Lavorare nelle organizzazioni internazionali: formazione e sbocchi

Vuoi lavorare nelle organizzazioni internazionali? Vediamo insieme i corsi di laurea da considerare e il futuro professionale che vi aspetta.

Lavorare nelle organizzazioni internazionali: formazione e sbocchi
getty-images

Lavorare nelle organizzazioni internazionali

Fonte: getty-images

State considerando l’iscrizione all’università e tra le tante opportunità di carriera vi piacerebbe poter lavorare nelle organizzazioni internazionali? In questo caso starete sicuramente cercando informazioni in merito, per capire quali sono i corsi di laurea più adatti per poter sviluppare una carriera in questo campo. Se è così, prestate attenzione ai prossimi paragrafi, in quanto andremo a parlare della formazione necessaria e anche degli sbocchi professionali successivi agli studi. 

L’ambito delle organizzazioni internazionali è ricco di possibilità ed è un settore affascinante che stimola gli studenti a risolvere problemi comuni, aiutare il prossimo e lavorare per costruire una società migliore per tutti. A seguire, abbiamo preparato per voi una panoramica completa per aiutarvi nella scelta del corso di laurea e del lavoro più adatto a voi. 

Le organizzazioni internazionali

Facciamo un po’ di chiarezza: le organizzazioni internazionali sono delle entità che possono essere intergovernative o non governative. Le organizzazioni internazionali intergovernative (OIG) sono composte da membri che rappresentano due o più Stati e lavorano per raggiungere degli obiettivi comuni in determinate aree. Sono delle istituzioni importanti, universalmente riconosciute, e che hanno una grande rilevanza considerando la serietà dei compiti svolti e delle problematiche che affrontano. Per fare alcuni esempi concreti: l'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) o l'UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia). Le organizzazioni internazionali non governative (ONG) si differenziano in quanto sono indipendenti dai governi. Non hanno scopo di lucro e sono in grado di operare grazie alle donazioni. Tra le più note: Save the Children, il WWF e la Croce Rossa.

Di cosa si occupano le organizzazioni internazionali

Come dicevamo, le organizzazioni internazionali operano in diversi settori, per cui possono coinvolgere una vasta gamma di attività. Gli obiettivi di ciascuna sono diversi e possono convergere in alcuni momenti, dato che rappresentano delle sfide per migliorare la società e le problematiche comuni e principali dei vai Paesi. Dunque, le organizzazioni possono operare per sviluppare i rapporti tra i vari Stati e crearne di nuovi, favorire la crescita economica, occuparsi di ricerca scientifica, trattare di diritti umani fondamentali, della salute dei bambini, fermare i conflitti internazionali, valorizzare la cultura di un Paese o internazionale. Vista l’importanza e la varietà di questi temi, sono molti i professionisti che lavorano in questo campo, ciascuno con capacità e interessi diversi. 

Formazione necessaria per poter lavorare nelle organizzazioni internazionali

Dopo aver visto le differenze tra le organizzazioni internazionali e capito di cosa si occupano, a questo punto vi starete chiedendo quale corso di laurea è più adatto per poter intraprendere una carriera in questo settore. Per poter lavorare nelle organizzazioni internazionali non esiste un vero e proprio corso di laurea specifico, proprio perché, come abbiamo appena visto, queste lavorano in diversi settori e con obiettivi anche molto diversi tra loro. Sicuramente ci sono delle competenze che un professionista deve avere per poter entrare in questo ambito e degli studi che possono orientare verso questo tipo di professione. Andiamo a vederle insieme.

 

  • Corso di laurea: se parliamo di istruzione universitaria, sicuramente i titoli di laurea in relazioni internazionali, scienze politiche, ma anche economia o giurisprudenza, potrebbero rappresentare un buon apripista verso questa carriera. Anche dei corsi di perfezionamento o dei master possono essere adatti, questi devono essere relativi all’area in cui si vuole operare e sono utili per approfondire delle conoscenze.
  • Lingue straniere: muovendosi in campo internazionale le lingue sono fondamentali. L’inglese è praticamente obbligatorio ed è quasi dato per scontato al giorno d'oggi. Dunque, conoscere una terza lingua potrebbe aiutare a ottenere un lavoro in un’organizzazione internazionale. Se decidete di fare un corso meglio optare per quelli con esame ufficiale certificato, in modo da poter dimostrare la conoscenza della lingua in questione.

Competenze per lavorare nelle organizzazioni internazionali

Questo settore è colmo di opportunità e, dato il suo vasto e diversificato raggio d’azione, rappresenta un mondo affascinante per i giovani laureati e per chi si appresta a iniziare gli studi universitari. Ottenere un lavoro in questo campo potrebbe essere difficile, in quanto richiede conoscenze diverse e un profilo poliedrico. Come abbiamo visto, inoltre, non esiste un percorso di studi univoco. Anche l’esperienza e le capacità di ciascuno contano. Ad esempio, un candidato per un posto di lavoro in un’organizzazione internazionale deve essere in grado di comunicare in maniera corretta, in base al contesto in cui opera, sia a livello scritto che parlato. Inoltre, capacità analitiche e di problem solving possono sicuramente tornare utili. Oltre a questo, avere sul curriculum un’esperienza in un contesto internazionale può aiutare. Ci riferiamo a un Erasmus, un progetto europeo, uno stage proprio presso un’organizzazione internazionale, insomma delle esperienze o attività in cui si è immersi in un contesto multiculturale. 

Gli sbocchi professionali nelle organizzazioni internazionali

Gli sbocchi professionali sono molti e differenti tra loro. Visti i diversi ambiti in cui possono operare le organizzazioni internazionali, le figure coinvolte sono numerose e con profili differenti. Ci sono delle carriere tecniche e ruoli più specializzati come avvocati o direttori, che richiedono esperienza e studi specifici. Esistono anche altre opportunità, che possono avere anche durata limitata nel tempo e che dipendono dal campo in cui l’organizzazione internazionale agisce. Ad esempio, l’ONU gestisce dei professionisti che lavorano come peacekeeper, che sono coinvolti nell’assistenza umanitaria e nella gestione dei conflitti. Tra gli altri lavori citiamo quello dei supervisori elettorali. Questi fanno riferimento a organizzazioni come OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) e sono delle collaborazioni a tempo determinato. Possono essere richieste determinate competenze giuridiche per ricoprire questo ruolo. Anche il Ministero della Difesa può mettere a disposizione delle opportunità, infatti periodicamente cerca ufficiali e sottoufficiali

Come trovare lavoro nelle organizzazioni internazionali

Come abbiamo visto, si tratta di un ambito estremamente variegato e che necessita numerose figure. Vi state chiedendo come trovare lavoro nelle organizzazioni internazionali? In base ai vostri studi, alle vostre esperienze e ai vostri interessi potrete individuare delle organizzazioni presso cui vi piacerebbe lavorare e controllare le loro pagine web ufficiali alla ricerca di posizioni aperte.

Non solo, chi cerca un ruolo di funzionario può fare riferimento al sito del Ministero degli Affari Esteri. Questo si occupa anche di sostenere la mobilità di professionisti italiani nell varie organizzazioni. Come fare? Potrete caricare il curriculum per ricevere eventuali offerte nel caso di opportunità in linea con le vostre esperienze.

Leggi altri contenuti sull'ambito politico-sociale e comunicazione

Un consiglio in più