonimo.
  • Cato maior de senectute
    Dedicato a Catone il censore, anche protagonista. Cicerone si proiettò nella figura di un anziano che era riuscito a conservare autorità e prestigio.
  • Laelius de amicitia
    Riflessioni sull'amicizia.
    I romani credevano nell'amicizia come creazioni di legami personali a scopo di sostegno politico.
    Cicerone voleva allargare il concetto di amicizia, superando i limiti delle fazioni politiche.
  • De officis
    Trattato dedicato al figlio Marco. Cicerone cercava di ridare prestigio alla filosofia per un progetto di formazione morale della società e in particolare dell'aristocrazia.

PENSIERO DI CICERONE

Per Cicerone la conoscenza umana era qualcosa di molto incerto. L'autore era convinto che l'unico criterio di verità fosse il consenso dei filosofi. Il mezzo più utile per giungere alla conoscenza era il dialogo.

Poiché la conoscenza era sempre un'idea incerta, era necessario sospendere il giudizio. Si oppose alle teorie epicuree.

Era più vicino alla concezione stoica: credeva nell'esistenza di un principio provvidenziale che regolasse il mondo. Questo principio poteva intendersi come "divinità". Ciò gli permetteva di salvaguardare l'esistenza e l'omaggio alla religione romana tradizionale.

Considerava la religione come garanzia per la stabilità del popolo romano.

CICERONE: MAPPA CONCETTUALE

Scarica qui la mappa concettuale su Cicerone in formato PDF

SCARICA QUI: Mappa concettuale su Cicerone

Mappa concettuale su Cicerone
Mappa concettuale su Cicerone — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali di Storia, filosofia e storia dell'arte

Statuto Albertino | Benito Mussolini  | Feudalesimo | Karl Marx | Gli Etruschi | Homo Sapiens | Guerre puniche | Illuminismo | Medioevo | Longobardi | La ShoahPena di morte | Storia di Roma dalla Fondazione a Cesare | Storia di Roma da Augusto al crollo dell'Impero | Festa della donna | 25 aprile Festa della Liberazione | Imperialismo europeo | Guerra dei Trent'anni | Stoicismo | Federico II di Svevia | Cause della I Guerra mondiale | Preistoria | Cause della Seconda guerra mondiale | Scoperta dell'America | Alessandro Magno | Riforma e Controriforma | Guerra dei 100 anni | Età comunale in Italia | Seconda guerra mondiale | La peste | Il sacco di Roma | I vichinghi | Impero romano d'OccidenteImpero romano d'Oriente | L'Uomo medievale | Federico Barbarossa | I Normanni | Il pellegrino nel Medioevo | L'anno Mille | La lotta per le investiture | Il Primo Maggio | Giornata della Terra | Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime della mafia | Espressionismo | Partenone | Niccolò Machiavelli | Movimenti artistici del '700 | Movimenti artistici dell'800 | Movimenti artistici del '900 (prima parte) | Movimenti artistici del '900 (seconda parte) | Le pandemie nella storia | Le Repubbliche marinare | Grecia classica e pòlis | Terrasanta tra mito e realtà | Chiesa, monarchia e imperoRe cattolici | Papato di Avignone | Invenzione della stampa | Imperi coloniali del '500 | Colonizzazione spagnola e conquistadores | Enrico VIII | Elisabetta I | I Borgia | L'Italia fra '300 e '400 | Le signorie Italiane del '400 | Leonardo da Vinci | I Medici | Nascita della filosofia | Erodoto | Aristotele 1 e 2 | Seneca | Socrate | Parmenide | Giordano Bruno | Erasmo da RotterdamSant'Agostino