La danza di Matisse: analisi

Di Redazione Studenti.

La Danza di Matisse: analisi del dipinto a olio su tela, realizzato dall'artista francese nel 1909-1910 che rappresenta cinque figure in una sorta di danza

LA DANZA DI MATISSE

La Danza di Matisse: analisi
La Danza di Matisse: analisi — Fonte: getty-images

La Danza è un famoso dipinto a olio su tela, realizzato dall'artista francese Henri Matisse nel 1909-1910. Rientra nella categoria della pittura Fauve, che caratterizzava l'arte modernista del primo Novecento. Il dipinto rappresenta cinque figure in una sorta di danza, circondate da un paesaggio astratto fatto di forme e colori brillanti. La tavolozza di Matisse è vibrante e i colori sono spesso utilizzati in maniera pura, non per rappresentare il mondo reale ma per creare un'atmosfera emozionale.

La Danza è stata interpretata in molti modi, con molte persone che la vedono come un simbolo di gioia e libertà. La composizione aperta e dinamica del dipinto e l'utilizzo dei colori brillanti hanno contribuito a creare un'immagine vibrante e allegra che ha ispirato molti altri artisti nel corso degli anni.

Oggi, la Danza di Matisse è considerata un'opera fondamentale dell'arte modernista e un esempio dell'arte Fauve. È conservata presso il Museo Hermitage di San Pietroburgo, in Russia.

DESCRIZIONE

La Danza raffigura cinque figure che danzano sulla linea di confine tra terra e cielo. Le braccia delle figure sono protese verso l'altro, tenendo stretto un cerchio che sta per aprirsi. La figura protesa in avanti cerca di afferrare la mano dell'uomo, mentre quest'ultimo si torce per allungare la propria mano verso di lei. Il verde a sinistra rappresenta la terra, mentre il blu in alto rappresenta uno spazio siderale più vasto. La deformazione nella curvatura del verde è causata dal peso del piede di uno dei danzatori. Questa descrizione suggerisce un'atmosfera intensa e misteriosa, dove la danza simboleggia un'unione tra mondi diversi.

ANALISI

Questo quadro comunica un'impressione immediata. La danza che unisce cinque figure in un cerchio è rappresentata con pochi tratti e tre colori. Il risultato è un'immagine simbolica che lascia spazio a molte interpretazioni. La danza può essere vista come un'allegoria della vita umana, che consiste in un continuo movimento verso l'unione con gli altri.

Tutto ciò accade sulla soglia tra l'essere e il non essere. Il vortice circolare in cui sono coinvolti esprime sia la gioiosità della vita in movimento sia l'ansia della necessità di dover continuare a ballare senza sosta.

I dipinti di Matisse sono caratterizzati da una bidimensionalità accentuata, con una scelta volutamente sacrificata della tridimensionalità e dei dettagli in favore del colore. Matisse utilizza colori primari vivaci e intensi, accostandoli a colori complementari per creare un forte contrasto cromatico.

In questo quadro Matisse giunge ad una sintesi totale tra contenuto e forma, riuscendo ad esprimere alcune delle profonde verità che regolano, non solo la vita dell’uomo, ma dell’intero universo. Matisse appartiene al movimento dei Fauves, che in francese significa “belve”, per il modo di accostare sulla tela colori puri forti e contrastanti.

Leggi anche: