Mappa concettuale su Benito Mussolini: vita, pensiero, fatti principali

Di Veronica Adriani.

Mappa concettuale su Benito Mussolini: vita, pensiero, fatti principali del dittatore del Novecento, esponente del fascismo in Italia

BENITO MUSSOLINI

Benito Mussolini
Benito Mussolini — Fonte: getty-images

Benito Mussolini nasce a Predappio nel 1883 in una famiglia di condizione modeste. La sua formazione politica avviene in gioventù con l'adesione al socialismo:

  • Nel 1900 si iscrive al partito socialista
  • Nel 1910 diventa il segretario della federazione socialista di Forlì e direttore del periodico "Lotta di classe"
  • Nel 1911 viene arrestato per aver guidato una manifestazione contro la guerra in Libia
  • Nel 1912 diventa uno dei maggiori esponenti del partito socialista e assume la direzione del quotidiano "l'Avanti!"

MUSSOLINI E LA PRIMA GUERRA MONDIALE

Benito Mussolini sostiene la necessità di interventire nella Prima Guerra Mondiale. Nel 1914 si schiera improvvisamente a favore dell'intervento dell'Italia in guerra e per questo viene espulso dal partito socialista. Fonda allora un nuovo giornale, "Il Popolo d'Italia", attraverso il quale porta avanti la sua battaglia interventista.

Nel 1919 Mussolini fonda i Fasci di combattimento, un movimento di reduci con un programma di audaci riforme sociali, ma con forte carattere nazionalista e antisocialista. Inizialmente questo movimento ha un seguito molto ridotto, ma nel 1920-21 dai Fasci si formano delle squadre d'azione che attuano una lotta violenta contro le organizzazioni operaie, socialiste e cattoliche.

LA MARCIA SU ROMA E IL FASCISMO

Francisco Franco e Benito Mussolini
Francisco Franco e Benito Mussolini — Fonte: getty-images

Nel maggio 1921 viene eletto in Parlamento nei Blocchi nazionali, grazie all'alleanza con Giolitti. Nel novembre 1921 trasforma il movimento in un vero e proprio partito, fondando il Partito nazionale fascista. In brevissimo tempo si intensificano le violenze dei fascisti contro le masse operaie.

Il 28 ottobre 1922 i fascisti mettono in atto la Marcia su Roma, dopo la quale Mussolini viene nominato Capo del Governo. Nasce così il primo governo guidato dai fascisti, dopo il quale viene approvata la legge Acerbo, una nuova legge elettorale fortemente maggioritaria.

  • Nelle elezioni dell'aprile 1924 il Partito fascista ottiene un'ampia maggioranza in Parlamento
  • Nell'estate del 1924 viene assassinato il deputato socialista Giacomo Matteotti
  • I partiti di opposizione lasciano il Parlamento (La secessione dell'Aventino)
  • Il fascismo attraversa una grave crisi di popolarità

MUSSOLINI E L'INSTAURAZIONE DELLA DITTATURA

Il 3 gennaio 1925 Benito Mussolini dà ufficialmente avvio all'instaurazione della dittatura e con le leggi fascistissime (1925-26) mette fine allo stato liberale:

  • Scioglie tutti i partiti antifascisti
  • Rafforza i poteri del capo del governo
  • Sopprime la libertà di stampa
  • Abolisce il diritto di sciopero
  • Nel 1928 istituisce un regime a partito unico
  • Una nuova legge elettorale introduce il sistema di una lista unica di candidati, scelti dal Gran Consiglio del Fascismo, che gli elettori dovevano approvare tramite plebiscito
  • Infine, rivendica la responsabilità dell'omicidio Matteotti

Nel 1929 firma i Patti lateranensi, un concordato con la Chiesa cattolica grazie al quale il consenso verso il fascismo cresce. Nel 1935 dichiara guerra all'Etiopia; l'anno seguente dichiara la formazione dell'Impero registrando il punto più alto di consenso.

BENITO MUSSOLINI E IL NAZISMO

Nel 1936 stringe un patto di amicizia con la Germania nazista, dopo il quale:

  • Partecipa alla Guerra civile spagnola al fianco della Germania sostenendo le truppe franchiste
  • Nel 1939 firma il Patto d'Acciaio, che suggella l'alleanza tra l'Italia fascista e la Germania nazista
  • Nel 1938 emana le leggi razziali
  • Nel 1940 entra in Guerra al fianco della Germania nazista

Il consenso nei confronti del regime fascista e di Mussolini crolla rapidamente: le campagne militari condotte dagli italiani sono fallimentari. Il 25 luglio 1943 viene destituito, arrestato e Badoglio viene nominato capo del Governo.

Liberato dai tedeschi, viene nominato Capo della Repubblica sociale italiana, nuovo Stato fascista nell'Italia settentrionale, occupata dai tedeschi.

Muore il 28 aprile 1945 a Giulino di Mazzegra giustiziato da un comando di Partigiani che lo aveva catturato mentre cercava di fuggire in Svizzera.

BENITO MUSSOLINI MAPPA CONCETTUALE

Scarica il file in formato PDF con la mappa concettuale su benito Mussolini e lo schema

SCARICA QUI >>: BENITO MUSSOLINI, MAPPA CONCETTUALE

Mappa concettuale su Benito Mussolini
Mappa concettuale su Benito Mussolini — Fonte: redazione

LE ALTRE MAPPE CONCETTUALI

Studia con le nostre mappe concettuali

Statuto Albertino | Cesare Beccaria | Feudalesimo | Dante Alighieri | Giosuè Carducci | Alessandro Manzoni | Luigi Pirandello | Karl Marx | Giuseppe Ungaretti | Come scrivere un testo argomentativo | Gli Etruschi | Il Decameron | Giacomo Leopardi | Personaggi dei Promessi Sposi | Homo Sapiens | I Promessi Sposi | Guerre puniche | Illuminismo | Medioevo | Longobardi