Le 10 opere più importanti di Michelangelo

Di Redazione Studenti.

Le opere di Michelangelo: ecco le dieci più conosciute dell'artista del Rinascimento italiano. Scopri qui quali sono, dove si trovano e tante altre curiosità

Introduzione

Le 10 opere più importanti di Michelangelo
Le 10 opere più importanti di Michelangelo — Fonte: ansa

Michelangelo Buonarroti fu uno dei più prolifici artisti del Rinascimento italiano. Nacque a Caprese il 6 marzo del 1475 e morì a Roma il 18 febbraio del 1564.

È stato uno scultore, pittore, architetto e poeta italiano. Ci ha lasciato un immenso patrimonio artistico ed è uno degli artisti più rinomati non solo del Rinascimento, ma di tutta la storia mondiale.

È difficile scegliere le dieci opere più importanti di Michelangelo, anche perché l'arte non è una cosa oggettiva. La presente lista non è assolutamente una classifica, ma un elenco delle sue opere più rappresentative.

La volta della Cappella Sistina

La volta della Cappella Sistina è una delle opere d’arte più rinomate e celebrate al mondo, questo affresco fu commissionato a Michelangelo da papa Giulio II, e andava a completare la decorazione della cappella con la rappresentazione degli eventi biblici prima della consegna delle tavole della legge a Mosè, partendo dalla creazione dell'uomo.

Giudizio universale

Molti anni dopo aver completata la volta, a Michelangelo fu commissionato da papa Paolo III un affresco per la parte dietro l'altare della Cappella Sistina, lavoro che completò tra il 1535 e il 1541.

Come dice il nome l'affresco rappresenta la venuta di Gesù Cristo alla fine dei tempi, la sconfitta del demonio e la venuta del Regno di Dio.

Pietà vaticana

Pietà di San Pietro
Pietà di San Pietro — Fonte: getty-images

La Pietà di San Pietro, comunemente conosciuta come la pietà di Michelangelo, è una scultura di marmo (alta 174 cm, larga 195 cm e profonda 69 cm) eseguita tra il 1497 ed il 1499 e ad oggi è considerata una delle sculture più rinomate al mondo.

È in esposizione nella basilica di San Pietro. Questa è l'unica opera da lui firmata sulla fascia a tracolla che regge il manto della Vergine.

David

Il David di Michelangelo (chiamato così per distinguerlo da quello di Donatello) è una mastodontica statua (alta 517 cm, incluso il basamento di 107 cm) conservata nella Galleria dell'Accademia a Firenze.

Ritrae il giovane eroe biblico quando sta per affrontare il gigante Golia. È considerata un capolavoro della scultura mondiale e la sua effige è anche considerata la rappresentazione della figura maschile perfetta.

Cupola di San Pietro

Nel suo lungo curriculum probabilmente una delle sue costruzioni più importanti è la cupola di San Pietro. La progettazione ed il disegno erano i suoi, e ne segui la lavorazione fino al completamento del tamburo, ma la cupola vera e propria venne completata dopo la sua morte.

Mosè e Tomba di Giulio II

Tomba di Giulio II realizzata da Michelangelo e collocata nella basilica di San Pietro in Vincoli
Tomba di Giulio II realizzata da Michelangelo e collocata nella basilica di San Pietro in Vincoli — Fonte: getty-images

Il Mosè è una scultura di marmo databile al 1513-1515 circa, e conservata nella chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma. Faceva parte del suo progetto per la Tomba di Giulio II, che nel tempo fu ridimensionato.

Tra gli aneddoti che riguardano questa opera è il cambio in corso d'opera della statua: Michelangelo "girò" la testa della statua nella posizione che possiamo vedere oggi, verso sinistra con la barba imponente verso destra.

La figura di Mosè primeggia nella struttura frontale della tomba, accompagnata da altre figure bibliche.

Conversione di Saulo

Questo è un altro affresco molto famoso, situato nella cappella Paolina in Vaticano. Fu commissionato da papa Paolo III subito dopo il completamento del Giudizio Universale.

Nell'opera, Saulo è disteso a terra dopo la caduta da cavallo sulla via di Damasco, accecato da un raggio luminoso inviato dalla possente figura di Cristo in cielo.

Crocifissione di San Pietro

Questo è l'ultimo affresco prima della morte di Michelangelo, fu infatti completato tra il 1545 e il 1450. Si trova anch'esso nella cappella Paolina.

Come si evince dal nome, rappresenta la crocifissione a testa in giù di Pietro, con la particolarità che il supplizio non è ancora avvenuto; Pietro si presenta con il busto alzato e sguardo rivolto verso chi osserva il dipinto.

Madonna di Bruges

È una scultura in marmo attualmente conservata nella Chiesa di Nostra Signora a Bruges, in Belgio.

È databile tra il 1503-1505.

L'opera era stata commissionata da dei ricchi commercianti fiamminghi, la famiglia "Mouscron". Dell'opera resta un disegno preparatorio al British Museum.

Pietà Rondanini

La Pietà Rondanini, custodita a Milano nel castello Sforzesco. Iniziata circa dieci anni prima della sua morte, vi lavorò per periodi alterni, non riuscendo tuttavia a terminarla.

Conclusioni

Esistono numerose altre opere meno conosciute di Michelangelo. Di alcune si dibatte ancora la sua paternità, di certo ci ha lasciato un patrimonio artistico di immenso valore che fanno di lui uno degli artisti della storia più conosciuti e celebrati.

Altri contenuti su Michelangelo