Lavorare negli U.S.A.: requisiti di accesso, il visto, dove cercare un’occupazione

Avete intenzione di partire per lavorare negli U.S.A.? Vediamo qual è la tipologia di visto da richiedere e come cercare lavoro.

Lavorare negli U.S.A.: requisiti di accesso, il visto, dove cercare un’occupazione

Lavorare negli U.S.A.

Siete amanti degli States e sognate di trovare un lavoro e trasferirvi? Se volete che questo sogno si possa realizzare, probabilmente sarete già alla ricerca di informazioni in rete relative a come lavorare negli Stati Uniti d'America. Sono molti i professionisti che credono nell'American Dream e che, pertanto, hanno intenzione di partire per quest'avventura all'estero. Tuttavia, non si tratta di un percorso del tutto semplice. Chi ha intenzione di partire deve considerare diversi fattori che possono complicare l’intero processo e richiedere del tempo. Agendo con largo anticipo e preparandosi nel modo giusto è possibile lavorare negli U.S.A. Per questo motivo, nei paragrafi che seguono troverete tutta una serie di informazioni interessanti, che vi saranno utili nei vari step che precedono questo grande passo della vostra carriera professionale: dalla richiesta del visto, alla ricerca di lavoro, passando per i requisiti necessari per l’ingresso nel Paese.

Requisiti di accesso per gli Stati Uniti

Per poter accedere al mercato lavorativo degli States ci sono determinati requisiti da rispettare. Trovare un impiego negli Stati Uniti richiede una preparazione previa e una serie di documenti utili al caso. Dunque, è necessario conoscere i vari passi prima di cominciare con la ricerca pratica di un lavoro. Ci sono tre possibili requisiti necessari da tenere in considerazione, che permettono di poter ottenere un contratto e partire. Come primo, tenete presente il visto di lavoro. Si tratta del modo più comune per poter partire con l’obiettivo di lavorare negli U.S.A. Ne esistono varie tipologie, utili a seconda della situazione di partenza di ogni lavoratore. Il secondo metodo prevede l’ottenimento della Green Card. Questa concede la residenza permanente a chi la possiede. È difficile ottenerla, ma garantisce maggiori garanzie e stabilità. La terza opzione da valutare è relativa ai programmi di scambio, che offrono l’opportunità di lavorare per un periodo determinato negli States. 

Il visto per lavorare negli U.S.A.

Tra i tre requisiti che abbiamo appena illustrato il visto è il metodo più comune per i professionisti che vanno a lavorare negli U.S.A. Come dicevamo, ne esistono di diversi, a seconda della situazione lavorativa e personale del professionista che parte per gli Stati Uniti. Vediamo insieme quelli più importanti: 

  • J-1: questa tipologia rientra nel programma exchange visitor; ha l’obiettivo di favorire la comunicazione e i rapporti con gli altri Stati. Chi lo ottiene ha la possibilità di trovare un lavoro a tempo determinato;

  • L-1: questo visto è dedicato ai professionisti che ottengono un trasfeirmento nella stessa compagnia per cui lavorano, ma nella sede statunitense. La durata è limitata;

  • H-1B: questa tipologia è per i lavoratori specializzati. Per poterlo ottenere è necessario avere un’offerta di lavoro da una compagnia degli Stati Uniti. Ha una durata massima di sei anni;

  • O-1: questo visto può essere richiesto e ottenuto da professionisti che hanno delle grandi capacità in settori come quelli dell’arte, degli affari, dello sport, dell’intrattenimento o della scienza.

Per capire qual è il visto corretto, che dovrete richiedere in base alla vostra situazione professionale, valutate la possibilità di chiedere supporto legale.

Ci sono degli avvocati che sono specializzati in immigrazione negli Stati Uniti che possono esservi d’aiuto in questo cruciale processo.  

Dove cercare un'occupazione negli U.S.A.

Dopo la nostra panoramica sui requisiti per lavorare negli Stati Uniti e sui principali tipi di visto che si possono richiedere, vediamo ora insieme dove cercare un’occupazione negli U.S.A. Trovare un’opportunità di lavoro che fa al caso vostro sarà il passaggio successivo nella vostra preparazione. Sicuramente potrete fare riferimento ai siti web specifici, creati per pubblicare le offerte di lavoro. Su tutte, la piattaforma LinkedIn, ma anche le pagine web come Glassdoor, CareerBuilder, Monster e Indeed. Anche i social network possono essere utili a questo scopo. Potrete trovare dei gruppi in cui vengono postate delle offerte o potrete conoscere dei professionisti che già lavorano negli States e che possono fare dei referral nelle loro aziende. Potrete anche cercare e partecipare a delle fiere o eventi del vostro campo, per entrare così in contatto con compagnie americane e cercare lavoro tramite loro. Un altro metodo è quello di contattare le aziende direttamente. Se ne conoscete alcune per cui vi piacerebbe lavorare andate sul loro sito e compilate il form di contatto o cercate eventuali offerte pubblicate online. 

Il contesto statunitense

Partire per un lavoro negli Stati Uniti, come abbiamo detto, richiede del tempo e della preparazione per ottenere tutti i documenti necessari. Oltre a ciò, prima di fare il grande passo, ci sono alcuni fattori da tenere in considerazione, che caratterizzano il contesto degli States e lo differenziano da quelli italiano ed europeo. Primo tra tutti: l’assicurazione sanitaria. La sanità statunitense è estremamente cara, per cui assicuratevi che l’azienda per cui andrete a lavorare vi offra un'assicurazione una valida, o considerate l’acquisto di una voi stessi, in modo tale da essere sicuri. Informatevi sul sistema fiscale degli U.S.A., cercate di capirne il funzionamento e di fare le dovute dichiarazioni in maniera accurata per evitare errori o problemi. Il costo della vita in alcune città potrebbe essere elevato. Fate delle ricerche per capire di che stipendio avreste bisogno per vivere bene e valutate, di conseguenza, le varie offerte di lavoro che potreste ricevere. La cultura del lavoro è diversa rispetto a quella a cui siete abituati, dalle ore lavorative all’etichetta negli uffici. Cercate di raccogliere più informazioni possibili in modo da non farvi trovare impreparati. 

Leggi altri contenuti sui lavori all'estero

Un consiglio in più