Incendio a Notre Dame e la profezia di Victor Hugo che si avvera

Di Marta Ferrucci.

La notte tra il 15 ed il 16 aprile la cattedrale di Notre Dame di Parigi è stata devastata da un incendio. Victor Hugo nel romanzo Notre Dame de Paris aveva descritto la tragedia quasi 90 anni fa. Ecco il testo

INCENDIO A PARIGI: NOTRE DAME DEVASTATA DALLE FIAMME

Notre Dame prima e dopo l'incendio
Notre Dame prima e dopo l'incendio — Fonte: ansa

Nella notte tra lunedì 15 aprile e martedì 16 uno dei più famosi monumenti di Parigi - la cattedrale di Notre Dame - è andata a fuoco, devastata da un incendio durato ore che ha provocato il crollo della guglia e del tetto dell'edificio. 
L'incendio sembra essere partito dall'impalcatura messa a punto per il restauro della cattedrale, attività che sarebbe durata diversi anni. Dalla distruzione si sono però salvate le statue dei 12 apostoli, rimosse nei giorni scorsi, appunto, per poter essere restaurate.

NOTRE DAME DE PARIS E VICTOR HUGO

Notre Dame è stata costruita tra il 1163 ed il 1250. Ha resistito all'usura dei secoli e alla devastazione della Rivoluzione Francese che ne distrusse le statue della facciata e gli oggetti preziosi, questi ultimi sequestrati, inviati alla zecca e fusi.
Dopo i danni provocati dalla Rivoluzione all'edificio, nei primi decenni del 1800 personaggi illustri dell'epoca si mobilitarono affinchè la cattedrale venisse restaurata. Tra questi c'era Victor Hugo che, grazie al suo romanzo Notre Dame de Paris riuscì nell'intento di sensibilizzare l'opinione pubblica attirando l'attenzione di tutto il Paese sull'edificio. Una volta restaurata e tornata agli antichi splendori del medioevo, Notre Dame venne consacrata il 31 maggio del 1864 dall'arcivescovo di Parigi Georges Darboy.

LA PROFEZIA DI VICTOR HUGO SU NOTRE DAME

Ritratto di Victor Hugo
Ritratto di Victor Hugo — Fonte: istock

Victor Hugo nel suo Notre Dame de Paris descrive l'incendio della cattedrale e oggi il racconto di quella devastazione riprende esattamente le scene a cui si è assistito nella notte:
"Tutti gli occhi si erano alzati verso la cima della chiesa. Ciò che vedevano era straordinario. Sulla sommità della galleria più alta, ancora più su del rosone centrale, c'era una grande fiamma che saliva fra i due campanili con turbini di scintille, una grande fiamma disordinata e furiosa, di cui il vento ogni tanto si portava via un lembo nel fumo.
Al di sotto di questa fiamma, al di sotto della cupa balaustra a trifogli di brace, due doccioni come fauci di mostri vomitavano senza posa quella pioggia ardente che si stagliava con la sua colata argentea sulle tenebre della facciata inferiore. A mano a mano che si avvicinavano al suolo, i due getti di piombo liquido si allargavano a fascio come l'acqua che zampilla dai mille fori dell'annaffiatoio. Sopra la fiamma, le enormi torri, di ciascuna delle quali si vedevano due facce crude e stagliate, una tutta nera, l'altra tutta rossa, sembravano ancora più grandi di tutta l'immensità dell'ombra che proiettavano fino al cielo. Le innumerevoli sculture di diavoli e draghi prendevano un aspetto lugubre. Il chiarore vacillante della fiamma le facevano muovere. C'erano biscioni che sembravano ridere, figure animali che pareva di udir guaire, salamandre che soffiavano nel fuoco, tarasques che starnutivano nel fumo. E fra quei mostri risvegliati così nel loro sonno di pietra da quella fiamma, da quel rumore, ce n'era uno che camminava e che di tanto in tanto si vedeva passare dinanzi al rogo ardente, come un pipistrello davanti a una candela".

NOTRE DAME, LE FOTO DI COME ERA E DI COME E'

NOTRE DAME, TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Ancora per diversi giorni Notre Dame sarà al centro dell'attenzione di tutti, professori compresi. Qui di seguito ti segnaliamo contenuti e approfondimenti sulla cattedrale e sull'arte gotica, Parigi, Victor Hugo, sulla cultura e l'identità occidentale e l'importanza dei simboli che la rappresentano.

INCENDIO A NOTRE DAME: GUARDA IL VIDEO