Linguistica generale: fonetica e fonologia

Di Redazione Studenti.

Fonetica e fonologia: il significato, le caratteristiche, le differenze tra questi due aspetti della linguistica generale ed esempi

Cosa sono fonetica e fonologia

Fonetica e fonologia
Fonetica e fonologia — Fonte: getty-images

La fonetica e la fonologia rappresentano due aspetti simili della linguistica generale.

La fonetica è l'aspetto fisico dei suoni, studia la produzione e la percezione dei suoni e presenta alcune sottocategorie.

Tuttavia, se non specificato, può essere definita come "fonetica articolatoria": vale a dire lo studio della produzione di suoni provenienti dall'articolatorio e dal tratto vocale di chi li produce.

La fonologia è invece la funzione astratta dei suoni e stabilisce quali sono i fonemi in una data lingua, ovvero quei suoni che possono fare la differenza di significato tra diverse parole. Un fonema è un segmento fonico con un valore significato.

Dopo questa breve premessa, andiamo ad analizzare più nel dettaglio l'argomento.

Fonetica e fonologia: differenze

Mentre la fonetica si occupa dell'aspetto fisico dei suoni, detti anche foni, la fonologia riguarda lo studio della funzione linguistica dei suoni stessi.

L'unità dello studio della fonetica è dunque il fono, mentre quello della fonologia è il fonema.

In particolare, la fonologia cerca di scoprire:

  • quali sono i fonemi di una data lingua (se a una differenza di suono corrisponde una differenza di significato);
  • come i suoni si combinano insieme (in quanto alcune combinazioni non sono ammesse);
  • come i suoni si modificano in combinazione.

Il fonema

Un fonema è un segmento fonico che possiede una funzione distintiva e che è definito soltanto da caratteri con valore distintivo, detti caratteri pertinenti; inoltre è un'unità astratta che si realizza in foni.

Il fono, invece, è un vero e proprio suono, generato mediante l'apparato fonatorio. Mentre la rappresentazione del fonema avviene mediante barre oblique, quella del fono avviene tra parentesi quadre.

I foni

L'apparato fonatorio può produrre diversi suoni e ogni lingua ne sceglie un determinato numero da utilizzare nel linguaggio articolato; questi saranno allora denominati foni, ovvero suoni del linguaggio.

I foni hanno valore a livello linguistico quando sono distintivi, ossia quando contribuiscono a differenziare i significati.

Facendo riferimento a quanto detto, possiamo introdurre il concetto di coppie minime, cioè di coppie di parole che si differenziano solo per un suono nella stessa posizione: le lettere [p] e [t], ad esempio, contribuiscono alla formazione di coppie minime in parole come pare/tare, tarpa/carta, tappo/tatto.

Siamo quindi in grado di dire che due foni che possiedano valore distintivo sono detti fonemi.

Altri contenuti di linguistica