Lauree per trovare lavoro: il rapporto OCSE punta sulle STEM

Di Veronica Adriani.

Rapporto OCSE Education at a glance: in Italia tanti NEET e pochi occupati, tranne per il settore scientifico. Le lauree per trovare lavoro sono le STEM

LAUREE PER TROVARE LAVORO

lauree per trovare lavoro
lauree per trovare lavoro — Fonte: istock

Il rapporto OCSE sull'istruzione superiore e l'occupazione giovanile parla chiaro: l'Italia non brilla certo per tasso di occupazione post-lauream, ma molto dipende dal settore di studi scelto. Se solo il 19% dei cittadini italiani fra i 25 e i 64 anni allo stato attuale risulta aver ottenuto un titolo post-diploma (a fronte di una media europea del 37%) è anche vero che il tasso di successo dipende soprattutto dal tipo di laurea o diploma superiore in possesso.

Iscriviti al gruppo Facebook Orientamento Universitario per rimanere sempre aggiornato su tutte le news e chiedere consigli sugli atenei e i corsi di laurea. 

STEM E OCCUPAZIONE

Se gli ITS continuano ad essere scelti da una minoranza in Italia - parliamo dell'1,7% degli studenti che scelgono di proseguire gli studi dopo il diploma - il tasso di occupazione scende progressivamente man mano che dalle materie scientifiche si passa a quelle umanistiche, o si scelgono settori scientifici di minor rilevanza per il mercato del lavoro. Ecco dunque una panoramica dei tassi di occupabilità delle singole aree:

  • Informatica e telecomunicazioni: 87%
  • Ingegneria meccanica o edile: 85%
  • Discipline artistiche: 72%
  • Discipline umanistiche: 78%
  • Altri settori STEM (scienze naturali, matematica o statistica): 78%

Le lauree scientifiche - dunque il settore STEM - sono quindi le più utili per trovare lavoro in Italia.

LAUREE E GUADAGNI

Il rapporto evidenzia come in Italia chi sceglie di proseguire gli studi dopo il diploma guadagni in media il 39% in più rispetto a chi ha un titolo di studi inferiore. Tuttavia, anche qui la discrepanza con la media europea si fa sentire: nel resto d'Europa i guadagni di chi ha una laurea sono più alti del 57% rispetto a chi non ce l'ha.

Di conto, le spese universitarie in Italia non sono particolarmente contenute: nonostante la possibilità di ottenere borse di studio per merito e per reddito, le tasse universitarie nel nostro paese risultano inferiori solo a Gran Bretagna e Lituania, e molto vicine a Olanda e Spagna. L'OCSE parla di circa 1700 euro per una laurea triennale e quasi 1900 per una specialistica. Tuttavia, le borse di studio sono considerevolmente aumentate nel numero, al punto che gli studenti beneficiari di borse di studio statali a copertura totale sono aumentati dal 17% al 39%.