Iscrizioni scuola 2023-24: chi ha la precedenza se non c'è posto

Di Maria Carola Pisano.

Iscrizioni scuola 2023-24: cosa succede se non c'è posto nella scuola indicata per prima? Ecco i criteri da tenere in considerazione

ISCRIZIONI SCUOLA 2023-24

Iscrizioni scuola 2023-24: chi ha la precedenza se non c'è posto
Iscrizioni scuola 2023-24: chi ha la precedenza se non c'è posto — Fonte: getty-images

C'è ancora tempo fino al 30 gennaio per inviare le iscrizioni a scuola 2023-24. La procedura è da fare completamente online per tutte le classi prime delle scuole statali primarie e secondarie di primo e secondo grado, utilizzando le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CIE (Carta di identità elettronica) o eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature).  

ISCRIZIONI SCUOLA 2023-24: CHI HA LA PRECEDENZA

Nelle domande delle iscrizioni a scuola 2023/24 le famiglie possono indicare fino a un massimo di tre istituti: la prima scelta e due alternative. Può succedere che nella scuola indicata come prima preferenza non ci sia posto: chi ha la precedenza in questo caso? Quali sono i criteri da tenere in considerazione? 

Secondo la nota del Ministero: 

"Nel rispetto dell’autonomia delle istituzioni scolastiche, i criteri di precedenza deliberati dai singoli Consigli di istituto debbono rispondere a principi di ragionevolezza quali, a puro titolo di esempio, quello della vicinanza della residenza dell’alunno/studente alla scuola o quello costituito da particolari impegni lavorativi dei genitori e degli esercenti la responsabilità genitoriale. Non può viceversa essere data priorità alle domande di iscrizione in ragione della data di invio delle stesse. Si ritiene sia da evitare, quale criterio di precedenza, l’esito di eventuali test di valutazione. L’estrazione a sorte si valuta costituisca extrema ratio. "

Gli alunni provenienti dalle scuole primarie dello stesso istituto comprensivo hanno la priorità nell’iscrizione alla scuola secondaria di primo grado rispetto a quelli provenienti da altri istituti. Ma questo deve essere indicato nelle delibere del Consiglio di istituto che fissano i criteri di precedenza.

E se non ci fosse posto anche nell'ultimo istituto indicato, sarà l’ultima scuola che tratta la domanda di iscrizione ad affiancare la famiglia nell’individuazione di una diversa istituzione scolastica idonea e ad accertarsi che il procedimento si concluda con l’effettiva iscrizione dell’alunno.

Leggi anche:

Se sei alle prese con la scelta della scuola superiore? Fai il nostro test per sapere per quale sei più portato e scopri tutte le informazioni sui licei, gli istituti tecnici e professionali: