La distribuzione dell'acqua sulla terra

Di Redazione Studenti.

Riassunto di geografia sulla quantità di acqua presente sulla terra e sulle modalità di distribuzione sul pianeta

DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA SULLA TERRA

Senza l’acqua la Terra non potrebbe ospitare la vita, in cui ebbe origine, miliardi di anni fa.

Ogni processo vitale, animale o vegetale sarebbe, infatti, impossibile in assenza di acqua come possiamo vedere nei deserti, anche quelli ghiacciati come l’Antartide e le più fredde cime montuose che essendo prive di acqua allo stato liquido sono le zone meno ospitali della terra.

Com'è distribuita l'acqua sulla Terra?
Com'è distribuita l'acqua sulla Terra? — Fonte: getty-images

Nonostante questo la Terra è l’unico pianeta del sistema solare a possedere acqua in grande abbondanza.

L’acqua presente sulla Terra costituisce l’idrosfera, il suo 97% è contenuto nei mari e negli oceani, che si estendono su circa ¾ della superficie terrestre. Gli oceani sono tre e le loro acque si trovano per la maggior parte, nell’emisfero meridionale.

GLI OCEANI

L’oceano più esteso è il Pacifico, che occupa più di 1/3 della superficie terrestre ed è anche il più profondo; si estende fra continente americano, Asia e Australia. Il secondo per dimensioni è l’oceano Atlantico, che si trova fra America, Europa e Africa. Comprende anche il Mar Glaciale Artico, il Mar Mediterraneo e il Mar delle Antille. Infine il più piccolo, ma non meno importante l’oceano Indiano, che prende il nome dalla penisola Indiana, e bagna le coste dell’Asia, dell’Africa, dell’Australia e anche quelle dell’Antartide.

Senza gli oceani la vita sul nostro pianeta non potrebbe esistere: essi, infatti, costituiscono la principale riserva di cibo, energia e minerali. Inoltre esercitano un'azione stabilizzatrice sul clima, poiché le correnti calde trasportano il calore dai tropici ai poli, mentre le correnti fredde seguono il percorso inverso. Grazie a quest’azione gli oceani regolano le temperature della terra.

Ascolta su Spreaker.

Il resto dell’acqua è distribuito nei ghiacciai, laghi, fiumi, compresi quelli sotterranei, ed è mantenuta costante attraverso dei fenomeni fisici.

Per esempio l’acqua marina e dolce è soggetta a una continua evaporazione a causa del calore solare. Una volta evaporata, l’acqua sale nell’atmosfera e, dopo un tempo variabile, ricade sotto forma di pioggia, neve e grandine.

L’acqua dolce rappresenta solo il 3% dell’idrosfera, e la sua distribuzione nelle varie parti del mondo dipende dalle precipitazioni e dall'evaporazione, diversa in ogni regione climatica del mondo.

Troviamo, quindi, regioni prive di corsi d’acqua, che sono dette areiche, caratterizzate da un clima arido e da rare piogge e brevi, che formano corsi d’acqua con una veloce evaporazione.

Nelle regioni endoreiche i corsi d’acqua, invece, sono presenti ma non raggiungono il mare, sfociando invece in laghi privi di emissari.

Le zone in cui il corso dei fiumi arriva sino al mare sono dette esoreiche: qui troviamo i fiumi più lunghi e più ricchi d’acqua con una portata costante. Di solito questi hanno origine sulle catene montuose dai ghiacciai permanenti, oppure scorrono nelle regioni equatoriali, dove la piovosità è abbonante e uniforme.

Leggi anche: