Intelligenza emotiva: cos'è e perché è importante svilupparla

Di Deborah Disparti.

Cos'è l'intelligenza emotiva? Caratteristiche e significato della capacità di riconoscere e gestire le emozioni proprie e altrui. Ecco perché è importante svilupparla.

Cos'è l'intelligenza emotiva?

L'intelligenza emotiva
L'intelligenza emotiva — Fonte: getty-images

Saper riconoscere sentimenti ed emozioni proprie e altrui, saperle gestire e utilizzare come informazioni utili per guidare il nostro comportamento e il nostro pensiero è possibile grazie allo sviluppo dell’intelligenza emotiva.
Spesso si considera l’intelligenza come legata al concetto di cultura, ma la realtà è che l’intelligenza è una capacità cognitiva che si sviluppa in molti modi ed ambiti diversi. Tra le diverse tipologie di intelligenza, una delle più importanti per il nostro benessere quotidiano è sicuramente quella emotiva. L’intelligenza emotiva si caratterizza per la capacità di utilizzare le informazioni derivanti dalle emozioni proprie e altrui nel modo più funzionale possibile.

Questa intelligenza è supportata da diverse capacità, in particolare Goleman (1995) ne ha individuate 5 che possono essere tutte allenate e sviluppate per aumentare il quoziente emotivo:

  • Autoconsapevolezza: riconoscimento delle proprie emozioni, bisogni, limiti e risorse;
  • Autoregolazione: gestire le proprie emozioni, i propri impulsi e bisogni e sapersi adattare a nuovi contesti;
  • Motivazione: capacità di investire energie sul raggiungimento dei propri obiettivi;
  • Empatia: sapersi mettere nei panni dell’altro, riconoscendone emozioni e bisogni, comprendere come rispondere a queste necessità ed essere disposti a sostenerlo;
  • Abilità sociali: tutte quelle abilità che ci consentono di stare in relazione con l’altro in modo ottimale; ad esempio le capacità di comunicazione, di gestione dei conflitti, di persuasione che permettono alla relazione di crearsi e di orientarsi verso un obiettivo condiviso; 

A cosa serve l'intelligenza emotiva?

Le funzioni dell'intelligenza emotiva sono quindi molteplici e di grande aiuto nella vita quotidiana, nelle relazioni e per la soddisfazione dei nostri obiettivi. Se questa capacità è ben sviluppata ci permette infatti di:

  • gestire le nostre emozioni per ridurre stress e malessere;
  • comunicare in modo efficace le nostre emozioni a noi stessi e agli altri;
  • creare relazioni forti e significative, arricchenti e stimolanti;
  • incanalare al meglio le nostre risorse per il raggiungimento dei nostri obiettivi;
  • accettare i momenti di malessere propri e altrui e rispondere in modo adeguato ai bisogni;
  • sviluppare una prospettiva più ottimista;
  • avere a disposizione punti di vista diversi, sia logici che emotivi, per la risoluzione di problemi e la
    presa di decisioni;
  • maggiori possibilità di successo in ambito scolastico e lavorativo;

In generale ci permette quindi di vivere in modo più soddisfacente le relazioni, di costruire una sicurezza interna più solida e di affrontare le sfide della vita con maggiori strumenti e risorse a disposizione.
Attenzione però a non confondere questa capacità con l’illusione di essere sempre felici, calmi e controllati: questi possono essere al più dei tratti personali ma non sono correlati alla capacità di intelligenza emotiva.

Come sviluppare l'intelligenza emotiva

Come abbiamo visto, l’intelligenza emotiva nasce dalla combinazione di diverse capacità che possono essere stimolate ed allenate sia in autonomia sia attraverso un sostegno psicologico. Ancor meglio sarebbe avere la possibilità di apprenderle in infanzia nel contesto scolastico.

Ad ogni modo, si tratta di una capacità che può sempre essere appresa e rinforzata, e per farlo può essere utile:

  1. Imparare a nominare le emozioni: sapere cosa proviamo ci permette di gestirlo più efficacemente;
  2. Osserva come le tue emozioni ti influenzano: le nostre emozioni sono delle importanti fonti di informazioni ma spesso le usiamo come se fosse l’unica guida che abbiamo a disposizione; è importante comprendere come influenzano i nostri pensieri e comportamenti così da regolarci nel modo migliore;
  3. Pratica la Mindfulness: essere centrati sul qui ed ora ci permette di ascoltare senza giudizio emozioni e sentimenti propri e altrui;
  4. Osserva e nota le emozioni altrui: saper riconoscere cosa muove il comportamento altrui ci permette di regolarci di conseguenza, e spesso questo evita scontri e attriti inutili
  5. Scrivi: prenditi del tempo ogni giorno per annotare emozioni, sentimenti, stati d’animo; questo ti aiuterà a prendere sempre maggior consapevolezza di ciò che provi e delle dinamiche implicate;

Leggi anche: