#ioleggoperché 2016, si parte! Intervista al Liceo Kant di Roma

Di Marta Ferrucci.

#ioleggoperché 2016, come funziona? Lo raccontano i diretti interessati che Studenti.it ha intervistato al Liceo Kant di Roma

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

#ioleggoperché 2016: inizia la raccolta dei libri

Ragazza con occhiali e libri
Ragazza con occhiali e libri — Fonte: istock

Dopo mesi di preparativi e migliaia di gemellaggi fra scuole, librerie e messaggeri, prende il via la raccolta di libri di #ioleggoperché, con l’obiettivo di arricchire le biblioteche scolastiche e crearne di nuove dove serve. Una missione ambiziosa ma necessaria, che è valsa a #ioleggoperché l’assegnazione della Medaglia del Presidente della Repubblica. Per realizzare questo ambizioso progetto sono scesi in campo più di 1.400 librerie, 1.500 messaggeri e quasi 100 testimonial speciali.

Come funziona? Ce lo racconta una prof

Studenti.it è andata in una delle scuole romane gemellate con #ioleggoperché 2016, il Liceo Ginnasio Immanuel Kant di Roma, per capire le motivazioni di professori e studenti che sono alla base di questa adesione.
Abbiamo intervistato la Prof.ssa Claudia Cacciò, insegnante di inglese: il suo obbiettivo é arricchire la biblioteca scolastica con testi poetici e classici della letteratura che ha inserito nella lista girata alla libreria con cui la scuola si è gemellata. Chi vorrà fare un regalo al Kant o alle altre scuole gemellate per arricchire le biblioteche scolastiche o crearne di nuove troverà all'interno della libreria un angolo dedicato a #ioleggoperché 2016 con le indicazioni dei testi richiesti dalle scuole.

#ioleggoperché... la parola agli studenti

Perché leggi? Lo abbiamo chiesto agli studenti. Ecco cosa ci hanno risposto:
"Perché mi fa evadere dalla realtà" (Davide)
"Io leggo perché leggere mi ha insegnato a pensare"
(Elena)
"Perché mi piace immedesimarmi nelle storie che leggo" (Giulia)
"Perché vedo la vita da una prospettiva diversa" (Arianna)
"Perché leggere ti aiuta a conoscere e ad avere coscienza di quello che sei e ti aiuta a costruire meglio quello che sarà" (Federico)

Fonte: Studenti.it