Sciopero scuola 16 novembre 2018: le piazze della manifestazione

Di Maria Carola Pisano.

Manifestazione 16 novembre 2018: tutte le piazze in cui gli studenti manifesteranno contro il Miur e i tagli all'istruzione

MANIFESTAZIONE 16 NOVEMBRE 2018

Manifestazione 16 novembre 2018: tutte le piazze dei cortei
Manifestazione 16 novembre 2018: tutte le piazze dei cortei — Fonte: istock

Le manifestazioni sono iniziate nelle varie piazze d'Italia e i cortei hanno cominciato a muoversi."Giù la maschera" è la formula che Rete degli Studenti Medi e UDU hanno scelto come slogan della manifestazione 16 novembre 2018, uno sciopero degli studenti organizzato dalle associazioni che hanno organizzato le manifestazioni in tutte le piazze di Italia contro i tagli all'istruzione. Da Roma a Venezia, da Firenza a Cagliari, da Bologna a Messina: la manifestazione degli studenti del 16 novembre arriverà in tutte le principali piazze italiane.
Dopo la manifestazione romana, gli studenti della Rete degli Studenti Medi e dell’Unione degli Universitari presenteranno con un flash mob il conto al Governo. L’azione si svolgerà alle 15:30 in Piazza Montecitorio.

SCIOPERO SCUOLA 16 NOVEMBRE 2018

La manifestazione 16 novembre 2018 vuole porre l'attenzione su temi importantissimi per gli studenti e il loro futuro. Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi, dichiara: “Chiediamo che questo Governo metta giù la maschera sui fondi in istruzione. Non è accettabile che si promettano investimenti per fare propaganda, ma che allo stesso tempo il Ministro dell’Istruzione dica che “bisogna scaldarsi con la legna che si ha”, e che pochi giorni dopo saltino fuori 29 milioni di euro di tagli: 14 sulla scuola, 15 sull’università". Lo stesso vale per l'alternanza scuola lavoro: "ridurre le ore non risolverà il problema dello sfruttamento".

Altro tema della manifestazione è l'abolizione del numero chiuso all'Università che in questi mesi, a partire dal test medicina 2018, è stata al centro di critiche e polemiche. Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari, continua: “Il Governo per mesi ha annunciato l’abolizione del numero chiuso alle Università. Mai un parere degli studenti, mai una proposta concreta, mai un confronto con il CNSU. Per superare l’attuale metodo di accesso servono investimenti, che partano dall’orientamento alle scuole superiori fino alle borse di specializzazione medica, e soprattutto serve un confronto vero con gli studenti”.

Rete degli Studenti Medi e Unione degli Universitari non si fermano qui: in piazza, il 16 novembre, si scenderà anche per chiedere maggiore sicurezza per gli edifici scolastici: "la manovra “Scuole Sicure” spaccia per sicurezza l’installazione delle telecamere e i cani antidroga fuori dalle scuole: ma a “spacciare morte” gli edifici pericolanti in cui studiamo". Allo stesso tempo è ora di affrontare anche la situazione degli idonei non beneficiari: studenti che hanno diritto a ricevere la borsa di studio ma che, a causa della mancanza di fondi, non possono beneficiare di alcun contributo.

L'ISTRUZIONE COSTA TROPPO E CHI NON HA SOLDI ABBANDONA

“Giù la maschera sul diritto allo studio. Nella giornata internazionale del diritto allo studio gli idonei non beneficiari sono ancora una triste realtà, così come un’altissima contribuzione universitaria e il calo delle iscrizioni alle università di Centro e Sud. Ogni anno inoltre, come studenti delle superiori, paghiamo migliaia di euro in libri, trasporti, materiale. Chi non li ha, lascia la scuola: sono 150mila gli studenti che ogni anno abbandonano. E in Italia si preferisce fare condoni agli evasori fiscali anzichè stanziare fondi per creare una Legge Nazionale sul diritto allo studio.”

MANIFESTAZIONE 16 NOVEMBRE SCUOLA: TUTTE LE PIAZZE

Se volete unirvi alle manifestazioni degli studenti del 16 novembre 2018, di seguito trovate gli indirizzi e le piazze da cui partiranno i cortei di protesta con il link all'evento:

La lista è in costante aggiornamento, perciò continuate a seguirci!