Illuminismo e Romanticismo a confronto

Di Redazione Studenti.

Schema sulle principali differenze tra Illuminismo e Romanticismo dal punto di vista filosofico, storico, culturale e non solo

ILLUMINISMO E ROMANTICISMO A CONFRONTO

Illuminismo e Romanticismo a confronto
Illuminismo e Romanticismo a confronto — Fonte: getty-images

L’illuminismo e il Romanticismo sono due correnti sviluppatesi in epoche diverse, ma che per alcuni versi sono considerate contemporanee; vi sono comunque alcune differenze che riguardano diversi aspetti, come il periodo storico, la filosofia, la religione, la tradizione, la storia, la natura, la religione e la nazione.

Contesto storico.

  • l’Illuminismo si sviluppa nel ‘700, qui vi è il trionfo della borghesia grazie all’intervento dei sovrani spodestati, vi è l’ottimismo, grazie al periodo di progressi e di conquiste sociali.
  • Il Romanticismo nasce nella prima parte dell’800, si diffonde dapprima in Italia e successivamente esso si diffuse soprattutto grazie alla guerra, qui non vi è l’ottimismo ma il pessimismo. Il pessimismo è causato dalla delusione storica, prima con l’Imperialismo Napoleonico, poi con la Rivoluzione Francese, quindi la storia aveva smentito l’ottimismo e diffuso il pessimismo.

Filosofia.

  • Nell’Illuminismo si sviluppa al suo interno il sensismo, cioè una sensazione basata sui sensi e il materialismo, cioè la concezione filosofica per la quale l’unica realtà che può realmente esistere è la materia.
  • Nel Romanticismo si sviluppa l’idealismo e lo spiritualismo. Per idealismo intendiamo una concezione del mondo secondo cui tutto ciò che è reale, è già di nostra conoscenza.

Ragione.

  • Nell’Illuminismo si esalta la ragione intesa come strumento di ricerca della felicità e quindi unica guida dell’azione umana.
  • Nel Romanticismo invece all’idea della ragione si affianca anche l’intuizione e il sentimento.

Tradizione.

  • L’Illuminismo rifiuta il blocco, la tradizione, il dogmatismo, la superstizione. Per dogmatismo intendiamo tutto ciò che non può essere spiegato dalla religione.
  • Per quanto riguarda il Romanticismo, esso accoglie l’idea di modernità e di rinnovamento della cultura e del giusto, rivaluta la tradizione nazionale e la intende come radice del popolo.

Storia.

  • Nell’Illuminismo vi è l’antistoricismo, infatti essi considerano alcune epoche storiche negative, cioè per loro esse sono il frutto dell’errore e del dogmatismo.
  • Mentre nel Romanticismo prevale lo storicismo, la storia qui è intesa come sviluppo progressivo.

Natura.

  • Per gli Illuministi la natura è una madre indifferente che obbedisce ad un ciclo di trasformazioni e ciò avviene anche inconsapevolmente, infatti la natura va contro tutto quello che è artificioso, ossia costruito dall’uomo. Qui la natura viene accostata alla ragione.
  • I Romantici distaccano l’idea di natura dalla ragione e l’affiancano al sentimento e all’intuizione (Sturm und Drang).

Religione.

  • Gli Illuministi alla religione rivelata contrappongono il deismo (fede in un ente supremo privo di connotati dogmatici) e il materialismo.
  • I Romantici promuovono la rinascita dello spirito religioso, sia come generico misticismo sia come cattolicesimo liberale (credere o meno in Dio).

Nazione.

  • L’Illuminismo afferma il cosmopolitismo (riguardante il cosmo) sulla base dell’egualitarismo indirizzando più alle conquiste sociali che all’indipendenza del popolo.
  • I Romantici invece sviluppano l’idea di nazione.