La notte Santa: poesia di Natale di Guido Gozzano

Di Marta Ferrucci.

La notte santa di Guido Gozzano: testo della poesia e biografia del poeta autore del celebre componimento

LA NOTTE SANTA DI GUIDO GOZZANO

La notte santa di Guido Gozzano: testo della poesia di Natale
La notte santa di Guido Gozzano: testo della poesia di Natale — Fonte: getty-images

Guido Gozzano era un poeta solitario, un'anima sofferente nello spirito e nel corpo. Era infatti malato di tisi, cosa che lo portava ad aspirare a vivere in modo diverso da quello che gli era toccato in sorte. Questo conflitto interiore caratterizzò non solo la sua esistenza ma anche la sua cultura e la sua produzione poetica.  
Nei suoi scritti emerge un forte bisogno di amore e felicità a fronte della malattia e delle delusioni d'amore.

LA NOTTE SANTA: POESIA

Il testo completo della poesia di Guido Gozzano:

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell'osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.

Il campanile scocca
lentamente le sei.

- Avete un po' di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po' di posto per me e per Giuseppe?
- Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe

Il campanile scocca
lentamente le sette.

- Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
- Tutto l'albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell'osteria più sotto.

Il campanile scocca
lentamente le otto.

- O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
- S'attende la cometa. Tutto l'albergo ho pieno
d'astronomi e di dotti, qui giunti d'ogni dove.

Il campanile scocca
lentamente le nove.

- Ostessa dei Tre Merli, pietà d'una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
- Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci. . .

Il campanile scocca
lentamente le dieci.

- Oste di Cesarea. . . - Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L'albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell'alta e bassa gente.

Il campanile scocca
le undici lentamente.

La neve! - ecco una stalla! - Avrà posto per due?
- Che freddo! - Siamo a sosta - Ma quanta neve, quanta!
Un po' ci scalderanno quell'asino e quel bue. . .
Maria già trascolora, divinamente affranta. . .

Il campanile scocca
La Mezzanotte Santa.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

È nato il Sovrano Bambino.
La notte, che già fu sì buia,
risplende d'un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaje
suonate; squillate, campane!
Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!

Non sete, non molli tappeti,
ma, come nei libri hanno detto
da quattro mill'anni i Profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Per quattro mill'anni s'attese
quest'ora su tutte le ore.
È nato! È nato il Signore!
È nato nel nostro paese!
Risplende d'un astro divino
La notte che già fu sì buia.
È nato il Sovrano Bambino.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

Approfondimenti: