10 libri di autori italiani da leggere prima di compiere 18 anni

Di Veronica Adriani.

Tra i libri consigliati per i ragazzi di 18 anni ce ne sono tanti scelti proprio da loro. Ecco i nostri 10 titoli, e perché dovreste leggerli

10 LIBRI ITALIANI DA LEGGERE

Quali sono i libri italiani da leggere a 18 anni? Ecco la nostra classifica (che in parte coincide con la vostra!)
Quali sono i libri italiani da leggere a 18 anni? Ecco la nostra classifica (che in parte coincide con la vostra!) — Fonte: istock

Se dovessi consigliare a un amico 10 titoli di autori italiani da leggere assolutamente entro i 18 anni - attenzione: NON parliamo di quelli che ti danno da leggere a scuola! - quali indicheresti? Il Miur lo ha chiesto lo scorso anno agli studenti di tutta Italia, dalle elementari alle superiori, nel concorso #Imiei10libri (qui i risultati), limitando la scelta agli autori italiani pubblicati dopo il 2000. Noi abbiamo stilato la nostra classifica personale: qui sotto troverai i titoli, gli autori e soprattutto il perché ci sono piaciuti e te li consigliamo. In generale, si tratta di libri che a 18 anni sono dei veri e propri compagni di vita e dopo qualche anno, riprendendoli in mano, cambiano forma e raccontano qualcosa in più del te cresciuto.

Vuoi scoprirli? Li trovi qui sotto!

» Se invece preferisci gli autori stranieri, la nostra lista è qui!

» Occasioni speciali: ecco i libri da regalare a San Valentino

LIBRI CONSIGLIATI PER RAGAZZI DI 18 ANNI

  • Stefano Benni, Saltatempo. È il primo dei libri che non troverai nella lista del concorso del Miur. Lo abbiamo scelto perché la storia del protagonista e del suo orobilogio, lo strumento che gli permette di vivere saltando avanti e indietro nel tempo, è la storia di ciascuno di noi: c'è la famiglia, la nascita di nuove amicizie, la scoperta dell'amore e del sesso, le partenze nostre e degli altri, le trasformazioni delle città in cui viviamo, la ricerca degli ideali. Qualche volta c'è la felicità, altre no. ma c'è sempre il tocco ironico di Benni, che racconta tutto con leggerezza e un linguaggio che difficilmente troverai in altri autori.

Citazione: E capii che nella vita non volevo diventare come certe persone, e avrei cercato con tutta la mia forza di essere come certe altre.

  • Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi. Vincitore dei premi Strega e Campiello nel 2008, questo è tra i primi 10 libri italiani scelti dagli studenti e ha anche ispirato un film diretto da Saverio Costanzo. Racconta la storia di Mattia e Alice, due ragazzi con un passato complicato che per tutta la vita si incrociano senza mai riuscire a stare insieme. Proprio come i numeri primi gemelli, speciali perché vicini ma non tanto da riuscire a toccarsi.

Citazione: Perché lei e Mattia erano uniti da un filo elastico e invisibile, sepolto sotto un mucchio di cose di poca importanza, un filo che poteva esistere soltanto fra due come loro: due che avevano riconosciuto la propria solitudine l'uno nell'altra.
La solitudine dei numeri primi, vai all'analisi della trama

  • Elena Ferrante, L'amica geniale. Non esattamente un libro, ma una tetralogia (cioè una saga composta da 4 libri) che racconta la storia di due amiche, Elena e Lila, e del loro rapporto negli anni. Le protagoniste cambiano, cambia la loro vita personale, la loro relazione e le loro emozioni: il caso prova a separarle, ma la loro amicizia resiste. Anche L'amica geniale è fra i testi scelti dai ragazzi delle scuole, e con buona ragione: la critica italiana e internazionale lo considera infatti un capolavoro. Noi crediamo che potrebbe piacere anche a te.

Citazione: La vita era così e basta, crescevamo con l'obbligo di renderla difficile agli altri prima che gli altri la rendessero difficile a noi. 

  • Roberto Saviano, Gomorra. Al terzo posto nella classifica stilata dagli studenti, questo libro è stato un best-seller capace di ispirare non solo il film di Matteo Garrone, ma anche la nota serie TV a firma di Sergio Sollima arrivata ormai alla sua terza stagione. Il libro è un viaggio nella camorra e nei suoi meccanismi, non un'inchiesta giornalistica ma una docu-fiction che racconta una storia vera sotto forma di narrazione. Forse hai visto il film o la serie TV, ma ti assicuriamo che leggere il libro è un'altra cosa.

Citazione: Il migliore, Robbè, non deve avere bisogno di nessuno, deve sapere certo, ma deve anche fare paura. Se non fai paura a nessuno allora in fondo non sei riuscito a essere veramente capace.
Gomorra, vai alla scheda libro

  • Io non ho paura, acquistalo qui. Anche questo è uno dei libri scelti dagli studenti, forse perché ne esiste anche un'edizione dedicata alle scuole. È la storia di un bambino, Michele Amitrano, e del suo segreto che si incrocia con quello della sua famiglia. Io non ho paura è un libro che mette in scena le fantasie dei bambini e le fa incontrare con le tragedie degli adulti. La scrittura di Ammaniti è contemporanea, semplice ma potente, molto cinematografica: sarà per questo che da questo libro il regista Gabriele Salvatores ha tratto ispirazione per un bellissimo film. A proposito di questo: se non l'hai visto, ti consigliamo di recuperarlo.

