L'importanza di chiamarsi Ernesto: riassunto

Di Redazione Studenti.

L'importanza di chiamarsi Ernesto: riassunto dell'opera di Oscar Wilde. Trama, personaggi, breve analisi del testo. Di cosa parla

L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO

Locandina dell'opera di Oscar Wilde
Locandina dell'opera di Oscar Wilde — Fonte: getty-images

L'importanza di chiamarsi Ernesto è, insieme al Ritratto di Dorian Gray, una delle opere più famose di Oscar Wilde. La commedia, rappresentata per la prima volta nel 1895, racconta della doppia vita dei due protagonisti maschili, ed è è una satira dell’ipocrisia e del moralismo della società vittoriana che attribuiva grande importanza alle apparenze.

L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO, RIASSUNTO

Jack Worthing, uomo baldanzoso dagli sconosciuti natali, vive in campagna insieme a Cecily, una ragazza diciottenne di cui è tutore, e con l'istitutrice di quest'ultima, Miss Prism.

Jack decide di trasferirsi a Londra e di frequentare i salotti cittadini presentandosi come Ernest: intende soprattutto visitare la casa dell'amico Algernon Moncrieff, per poter incontrare sua cugina, la bella Gwendolen Fairfax, della quale è intenzionato a chiedere la mano.

La giovane accetta la proposta di matrimonio, convinta anche dal fatto che il suo pretendente si chiami Ernest, nome che su di lei esercita un particolare fascino.

Intanto Algernon viene a sapere che all'amico è stata affidata la giovane Cecily e, desiderando conoscerla, va in campagna: riesce ad entrare in casa e la seduce, affermando di essere il fratello minore di Jack.

Nel frattempo arriva lo stesso Jack, raggiunto presto da Gwendolen, decisa a sposarsi nonostante l'opposizione della madre, Lady Bracknell, ostile al matrimonio per aver scoperto che Jack è un orfano, poi adottato da una famiglia benestante.

Cecily e Gwendolen così diventano amiche ma, confidandosi, scoprono che i rispettivi fidanzati hanno mentito sulla propria identità; dopo vari litigi tra i quattro, però, tutto pare appianarsi.

Di lì a poco, in cerca della figlia Gwendolen, giunge in campagna anche Lady Bracknell, che viene a conoscenza del fidanzamento del nipote Algernon con Cecily e, vista la ricca dote della ragazza, lo approva senza riserve.

A questo punto però è Jack, in qualità di tutore della ragazza, a rifiutare il proprio consenso, almeno finché Lady Bracknell continuerà a opporsi al suo matrimonio con Gwendolen.

L'intricata vicenda si risolve soltanto quando compare l'istitutrice di Cecily, Miss Prism, nella quale Lady Bracknell riconosce la donna che, molti anni prima, era scomparsa portando con sé il figlio primogenito di sua sorella, Mrs Moncrieff: si scopre quindi che Jackè nei fatti il fratello maggiore di Algernon e il suo vero nome è proprio Ernest.

Risolti quindi tutti i dubbi sulle sue origini, Jack può finalmente sposare Gwendolen e  Cecily diventa la moglie di Algernon.

COME FARE UN BUON RIASSUNTO: IL PODCAST

Ascolta il podcast che ti spiega come fare un buon riassunto a partire da un testo.

Ascolta su Spreaker.