Madame Bovary di Flaubert: scheda libro

Di Redazione Studenti.

Madame Bovary, scheda libro del romanzo di Gustave Flaubert. Leggi il riassunto, le tematiche, l'analisi dei personaggi, dello stile e del linguaggio

MADAME BOVARY: SCHEDA LIBRO

Madame Bovary: scheda libro
Madame Bovary: scheda libro — Fonte: redazione

Madame Bovary è l'opera di maggior successo di Gustave Flaubert. Pubblicata nel 1857, il romanzo valse all'autore un processo per oscenità contro la morale pubblica e religiosa ed è considerato uno dei primi esempi del Realismo europeo

MADAME BOVARY: RIASSUNTO

La protagonista Emma non ha nulla a che vedere con le eroine romantiche poiché è una donna mediocre e di provincia francese. È figlia di un fattore e la sua formazione si basa soprattutto su letture romantiche e sentimentali: come le protagoniste delle sue letture anche lei sogna di trovare l’amore vero e di condurre una vita alto borghese.

Per questa ragione decide di sposarsi con Charles Bovary, un medico di paese che però non ha grandi ambizioni nella vita e non ha la voglia di ascesa sociale che invece caratterizza la protagonista.

È per questo che la ragazza si troverà a combattere con una triste mediocrità della provincia francese e accetterà il corteggiamento di un giovane notaio chiamato Léon Dupuis. Léon la ama profondamente e questo corteggiamento la fa rinascere ma, purtroppo, il ragazzo dovrà partire per Parigi, abbandonando Emma. Madame Bovary, rimasta incinta, partorirà una fanciulla. Questo la getterà in uno stato di profonda soddisfazione poiché lei desiderava un maschietto. 

Successivamente Emma conoscerà un altro corteggiatore, un ricco ed elegante proprietario terriero che si chiama Rodolphe Boulanger che è però un affabulatore che presto si stanca di Emma, lasciandola in uno stato di profonda depressione.

Emma troverà conforto soltanto nella religione ma ben presto si accorgerà che la religione non può essere il suo stile di vita. Un giorno Charles la condurrà a un’opera teatrale dove Emma incontrerà nuovamente il suo corteggiatore Léon Dupuis. Inizierà una nuova relazione con lui ma anche lui presto si stanca di lei. 

A questo punto Emma farà quindi delle spese folli fino a indebitarsi. Sarà costretta a chiedere aiuto ai suoi due amanti che le negheranno l’aiuto che lei aveva richiesto. Emma Bovary non vede nessuna via d’uscita e decide di rubare l’arsenico dal farmacista del paese e di togliersi la vita. Emma lascia una figlia orfana e un marito fortemente addolorato che, chiuso in se stesso, si ucciderà successivamente.

Il libro si conclude in maniera anomala: è quasi come se Gustave Flaubert avesse dimenticato la protagonista del libro per parlare, invece del farmacista Homais che riceve la Legione d’onore da lui tanto agognata.

MADAME BOVARY, PERSONAGGI

I personaggi principali di Madame Bovary sono:

  • Emma Bovary, la nostra protagonista, una donna pregna di sogni romantici;
  • Il marito Charles Bovary, che non ha le stesse ambizioni della moglie;
  • Gli amanti di Emma Bovary: Louis, innamorato della bellezza di Emma, e Rodolphe, un ricco affabulatore.

MADAME BOVARY, STILE E LINGUAGGIO

Gustave Flaubert narra le vicende di Madame Bovary con uno stile distaccato e oggettivo, dando vita a quella corrente letteraria che prende il nome di Realismo, da cui Verga prenderà ispirazione per il suo Verismo, i cui capolavori sono il Mastro Don Gesualdo e I Malavoglia.

MADAME BOVARY, COMMENTO

Madame Bovary è ambientanto a metà dell’Ottocento, in Normandia. Emma Bovary è una vittima inconsapevole della nascente borghesia fatta di convenzioni sociali. Lei si forma e studia su letture sentimentali e romantiche che le riempiono la testa di sogni, ma questi sogni non sono conciliabili con la realtà. Ed è proprio questa inconciliabilità tra la sua fantasia e la vita reale che la porterà a una profonda insoddisfazione psicologica da cui prenderà il nome la malattia chiamata bovarismo.

MADAME BOVARY: TEMATICHE

Il romanzo Madame Bovary ebbe subito molto successo ma suscitò un forte scandalo perché narra la descrizione di adulteri da parte della protagonista femminile. È per questo che l’autore venne processato per oscenità contro la morale pubblica e religiosa. Alla fine Flaubert fu assolto grazie all’avvocato Sénard che concentrò la sua difesa sul fatto che l’opera non parlasse tanto dell’adulterio ma delle conseguenze di una cattiva educazione. Nell’opera Flaubert porta avanti, in modo nemmeno troppo velato, una critica alla borghesia fatta di convenzioni sociali. Quello che vuole fare l’autore è invitare le persone a godere di ciò che ci sta intorno per a volte sono proprio le piccole cose quelle che contano davvero.

MADAME BOVARY DI FLAUBERT, VIDEO