Citazione: Piantala con questi mostri, Michele. I mostri non esistono. I fantasmi, i lupi mannari, le streghe sono fesserie inventate per mettere paura ai creduloni come te. Devi avere paura degli uomini, non dei mostri.
Io non ho paura, vai all'analisi della trama

  • Alessandro Baricco, Novecento. Baricco non poteva mancare nella nostra classifica: è infatti uno degli autori italiani contemporanei più prolifici e apprezzati. Della sua vasta produzione abbiamo scelto un monologo teatrale molto particolare: Novecento. Te lo consigliamo innanzi tutto perché è un testo breve, che si legge tutto d'un fiato; poi perché è ritmato, veloce, musicale. Novecento è la storia di un uomo nato su una nave e rimasto lì per tutta la sua vita, ma anche del suo straordinario talento di pianista e del suo amore per il jazz. Il protagonista è un personaggio surreale, fuori dal tempo, dotato di una straordinaria sensibilità ma completamente incapace di vivere e conoscere l'amore come gli altri uomini. La sua storia ha colpito anche il regista Giuseppe Tornatore, che l'ha raccontata nel film La leggenda del pianista sull'oceano.

Citazione: Il mondo, magari, non l'aveva visto mai. Ma erano ventisette anni che il mondo passava su quella nave: ed erano ventisette anni che lui, su quella nave, lo spiava. E gli rubava l'anima. In questo era un genio, niente da dire. Sapeva ascoltare. E sapeva leggere. Non i libri, quelli son buoni tutti, sapeva leggere la gente.
Novecento, vai al riassunto

  • Alessandro D'Avenia, Bianca come il latte, rossa come il sangue. La storia che fa da sfondo al libro si snoda fra i banchi di scuola, fra il protagonista - Leo - le due ragazze della sua vita - l'amica di una vita Silvia e la tanto desiderata Beatrice - e un giovane professore di filosofia, che sprona i suoi studenti a cercare la vita e a non darsi mai per vinti. Quando nella vita di Leo arriva una malattia, quella di Beatrice, per cui non c'è una cura, il protagonista si trova costretto a fare i conti con le sue paure e i suoi sentimenti più profondi, rendendosi conto di ciò che conta davvero nella sua vita e in quella di chi gli sta accanto. Uno dei libri scelti dagli studenti italiani nel concorso indetto dal Miur ha anche ispirato un noto film.

Citazione: Possibile che a sedici anni sei convinto che la vita sia la scuola e la scuola sia la vita? Che l'inferno siano i prof e il paradiso i giorni di vacanza? Che i voti siano il giudizio universale? È possibile che a sedici anni il mondo abbia il diametro del cortile di scuola?
Bianca come il latte, rossa come il sangue, vai al riassunto

  • Andrea De Carlo, Due di due. Un altro romanzo di formazione, a firma stavolta di Andrea De Carlo. I protagonisti sono Mario e Guido, due adolescenti che diventano uomini nel corso della narrazione, tanto diversi da diventare quasi simbiotici nel loro rapporto. Un'altra storia fatta di vite che cambiano e di amicizie che restano, nata dalla penna di uno dei più importanti autori contemporanei. Ti catturerà.

Citazione: Lo so come ti senti. È come essere dietro un vetro, non puoi toccare niente di quello che vedi. Ho passato tre quarti della mia vita chiuso fuori, finché ho capito che l'unico modo è romperlo. E se hai paura di farti male, prova a immaginarti di essere già vecchio e quasi morto, pieno di rimpianti.
Due di due, vai al riassunto

  • Michele Serra, Gli sdraiati. Un libro per aiutarti a vedere le cose da una prospettiva rovesciata: quella dei genitori che non riescono a capire il mondo dei figli. Adolescenti o post-adolescenti, i ragazzi sono un mondo incompreso per la maggior parte degli adulti: una generazione stanca, svogliata, complicata. Ma sarà poi vero? Michele Serra, con grande ironia, ricostruisce il mondo de Gli sdraiati, i figli dell'Italia di oggi con cui - secondo qualcuno - ormai è impossibile stabilire un contatto.

Citazione: Siete arrivati in un mondo che ha già esaurito ogni esperienza, digerito ogni cibo, cantato ogni canzone, letto e scritto ogni libro, combattuto ogni guerra, compiuto ogni viaggio, arredato ogni casa, inventato e poi smontato ogni idea (...). Il poco che riuscite a rubare a un mondo già saccheggiato, ve lo tenete stretto. Non ce lo dite, “questo mi piace”, per paura che sia già piaciuto anche a noi. Che vi venga rubato anche quello.

  • Antonio Tabucchi, Sogni di sogni. Quando si incontrano personaggi storici o letterari fra le pagine dei libri di scuola, si tende a considerarli come qualcosa di molto distante da noi. E invece, sono stati uomini come tutti: con paure, manie, desideri e follie. Antonio Tabucchi ha scritto questo libro immaginando i sogni di alcuni dei più grandi personaggi della storia e della letteratura: Dedalo sogna un labirinto, Leopardi la luna, Freud una paziente preda di turbe sessuali. Perché in fondo, anche i grandi della storia hanno sognato proprio come te. E magari in quei sogni hanno trovato l'ispirazione per diventare come li conosci.

Citazione: La notte è lunga, disse, la luna mostra la sua faccia e ti aspetta, puoi volare fino a lei. / L'uomo-bestia si girò e lo guardò con i suoi occhi miti di bestia. Grazie, disse. / Vai, disse Dedalo, e gli dette una spinta. Guardò l'uomo bestia che si allontanava con ampie bracciate nella notte, e volava verso la luna. E volava, volava. (dal Sogno di Dedalo)

ALTRI LIBRI E FILM CONSIGLIATI